Principale / Assorbente interno

Oncomarker CA - tipi di analisi e significato in oncologia

Un gruppo efficace di marker tumorali viene utilizzato per diagnosticare efficacemente il cancro e controllare le metastasi. Oncomarker CA: si tratta di diverse varianti di strutture proteiche contenenti un antigene carboidrato e sono determinate da vari tipi di crescita tumorale. La possibilità di rilevare le fasi iniziali del cancro è minima, quindi molto spesso il medico utilizza test per diagnosticare precocemente la ricaduta o la metastasi del cancro.

Il marcatore tumorale CA-125 viene utilizzato per identificare i tumori degli organi riproduttivi femminili.

Oncomarker CA - Tipi di analisi comunemente utilizzati

Qualsiasi diagnosi in oncologia viene eseguita come prescritto dal medico: non è necessario eseguire esami del sangue per i marker tumorali inutilmente e con uno scopo profilattico. Ogni test consente di ottenere informazioni che devono essere valutate da uno specialista. Il marcatore tumorale CA spesso prescritto è:

Spesso, una combinazione di più test può fornire informazioni diagnostiche significativamente più utili rispetto al superamento di un test, quindi in ogni caso il medico prescriverà la quantità necessaria di esame.

CA-125

Il marker oncoembryonic CA-125 viene utilizzato nella maggior parte dei casi per la diagnosi di tumori ovarici maligni. In una donna sana, le proteine ​​vengono prodotte nell'endometrio (il rivestimento interno dell'utero), quindi sono possibili fluttuazioni della frequenza durante il mese a seconda della fase del ciclo mestruale.

Valore normale - fino a 35 U / ml.

Valori moderatamente elevati (fino a 50-60 ED / ml) possono essere nei seguenti casi:

  • cancro uterino;
  • tumori al seno;
  • oncologia degli organi interni (carcinoma del colon-retto, tumore del pancreas, neoplasia nello stomaco);
  • endometriosi;
  • infiammazione acuta ginecologica (annessite, endometrite);
  • polmonite;
  • pancreatite acuta;
  • insufficienza epatica renale.

Un aumento significativo (100 o più unità / ml) è caratteristico del carcinoma ovarico. Ma dovresti capire e sapere - quando un alto livello di marker tumorale appare nel sangue, questo indica la progressione del tumore, quindi è impossibile identificare lo stadio iniziale del cancro usando CA-125. Un oncologo nel trattamento del carcinoma ovarico utilizzerà il test per la diagnosi tempestiva di recidiva o metastasi (un aumento dell'indicatore apparirà 3-7 mesi prima che il paziente sviluppi disturbi e sintomi).

CA-15-3

Per monitorare il trattamento del carcinoma mammario, viene utilizzato il marker tumorale CA 15-3. La proteina oncofetale non è adatta per la diagnosi precoce dei tumori al seno, ma è ottimale per il monitoraggio regolare dei pazienti che hanno ricevuto una terapia di combinazione per neoplasie maligne delle ghiandole mammarie (alta sensibilità del test per rilevare recidive o metastasi).

La velocità dell'indicatore è fino a 30 U / ml.

Un esame del sangue deve essere preso come indicato da un medico

Un aumento di livello moderato può verificarsi nelle seguenti situazioni:

  • con mastopatia;
  • contro il cancro ai polmoni;
  • con un tumore nell'ovaio;
  • contro i tumori del pancreas.

Per la diagnosi, è ottimale assumere CA-15-3 insieme a CEA.

CA-19-9

Il marker oncoembryonic è usato per determinare il rischio di cancro degli organi interni e tumori del sistema digestivo. L'opzione migliore è la rilevazione del cancro del fegato e del pancreas.

Norma - 10 PEZZI ml.

Oltre al carcinoma pancreatico ed epatocellulare, l'indicatore aumenta con le seguenti malattie:

  • cancro al colon;
  • gonfiore allo stomaco;
  • neoplasie maligne nel tratto biliare;
  • endometriosi.

L'opzione migliore per combinare i test è il monitoraggio con CEA.

CA-72-4

Per i tumori del tratto gastrointestinale, il medico prescriverà un marcatore tumorale CA 72-4, la cui norma non deve superare 4 UNITÀ / ml. Lo scopo principale del test è identificare i seguenti tipi di malattia:

  • cancro allo stomaco;
  • tumore colorettale;
  • cancro ovarico.

Un aumento dell'indicatore può essere con le seguenti malattie:

  • cirrosi;
  • pancreatite acuta;
  • un'ulcera allo stomaco;
  • infiammazione nei polmoni e nei bronchi.

Test ottimale con CEA e CA-125.

Nessun marker tumorale CA può fornire una diagnosi precoce del cancro. Il significato principale di questi test è il controllo della terapia oncologica e il rilevamento tempestivo di recidiva e metastasi del tumore..

Come CA-125 rappresenta e qual è la sua norma nelle donne

CA-125 (marker tumorale) - una proteina prodotta normalmente dall'epitelio ovarico nel fegato, nei reni, negli organi addominali, nella cistifellea.

Nel corpo della donna, la fonte di CA-125 è l'endometrio, motivo per cui il grado della sua concentrazione nel sangue fluttua durante i diversi periodi del ciclo mestruale.

In una persona sana adulta, viene prodotto in piccole quantità..

Alcuni tipi di tumori sintetizzano attivamente la proteina CA-125, questo fatto rende possibile usarlo come marker oncologico.

L'identificazione della sua maggiore concentrazione può indicare la possibilità di sviluppare un focus sul tumore in uno di questi organi. Ma l'antigene ha il più grande significato nell'identificare l'oncologia del sistema riproduttivo, in particolare il carcinoma ovarico.

Ma la combinazione con alcuni marcatori tumorali specifici aiuta a identificare i tumori che si sviluppano in altri organi. Ad esempio, il marker tumorale CA-15-3, la cui norma viene superata nella formazione del cancro al seno.

Come viene eseguita la preparazione per l'analisi??

L'identificazione dei marcatori tumorali richiede il prelievo di sangue venoso. Alcune raccomandazioni dovrebbero essere prese in considerazione, la cui trascuratezza impedisce di ottenere risultati affidabili:

  • Per monitorare CA-125, viene eseguito un esame del sangue al mattino a stomaco vuoto. È anche escluso l'uso di caffè forte, succhi e altre bevande, puoi bere acqua;
  • almeno un giorno per abbandonare l'abuso di cibi salati e grassi;
  • escludere carichi pesanti, risonanza magnetica, radiografia e altre procedure mediche alcuni giorni prima della procedura;
  • è necessario escludere la sovraeccitazione emotiva, il sovraccarico fisico (salire le scale o correre). Prima di sottoporsi alla procedura, dovresti sederti e calmarti per alcuni minuti;
  • non fumare per mezz'ora prima della procedura;
  • per le mestruazioni, è meglio non fare un esame del sangue CA. Per evitare distorsioni dei risultati dello studio, è meglio prendere il sangue per 2-3 giorni dopo il completamento del sanguinamento;
  • in caso di assunzione di farmaci, è necessario avvertire il medico o ritardare la consegna dei test fino alla fine della terapia, poiché alcuni farmaci distorcono significativamente i risultati della ricerca.

Qual è la ragione per la crescita del marker tumorale SA-125?

Alcune neoplasie maligne sono coinvolte nella produzione di CA-125. Tuttavia, il suo aumento non indica sempre chiaramente la presenza di un tumore maligno.

Oltre al cancro, una maggiore concentrazione di antigene è provocata da cause che non sono associate alla formazione di tumori cancerosi..

I casi più comuni di crescita dell'analisi del sangue CA-125 mostrano le seguenti patologie, che sono di natura oncologica e non oncologica:

1. Malattie oncologiche:

  • tumori maligni nella ghiandola mammaria;
  • patologie cancerose degli organi del sistema riproduttivo (utero, ovaie);
  • tumori degli organi addominali;
  • cancro ai polmoni.

2. Malattie non di natura oncologica:

  • malattia del fegato (ad es. cirrosi, epatite acuta);
  • gravidanza (primo trimestre);
  • infiammazione pelvica;
  • polmonite (pleurite);
  • malattia del pancreas;
  • infezioni ginecologiche;
  • endometriosi;
  • neoplasie benigne del sistema riproduttivo;
  • malattie autoimmuni (artrite reumatoide, lupus e altri).

In quali casi analizzano?

Questo marcatore oncologico non è un indicatore specifico per la rilevazione di tumori di organi al di fuori del sistema riproduttivo. In pratica, il monitoraggio di CA-125 viene effettuato:

  • nel valutare l'efficacia della terapia nella lotta contro il carcinoma ovarico, prevenendo ulteriormente la ricaduta e la diffusione delle metastasi;
  • al fine di controllare l'efficacia della terapia e l'identificazione di focolai ripetuti di endometriosi;
  • con lo sviluppo del cancro al seno (indicato per le donne che sono entrate nel periodo della menopausa);
  • per le donne predisposte al cancro (se qualcuno di parenti stretti aveva o ha una malattia simile).

Cosa significa antigene quando si rileva il carcinoma ovarico?

Raggiungere una concentrazione di antigene superiore a 100 unità / ml richiede vigilanza oncologica.

Spesso questo livello di marcatori indica lo sviluppo di un processo maligno.

Si può parlare dello stadio di sviluppo del tumore in base al grado di aumento della CA 125.

In rari casi, nelle prime fasi dello sviluppo della malattia, non si osserva un aumento della quantità di proteine.

Secondo le statistiche, nel 20% delle donne con carcinoma ovarico, l'analisi non rivela deviazioni del livello proteico dalla norma. Ciò è dovuto alla bassa produzione di antigene CA-125 da parte delle cellule tumorali..

Nelle donne di età superiore ai 50 anni, CA-125, che è oltre i limiti normali, segnala il probabile sviluppo del carcinoma ovarico.

La terapia è accompagnata da un monitoraggio regolare della dinamica di CA 125. Un esame del sangue controlla la concentrazione proteica per valutare l'efficacia della terapia. Se la sua concentrazione non diminuisce o addirittura aumenta, allora dovrebbe essere scelto un diverso metodo di trattamento della malattia..

Dopo una lotta efficace contro la malattia e in caso di remissione, si raccomanda un controllo periodico di CA-125. Nkomarker contribuisce alla prevenzione tempestiva e all'interruzione della ricaduta quando si verifica.

Rispetto all'uso di metodi tradizionali, la diagnosi di ricaduta attraverso il monitoraggio di CA-125 viene raggiunta 3–8 mesi prima.

Analisi CA-125 e gravidanza

La concentrazione del marker tumorale in una donna incinta spesso supera significativamente lo standard quantitativo di CA-125, un esame del sangue rivela un aumento di CA-125 a 1250 unità / ml.

È durante questo periodo che ha luogo la ristrutturazione ormonale del corpo, tuttavia, il feto stesso può produrre CA 125. Questo aumento può essere considerato la norma. Entro la fine del primo trimestre, il livello diminuisce e può contenere fino a 35 unità.

Dopo la nascita, CA 125 aumenta leggermente. Accade che CA-125 sia mantenuto nei limiti normali e durante la gravidanza.

Endometriosi e CA-125

La patologia in cui la crescita della mucosa uterina oltre i suoi confini si chiama endometriosi. Questa è una delle malattie ginecologiche più comuni diagnosticate nelle donne di qualsiasi età..

L'analisi di CA-125 è una caratteristica indicativa nella diagnosi di endometriosi.

Questa malattia è molto pericolosa, la cui conseguenza grave è l'infertilità. L'analisi consente il rilevamento tempestivo dello sviluppo della malattia.

Dopo il trattamento, sono necessari ripetuti test trimestrali di laboratorio per determinare il contenuto quantitativo dei marker.

Cisti ovarica

Questo è un tumore benigno che ricorda una bolla fluida che appare sulle ovaie. La malattia è caratterizzata da un cambiamento nella CA 125, un esame del sangue mostra un aumento significativo - 2 volte.

Se vengono rilevate cisti ovariche, è necessario consultare regolarmente un ginecologo e sottoporsi a trattamento.

L'ulteriore crescita del marker tumorale può segnalare la degenerazione della cisti in una neoplasia oncologica (le donne con più di 50 anni sono particolarmente probabili).

Dopo l'intervento chirurgico di rimozione della cisti, si raccomandano esami periodici e monitoraggio dei marker tumorali..

Fibromi uterini

Questa è la formazione dello strato muscolare dell'utero, che è di natura benigna. Viene diagnosticato nel 25% dei casi tra patologie del sistema riproduttivo prima della menopausa..

Durante questo periodo, si osservano disturbi ormonali nel corpo di una donna e questo provoca malattie ormono-dipendenti.

Nel mioma, la proteina CA-125 mostra un aumento fino a 110 unità / ml. Anche se è presto per parlare della presenza di fibromi solo esaminando CA-125, perché non è specifico per questa malattia.

Sono necessari ulteriori test per la diagnosi..

Decifrare i risultati

Qual è il livello di antigene??

La norma nelle donne è di 11-13 unità, sebbene il limite massimo consentito possa raggiungere le 35 unità.

Nel periodo postmenopausale, la sua concentrazione diminuisce a causa di una diminuzione dell'attività delle funzioni endometriali. Nelle donne che hanno subito la rimozione dell'utero (ovaie), il sangue contiene marcatori tumorali in una quantità non superiore a 5 unità.

Con lo sviluppo del carcinoma ovarico, la trascrizione dell'analisi mostra nella maggior parte dei casi che il contenuto di antigene è compreso tra 115 e 1200 unità.

Con la comparsa di neoplasie benigne - fino a 150 unità, una situazione simile con processi infiammatori.

Secondo il livello del marker tumorale nel sangue, uno specialista può decidere la malignità del processo e lo stadio del suo sviluppo. Man mano che il tumore cresce, aumenta la concentrazione dei marker tumorali..

Per effettuare una diagnosi accurata, vengono effettuati ulteriori studi: diagnostica ecografica, risonanza magnetica, TC. In casi speciali, viene eseguita una biopsia. Vengono anche prescritti dosaggi per misurare il livello di altri marker tumorali..

È importante capire che CA-125 non è un indicatore al 100% per la diagnosi. E che solo uno specialista qualificato è in grado di valutare correttamente la fluttuazione del livello di vari indicatori, tenendo conto dei sintomi del paziente e di altri studi di laboratorio. In generale, il marker tumorale CA-125 svolge un ruolo significativo nel mantenimento della salute delle donne.

Determiniamo i marcatori tumorali - un esame del sangue per CA

Secondo le statistiche mediche, una persona su sei che vive in Russia deve affrontare malattie maligne. Inoltre, le malattie oncologiche si sono notevolmente "ringiovanite". Sono sempre più colpiti da giovani e bambini.

Questo spiega la grande popolarità degli esami del sangue per i marcatori tumorali. Questi studi rappresentano la determinazione nel sangue di proteine ​​specifiche che producono cellule tumorali..

Indicazioni per la nomina di esami del sangue per marcatori tumorali

  • ottenere informazioni sulla presenza o l'assenza di un processo maligno, insieme ad altri metodi di esame;
  • differenziazione di un tumore maligno da un tumore benigno;
  • valutazione dell'efficacia della terapia applicata;
  • controllo del cancro dopo il trattamento con l'obiettivo di una diagnosi precoce della recidiva.

Il sangue di una persona sana contiene marcatori tumorali in una concentrazione molto piccola, poiché sono prodotti da alcuni organi umani.

Allo stesso tempo, un aumento del contenuto dei marker tumorali nel sangue non indica sempre lo sviluppo di un processo maligno. Il loro livello può aumentare leggermente in presenza di tumori benigni, cisti, malattie infiammatorie o infettive, dopo il raffreddore.

Considera gli esami del sangue per i marcatori tumorali che hanno il valore diagnostico più importante..

Esame del sangue per CA 125

Il cancro genitale femminile è una delle cause più comuni di mortalità femminile. Gli esperti dicono che su 1.000 donne, 12 soffrono di questa grave malattia. In questo caso, solo due o tre di loro si riprendono. Le donne di età superiore ai 40 anni, specialmente durante la menopausa, sono particolarmente sensibili a questo tumore..

Una caratteristica di questa grave malattia è la sua asintomaticità nelle prime fasi. Pertanto, nel 70% dei casi, prima del rilevamento di un processo maligno, riesce a superare la piccola pelvi di una donna. Il metodo principale per la diagnosi precoce di laboratorio del carcinoma ovarico è un esame del sangue per CA 125.

Una piccola concentrazione di antigene CA 125 è costantemente presente nella mucosa dell'utero (endometrio). Ma le barriere naturali ne impediscono l'ingresso nel flusso sanguigno.

Durante le mestruazioni si osserva un leggero aumento di CA 125 nel sangue delle donne, specialmente se una donna soffre di endometriosi (proliferazione dell'endometrio nello strato muscolare dell'utero).

La norma di CA 125 in un esame del sangue è di 35 U / ml. Un aumento di questo indicatore può indicare lo sviluppo delle seguenti malattie:

  • cancro delle ovaie, tube di Falloppio, endometrio, utero;
  • carcinoma mammario;
  • cancro al fegato, allo stomaco, al retto;
  • cancro al pancreas;
  • cancro ai polmoni;
  • alcune altre neoplasie maligne.

Poiché un aumento del livello di questo marker tumorale può essere un sintomo di molte malattie oncologiche, solo sulla base di questo studio non viene fatta una diagnosi accurata. Per fare questo, condurre ulteriori esami.

Significativamente superiore alla norma di CA 125 in un esame del sangue è nei casi di sviluppo di neoplasie ginecologiche benigne, processi infiammatori nelle appendici.

Un piccolo aumento del sangue di CA 125 si verifica con tali patologie:

  • endometriosi;
  • infiammazione delle appendici;
  • cisti ovarica;
  • infezioni trasmesse sessualmente;
  • cirrosi epatica, epatite cronica;
  • pleurite;
  • peritonite;
  • pancreatite cronica;
  • Malattie autoimmuni.

Un leggero aumento del valore del marker CA 125 si osserva nel primo trimestre di gravidanza.

Esame del sangue per marcatore CA 15-3

La forma più comune di cancro nelle donne è il cancro al seno. Inoltre, il cancro al seno è al secondo posto tra tutti i tumori umani.

Un esame del sangue per CA 15-3 viene utilizzato per diagnosticare il cancro al seno. CA 15-3 è una glicoproteina ad alto peso molecolare (proteina complessa), che è un marcatore tumorale specifico (antigene) delle neoplasie mammarie. Il marcatore CA 15-3 è prodotto da cellule di carcinoma mammario. Questo marker tumorale ha una specificità abbastanza elevata. La dinamica del marker ha un valore diagnostico maggiore rispetto alla sua singola determinazione.

Viene prescritto un esame del sangue per CA 15-3 per il monitoraggio della terapia, per diagnosticare metastasi e recidive di ghiandole mammarie maligne.

Il tasso di concentrazione di questo marker nel sangue è inferiore a 26,9 U / ml.

Un aumento del livello del marker tumorale CA 15-3 si verifica con le seguenti malattie maligne:

  • carcinoma mammario (soprattutto nella fase avanzata e in presenza di metastasi);
  • carcinoma broncogeno;
  • cancro al pancreas;
  • cancro al fegato, allo stomaco;
  • tumore dell'utero, endometrio, ovaie (specialmente nelle fasi successive).

Inoltre, un aumento della concentrazione del marcatore CA 15-3 in un esame del sangue può indicare lo sviluppo di neoplasie benigne delle ghiandole mammarie, cirrosi, epatite, malattie autoimmuni.

Dopo il trattamento, l'aumento del contenuto di questo marker tumorale indica la presenza di cellule maligne nel corpo. È anche importante che una ricaduta di una malattia maligna di solito inizi molto più tardi dopo un aumento della CA 15-3.

Il valore diagnostico di determinazione di questo marker tumorale aumenta in modo significativo mentre la determinazione di un altro marker - CEA (antigene embrionale-cancro).

Le donne nel terzo trimestre di gravidanza possono avere un aumento fisiologico insignificante del livello di CA 15-3 nel sangue.

Esame del sangue per CA 19-9

Antigene CA 19-9 - marker tumorale di carcinoma pancreatico. Di solito è prodotto da cellule maligne di un tumore pancreatico, meno comunemente, tumori dello stomaco e del fegato. Di norma, l'antigene CA 19-9 si trova normalmente nelle cellule della mucosa pancreatica, dello stomaco, del fegato e della cistifellea.

A causa della sua bassa specificità, questo marker non è raccomandato per l'uso negli studi di screening. È prescritto per controllare il corso del processo maligno, determinare l'efficacia della terapia utilizzata e diagnosticare la presenza di metastasi. Un esame del sangue per CA 19-9 in combinazione con CEA viene utilizzato per monitorare i pazienti che hanno un'alta probabilità di recidiva di carcinoma gastrico e carcinoma del colon CEA-negativo.

Con piccoli tumori maligni del pancreas nel 40% dei pazienti c'è un aumento del marcatore CA 19-9. Con grandi neoplasie localizzate, un aumento del livello di questo antigene viene diagnosticato nel 90% dei pazienti.

Inoltre, si verifica una maggiore concentrazione di CA 19-9 in un esame del sangue con le seguenti malattie maligne:

  • cancro allo stomaco;
  • cancro della cistifellea, tratto biliare, cancro primario del fegato;
  • carcinoma mammario;
  • cancro dell'utero, ovaie.

Quasi tutti i pazienti il ​​cui esame del sangue per CA 19-9 mostra un aumento di questo marker hanno metastasi a distanza.

Un leggero aumento del valore di questo marker tumorale può essere osservato con malattie dell'apparato digerente, malattia del calcoli biliari, fibrosi cistica.

CA-125

Che cos'è CA-125??

CA-125 (Cancer Antigen 125) è una sostanza biologica speciale (complesso proteico-carboidrato, glicoproteina), prodotta dalle cellule che rivestono la cavità addominale, la superficie tra la superficie dei polmoni e le costole (cavità pleurica), nonché le cellule di alcuni altri organi. CA-125 è usato nella moderna pratica clinica come marker tumorale (marker tumorale). Il suo aumento è più spesso osservato in pazienti con tumori delle ovaie, delle tube di Falloppio o del peritoneo. La determinazione della concentrazione di CA-125 nel sangue è entrata nella pratica clinica negli anni '80, quando i ricercatori hanno scoperto che un cambiamento nella sua concentrazione poteva riflettere il decorso della malattia nei pazienti con neoplasie ovariche maligne. Il sangue venoso viene utilizzato per l'analisi..

Come CA-125 entra nel flusso sanguigno e dove si forma?

Sullo sfondo della presenza di un tumore maligno delle ovaie, c'è una moltiplicazione attiva delle cellule tumorali, i cui metodi producono CA-125, inoltre, la loro presenza provoca una significativa irritazione del tessuto che riveste la cavità addominale (peritoneo), che porta anche ad un aumento della concentrazione di CA-125. Va notato che un aumento della concentrazione di questo marker tumorale è possibile anche con altri tumori maligni, ad esempio il cancro del polmone, della mammella, del tratto gastrointestinale.

I tessuti sani possono anche produrre CA-125, quindi la sua concentrazione di ≥35 U / ml è stata scelta come livello significativo dal punto di vista diagnostico. Nel 99% delle donne sane, la concentrazione di CA-125 nel sangue è inferiore al valore specificato. Le fluttuazioni della concentrazione di CA-125 entro valori normali (0-35 U / ml) non sono un segno di patologia. Un aumento della concentrazione di CA-125 è stato osservato nell'85% dei pazienti con diagnosi di carcinoma ovarico, mentre meno dell'1% dei pazienti senza tumore mostra livelli elevati di questo marker. Va notato che nelle prime fasi del carcinoma ovarico, la concentrazione di CA-125 non va oltre i valori normali. Ciò significa che una normale concentrazione di CA-125 non preclude una diagnosi di carcinoma ovarico..

Tutti i tumori hanno diverse capacità di produrre CA-125. Per questo motivo, la valutazione più utile non è i valori di concentrazione individuali di CA-125, ma la dinamica dei cambiamenti nella concentrazione di questo marker tumorale durante il trattamento.

Risultati falsi positivi per la determinazione della concentrazione di CA-125

Inoltre, la concentrazione di questo marcatore nel sangue può aumentare con tumori ovarici benigni, nonché con malattie accompagnate da infiammazione nella cavità pleurica o addominale. Ciò è dovuto al fatto che normalmente una piccola quantità di CA-125 viene prodotta da cellule sane che rivestono queste cavità. L'irritazione del peritoneo o della pleura (membrane che rivestono le cavità addominali e pleuriche) a causa della presenza di infiammazione, chirurgia, trauma o esposizione ad altri fattori può portare ad un aumento della concentrazione di CA-125 nel sangue. Si noti che quando si determina la concentrazione di CA-125 possibili risultati falsi positivi, il che significa un'alta concentrazione di questo marker nel sangue in assenza di un tumore maligno. Si possono osservare le seguenti malattie:

  • Malattie infettive e infiammatorie degli organi addominali: diverticolite, peritonite, tubercolosi, pancreatite, nonché malattie infiammatorie intestinali (colite ulcerosa, morbo di Crohn) e altre infezioni;
  • Malattia del fegato
  • Recenti interventi chirurgici sugli organi addominali;
  • Malattie benigne degli organi genitali femminili, inclusi fibromi, endometriosi, ovaie policistiche, ecc., Nonché durante la gravidanza.

Per questo motivo, un aumento della concentrazione di CA-125 non significa una diagnosi di cancro. Solo il medico curante dovrebbe interpretare i risultati dello studio. La diagnosi di carcinoma ovarico viene stabilita solo sulla base dei risultati di una conclusione istologica effettuata durante lo studio del materiale postoperatorio (ovaio rimosso e / o altri organi sospetti di coinvolgimento nel processo tumorale).

Cosa viene utilizzato per determinare la concentrazione di CA-125?

Attualmente, la determinazione della concentrazione di CA-125 viene utilizzata nel processo di esame dei pazienti con sospetto carcinoma ovarico, nel trattamento di questa neoplasia per valutare la dinamica del decorso della malattia e l'efficacia della terapia, nonché dopo il trattamento per rilevare la ricaduta della malattia:

1. Previsione dell'ulteriore decorso della malattia.

In una serie di studi, è stato dimostrato che se la concentrazione di CA-125 dopo il trattamento torna alla normalità, ciò può significare una prognosi più favorevole del decorso della malattia. Va notato che, come qualsiasi altra statistica, questo vale solo per grandi gruppi di pazienti. È impossibile prevedere il decorso della malattia in un singolo paziente.

2. Identificazione della ricaduta dopo il trattamento.

Il carcinoma ovarico è una malattia cronica. Sfortunatamente, dopo il trattamento iniziale, molti pazienti sviluppano recidive della malattia, che possono richiedere chemioterapia ripetuta o trattamento chirurgico. Per identificare le ricadute nel processo di monitoraggio dei pazienti, viene regolarmente determinata la concentrazione di CA-125 nel sangue. Di norma, una concentrazione crescente di CA-125, specialmente nei casi in cui ciò è confermato in numerosi studi condotti a intervalli di diverse settimane, comporta una ricaduta della malattia, che può richiedere un esame più approfondito e / o la decisione di iniziare il trattamento.

Va notato che nei casi in cui non ci sono sintomi della malattia ed è improbabile che compaiano presto, l'aumento della concentrazione di CA-125 non richiede un trattamento immediato, poiché è stato dimostrato che il trattamento precoce non migliora i suoi risultati. La decisione di iniziare il trattamento deve essere presa dal medico curante tenendo conto dei desideri del paziente. Va notato che l'aumento della concentrazione di CA-125 durante il trattamento non significa sempre la progressione della malattia. Nei pazienti trattati per carcinoma ovarico, è possibile osservare un aumento della concentrazione di CA-125 per i motivi sopra indicati.

3. Valutazione del decorso della malattia durante il trattamento.

CA-125 viene utilizzato insieme ad esami strumentali (come ultrasuoni, radiografia o tomografia computerizzata) al fine di valutare l'efficacia della terapia. Di norma, una diminuzione della concentrazione di CA-125 durante il trattamento è strettamente associata a una diminuzione del numero di cellule tumorali e dell'efficacia della terapia. È importante notare che in alcuni casi è possibile un aumento a breve termine della concentrazione di CA-125 con un trattamento efficace, ad esempio un "aumento" dopo il primo o il secondo ciclo di terapia - questo fenomeno si osserva in circa il 30% dei pazienti. Le decisioni di continuare o modificare il trattamento dovrebbero essere basate su una serie di fattori, inclusi i dati degli esami strumentali, il benessere del paziente e dovrebbero essere prese dal medico curante.

4. Diagnosi precoce del carcinoma ovarico.

Come con altri tumori maligni, la diagnosi precoce del carcinoma ovarico, di norma, porta al raggiungimento dei migliori risultati del trattamento. L'assenza di sintomi specifici complica la diagnosi precoce della malattia, per questo motivo il CA-125 viene talvolta utilizzato per questo scopo. Tuttavia, il basso contenuto informativo del test con piccole dimensioni del tumore ne limita l'uso a questo scopo.

Attualmente, sono stati fatti tentativi attivi per aumentare il contenuto informativo e la fattibilità dell'uso di marker tumorali per la diagnosi precoce di tumori ovarici maligni. Il test diagnostico più utilizzato, chiamato ROMA (algoritmo di rischio di malignità ovarica, algoritmo per la valutazione del rischio di malignità). Si basa su una valutazione del rapporto di concentrazione di CA-125 e di un altro marker tumorale, un aumento del quale si osserva anche nel carcinoma ovarico - HE4 (proteina 4 dell'epididimo umano). In caso di rilevazione di una formazione volumetrica nelle ovaie, l'indice ROMA ci consente di stimare la probabilità con cui il tumore rilevato può essere maligno. L'alto valore dell'indice ROMA è una buona ragione per un esame approfondito e il rinvio a un oncologo ginecologico specializzato al fine di risolvere il problema della rimozione chirurgica del tumore identificato.

Oncomarker CA 125, che mostra e in quali casi è importante

Oncomarker CA 125 è una proteina altamente specifica situata sulla membrana oncologica delle cellule epiteliali ovariche. Normalmente, può essere rilevato a piccoli livelli nei tessuti dell'endometrio e delle membrane sierose, ma non dovrebbero esserci praticamente proteine ​​nel sangue.

La comparsa di proteine ​​nel sangue in condizioni normali può essere associata solo al ciclo mestruale, nonché alla gravidanza e quindi solo nel primo trimestre.

Livelli aumentati di CA125 nel sangue indicano una degenerazione maligna del tessuto ovarico. Più raramente, i valori di oncomarker CA 125 aumentano con lo sviluppo di neoplasie oncologiche in altri organi (endometrio, fegato, stomaco, ecc.). Infatti, CA 125 è una glicoproteina che secerne attivamente le cellule tumorali..

Blood on CA 125. Che cos'è

Si prega di notare che se il medico le ha ordinato di donare il sangue per CA 125, ciò non significa sempre un sospetto di oncologia. Questa proteina è coinvolta come marker aggiuntivo per alcune altre patologie. Pertanto, immediatamente il panico non ha senso.

Sebbene, ovviamente, lo studio del livello di CA 125 sia spesso condotto con l'obiettivo di una diagnosi precoce dell'oncologia ovarica, nonché per monitorare la dinamica dell'attività della malattia stabilita, la diffusione del processo metastatico, la qualità e l'efficacia della terapia e anche per diagnosticare le ricadute.

Cosa mostrano i marker dei tumori del sangue

Nel caso generale, l'analisi dei livelli di marker tumorali viene effettuata con l'obiettivo di:

  • diagnosi precoce di neoplasie maligne e loro ricadute dopo chemioterapia, radioterapia o rimozione chirurgica;
  • controllare la crescita e le metastasi del tumore;
  • monitorare la qualità del trattamento;
  • screening delle patologie tumorali tra i gruppi ad alto rischio, in base al loro sviluppo (fumatori, persone che svolgono lavori pericolosi, pazienti con una storia familiare gravata, ecc.).

Tuttavia, è importante capire che non esistono marcatori tumorali assolutamente specifici che aumentano solo con un certo tipo di tumore. Possono anche aumentare leggermente con gravi malattie infiammatorie e autoimmuni, fumo, abuso di alcool, ecc..

È anche importante ricordare che lo studio degli indicatori dei marker tumorali non è incluso nell'elenco obbligatorio dei test quando si esegue un esame di routine in pazienti che non sono a rischio per lo sviluppo di neoplasie maligne e che non presentano sintomi di cancro.

Tutti gli studi sui marcatori tumorali devono essere condotti rigorosamente secondo le indicazioni e interpretati insieme ad altre analisi. Solo sulla base di un marker tumorale elevato, non viene fatta alcuna diagnosi.

Oncomarker CA 125. Cosa mostra

Un esame del sangue per CA 125 viene efficacemente utilizzato nel monitoraggio iniziale dei processi oncologici nelle ovaie, nella diagnosi di processi oncologici ricorrenti dopo il trattamento e anche per controllare la diffusione delle metastasi.

L'antigene cancerogeno 125 può anche aumentare se il processo oncologico (o metastasi) influenza:

  • mucosa uterina,
  • membrane sierose,
  • tessuto polmonare,
  • ghiandola mammaria,
  • pancreas.

Leggi anche sull'argomento

CA 125 aumenterà in modo significativo con la diffusione dei fuochi metastatici dagli organi sopra nel fegato.

Inoltre, insieme al livello di PNP (peptide natriuretico atriale), l'oncomarker ca 125 può essere utilizzato in aggiunta agli studi di base per valutare la gravità dell'insufficienza cardiaca (insufficienza cardiaca).

Inoltre, ca125 è studiato per la diagnosi di versamenti di cavità sierosa (pleurite, peritonite).

Oltre alla diagnosi dei processi oncologici, viene esaminato il sangue su CA 125 per endometriosi, cisti nelle ovaie e tumori di eziologia benigna che colpiscono il sistema riproduttivo femminile.

L'oncomarker CA 125 riveste la massima importanza nella rilevazione di carcinomi epiteliali ovarici di tipo sieroso, nonché di adenocarcinomi endometriali e tube di Falloppio.

Quando eseguire l'analisi CA per 125 donne

Oncomarker 125 viene studiato in caso di sospetti processi oncologici nelle ovaie (ai fini della diagnosi primaria), nonché durante il monitoraggio della qualità del trattamento e il controllo delle recidive.

L'analisi della CA 125 ai fini della diagnosi primaria deve essere presa quando compaiono sintomi di carcinoma ovarico:

  • malfunzionamenti regolari nel ciclo mestruale (questo sintomo non è il principale, poiché in alcuni pazienti le mestruazioni regolari possono persistere anche con carcinoma ovarico bilaterale);
  • minzione frequente con falsi impulsi e sensazione di svuotamento incompleto della vescica;
  • secrezione mucosa persistente con striature di sangue (un odore sgradevole di secrezione è raro);
  • dolore persistente nella parte inferiore dell'addome e nella parte bassa della schiena;
  • costipazione, flatulenza, pesantezza nell'addome, sensazione di pienezza nell'addome, indigestione;
  • dolore durante il rapporto sessuale;
  • debolezza, perdita di peso, labilità emotiva, depressione;
  • aumento della VES in un esame del sangue generale;
  • un aumento dell'addome dovuto all'accumulo di liquido nella cavità addominale (ascite).

I sintomi principali sono piuttosto non specifici e sono spesso considerati dalle donne come una manifestazione di infiammazione ovarica. Molti pazienti vanno dal medico non appena appare l'ascite. Cioè, quando un tumore raggiunge una grande dimensione e metastatizza.

Due tipi di neoplasie ovariche danno sintomi specifici. Questi sono tumori che producono ormoni:

  1. cellula granulosa - causa la femminilizzazione (può verificarsi nella pubertà precoce nelle ragazze, così come la ripresa del sanguinamento uterino nelle donne durante la menopausa);
  2. adenoblastoma: porta alla mascolinizzazione (provoca la crescita di barba, baffi, diminuzione delle dimensioni delle ghiandole mammarie, ingrossamento della voce, ecc.).

Come donare sangue per analisi

Il materiale viene prelevato al mattino a stomaco vuoto. Almeno 3 giorni prima dell'analisi, grassi, fritti e piccanti dovrebbero essere esclusi dalla dieta. È vietato bere tè forte (soprattutto con zucchero), caffè, succhi e bibite. È inoltre necessario escludere l'uso di alcol. Il giorno del test è vietato fumare. Il giorno prima del prelievo di sangue esclude lo stress fisico ed emotivo.

Il medico e il personale di laboratorio devono essere informati dei farmaci che stanno assumendo. Se possibile, interrompere l'assunzione di farmaci una settimana prima dello studio..

Norma CA 125

La norma CA 125 nelle donne è inferiore a trentacinque unità / ml. I valori ottimali sono inferiori a quindici unità / ml.

Oncomarker: trascrizioni degli esami del sangue. Quando c'è un livello aumentato e diminuito di marker tumorali secreti dalle cellule tumorali (CA 125, CA 15-3, CA 19-9, CA 72-4, CA 242, HE4, PSA, CEA)

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Caratterizzazione di vari marker tumorali e interpretazione dei risultati del test

Considerare il significato diagnostico, la specificità per le neoplasie di vari organi e le indicazioni per la determinazione dei marker tumorali utilizzati nella pratica clinica.

Alpha Fetoprotein (AFP)

Questo marker tumorale è quantitativo, cioè normalmente è presente in una piccola concentrazione nel sangue di un bambino e di un adulto di qualsiasi genere, ma il suo livello aumenta bruscamente con le neoplasie, così come nelle donne durante la gestazione. Pertanto, la determinazione del livello di AFP viene utilizzata nel quadro della diagnostica di laboratorio per rilevare il cancro in entrambi i sessi, nonché nelle donne in gravidanza per determinare anomalie nel feto.

Il livello di AFP nel sangue aumenta con tumori maligni dei testicoli negli uomini, ovaie nelle donne e fegato in entrambi i sessi. Inoltre, la concentrazione di AFP è aumentata con metastasi epatiche. Di conseguenza, le seguenti condizioni sono indicazioni per determinare l'AFP:

  • Sospetto di carcinoma epatico primario o metastasi epatiche (per distinguere le metastasi dal carcinoma epatico primario, si raccomanda di determinare il livello di CEA nel sangue contemporaneamente all'AFP);
  • Sospetto di neoplasie maligne nei testicoli di uomini o ovaie di donne (si raccomanda di determinare il livello di hCG per aumentare l'accuratezza della diagnosi in combinazione con AFP);
  • Monitoraggio dell'efficacia del trattamento del carcinoma epatocellulare del fegato e dei tumori dei testicoli o delle ovaie (condurre una determinazione simultanea dei livelli di AFP e hCG);
  • Tracciare le condizioni delle persone che soffrono di cirrosi epatica, con l'obiettivo di una diagnosi precoce del cancro al fegato;
  • Monitorare la condizione delle persone che hanno un alto rischio di sviluppare tumori genitali (in presenza di criptorchidismo, tumori benigni o cisti ovariche, ecc.) Al fine di rilevarli precoce.

I seguenti valori AFP per bambini e adulti sono considerati normali (non elevati):

1.Males:

  • 1 - 30 giorni di vita - meno di 16400 ng / ml;
  • 1 mese - 1 anno - meno di 28 ng / ml;
  • 2-3 anni - meno di 7,9 ng / ml;
  • 4-6 anni - meno di 5,6 ng / ml;
  • 7-12 anni - meno di 3,7 ng / ml;
  • 13-18 anni - meno di 3,9 ng / ml.
2. Figlie:
  • 1 - 30 giorni di vita - meno di 19000 ng / ml;
  • 1 mese - 1 anno - meno di 77 ng / ml;
  • 2-3 anni - meno di 11 ng / ml;
  • 4-6 anni - meno di 4,2 ng / ml;
  • 7-12 anni - meno di 5,6 ng / ml;
  • 13-18 anni - meno di 4,2 ng / ml.
3.Adulti di età superiore ai 18 anni - meno di 7,0 ng / ml.

I valori sopra riportati del livello di AFP nel siero sono caratteristici di una persona in assenza di cancro. Se il livello di AFP supera la norma di età, ciò può indicare la presenza delle seguenti malattie oncologiche:

  • Carcinoma epatocellulare;
  • Metastasi epatiche;
  • Tumori a cellule germinali delle ovaie o dei testicoli;
  • Tumori del colon;
  • Tumori del pancreas;
  • Tumori polmonari.

Inoltre, il livello AFP al di sopra della norma di età può essere rilevato anche nelle seguenti malattie non cancerose:
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • Blocco del tratto biliare;
  • Danno alcolico al fegato;
  • Sindrome telangiectasica;
  • Tirosinemia ereditaria.

Gonadotropina corionica (hCG)

Come l'AFP, l'hCG è un marker tumorale quantitativo, il cui livello aumenta significativamente con le neoplasie maligne rispetto alla concentrazione osservata in assenza di cancro. Tuttavia, livelli elevati di gonadotropina corionica possono anche essere la norma - questo è tipico per la gravidanza. Ma in tutti gli altri periodi della vita, sia negli uomini che nelle donne, la concentrazione di questa sostanza rimane bassa e il suo aumento indica la presenza di un sito di crescita tumorale.

Il livello di hCG aumenta con carcinomi ovarici e testicolari, corionadenoma, slittamento cistico e germinomi. Pertanto, nella medicina pratica, la determinazione della concentrazione di hCG nel sangue viene effettuata nelle seguenti condizioni:

  • Sospetto di slittamento cistico in una donna incinta;
  • Neoplasie pelviche rilevate durante l'ecografia (il livello di hCG è determinato per distinguere un tumore benigno da uno maligno);
  • La presenza di un persistente a lungo termine dopo un aborto o un parto (il livello di hCG è determinato per rilevare o escludere il corionocarcinoma);
  • Neoplasie nei testicoli degli uomini (il livello di hCG è determinato per rilevare o escludere tumori germinogenici).

I seguenti valori di hCG per uomini e donne sono considerati normali (non elevati):

1. Uomini: meno di 2 UI / ml a qualsiasi età.

2. Donne:

  • Donne non gravide in età riproduttiva (prima della menopausa) - meno di 1 UI / ml;
  • Donne in postmenopausa non gravide - fino a 7,0 UI / ml.

Un aumento dei livelli di hCG al di sopra dell'età e del sesso è un segno dei seguenti tumori:
  • Deriva della bolla o ricaduta della deriva cistica;
  • Corionocarcinoma o sua ricaduta;
  • seminoma;
  • Teratoma dell'ovaio;
  • Tumori del tratto digestivo;
  • Tumori polmonari;
  • Tumori renali;
  • Tumori uterini.

Inoltre, il livello di hCG può essere aumentato nelle seguenti condizioni e malattie non cancerose:
  • Gravidanza;
  • Meno di una settimana fa, la gravidanza è stata interrotta (aborto spontaneo, aborto, ecc.);
  • HCG.

Microglobulina beta-2

Questo marker tumorale è anche quantitativo, perché in assenza di cancro, di solito è presente nel sangue a bassa concentrazione, ma in presenza di un tumore il suo livello aumenta bruscamente. In assenza di tumori, si osserva un aumento del livello di microglobulina beta-2 nei bambini nei primi tre mesi di vita, nelle donne in gravidanza, sullo sfondo di un processo infiammatorio attivo, con malattie autoimmuni, reazioni di rigetto di trapianto, nefropatia diabetica e anche con infezioni virali (HIV e CMV).

Il livello di microglobulina beta-2 aumenta con linfoma a cellule B, linfoma non Hodgkin e mieloma multiplo, e quindi la sua concentrazione viene utilizzata per prevedere il decorso della malattia in ematologia. Di conseguenza, nella medicina pratica, la determinazione del livello di microglobulina beta-2 viene eseguita nei seguenti casi:

  • Predire il corso e valutare l'efficacia del trattamento del mieloma, dei linfomi B, dei linfomi non Hodgkin, della leucemia linfocitica cronica;
  • Previsione del decorso e valutazione dell'efficacia della terapia per il cancro dello stomaco e dell'intestino (in combinazione con altri marker tumorali);
  • Valutazione delle condizioni e dell'efficacia del trattamento nei pazienti affetti da HIV / AIDS o sottoposti a trapianto di organi.

Il livello di microglobulina beta-2 per uomini e donne di tutte le età di 0,8 - 2,2 mg / l è considerato normale (non elevato). Un aumento del livello di microglobulina beta-2 si osserva nelle seguenti malattie oncologiche e non oncologiche:
  • Mieloma multiplo;
  • Linfoma a cellule B;
  • Malattia di Waldenstrom;
  • Linfomi non Hodgkin;
  • Morbo di Hodgkin;
  • Cancro rettale;
  • Carcinoma mammario;
  • La presenza di HIV / AIDS nell'uomo;
  • Malattie autoimmuni sistemiche (sindrome di Sjogren, artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico);
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • Morbo di Crohn;
  • sarcoidosi.

Inoltre, va ricordato che l'assunzione di Vancomicina, Ciclosporina, Amfotericina B, Cisplastina e antibiotici aminoglicosidici (Levomicetina, ecc.) Porta anche ad un aumento del livello di microglobulina beta-2 nel sangue.

Antigene carcinoma a cellule squamose (SCC)

È un marker tumorale di carcinoma a cellule squamose di varia localizzazione. Il livello di questo marker tumorale è determinato per valutare l'efficacia della terapia e rilevare il carcinoma a cellule squamose della cervice, del rinofaringe, dell'orecchio e dei polmoni. In assenza di cancro, la concentrazione dell'antigene del carcinoma a cellule squamose può anche aumentare con insufficienza renale, asma bronchiale o patologia del fegato e del tratto biliare.

Di conseguenza, la determinazione del livello di antigene del carcinoma a cellule squamose nella medicina pratica viene effettuata per l'efficacia del trattamento del cancro della cervice, dei polmoni, dell'esofago, della testa e del collo, degli organi del sistema genito-urinario, nonché delle loro ricadute e metastasi.

Normale (non elevato) per persone di qualsiasi età e sesso è considerata una concentrazione di antigene nel carcinoma a cellule squamose nel sangue inferiore a 1,5 ng / ml. Il livello oncomarker al di sopra del normale è caratteristico delle seguenti patologie oncologiche:

Enolasi specifica del neurone (NSE, NSE)

Questa sostanza si forma in cellule di origine neuroendocrina e quindi la sua concentrazione può aumentare con varie malattie del sistema nervoso, tra cui tumori, lesioni cerebrali traumatiche e ischemiche, ecc..

In particolare, un alto livello di NSE è caratteristico del carcinoma polmonare e bronchiale, del neuroblastoma e della leucemia. Un moderato aumento della concentrazione di NSE è caratteristico delle malattie polmonari non cancerose. Pertanto, la determinazione del livello di questo marker tumorale viene spesso utilizzata per valutare l'efficacia della terapia del carcinoma polmonare a piccole cellule.

Attualmente, la determinazione del livello di NSE nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Per distinguere tra carcinoma polmonare a piccole e non a piccole cellule;
  • Per prevedere il corso, monitorare l'efficacia della terapia e la diagnosi precoce di recidiva o metastasi nel carcinoma polmonare a piccole cellule;
  • Se sospetti la presenza di carcinoma tiroideo, feocromocitoma, tumori dell'intestino e del pancreas;
  • Sospetto di neuroblastoma nei bambini;
  • Come marker diagnostico aggiuntivo per seminom (in combinazione con hCG).

Normale (non elevata) è la concentrazione di NSE nel sangue inferiore a 16,3 ng / ml per persone di qualsiasi età e sesso.

Si osserva un aumento del livello di NSE con le seguenti malattie oncologiche:

  • Neuroblastoma;
  • retinoblastoma;
  • Carcinoma polmonare a piccole cellule;
  • Carcinoma tiroideo midollare;
  • Feocromocitoma;
  • carcinoide;
  • gastrinoma
  • insulinoma;
  • glucagonoma;
  • seminoma.

Inoltre, il livello di NSE aumenta al di sopra del normale con le seguenti malattie e condizioni non cancerose:
  • Insufficienza renale o epatica;
  • Tubercolosi polmonare;
  • Malattie polmonari croniche di natura non tumorale;
  • fumatori;
  • Malattia emolitica;
  • Lesioni del sistema nervoso di origine traumatica o ischemica (ad esempio, lesioni cerebrali traumatiche, incidenti cerebrovascolari, ictus, ecc.);
  • Demenza (demenza).

Oncomarker Cyfra CA 21-1 (frammento di citocheratina 19)

È un marker di carcinoma a cellule squamose di varia localizzazione: polmoni, vescica, cervice. La determinazione della concentrazione del marker tumorale Cyfra CA 21-1 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Distinguere i tumori maligni da altre formazioni di volume nei polmoni;
  • Monitorare l'efficacia della terapia e rilevare la ricaduta del carcinoma polmonare;
  • Per controllare il cancro alla vescica.

Questo marker tumorale non viene utilizzato per la rilevazione iniziale del carcinoma polmonare nelle persone ad alto rischio di sviluppare un tumore di questa localizzazione, ad esempio, forti fumatori, pazienti affetti da tubercolosi, ecc..

La concentrazione normale (non aumentata) del marker tumorale Cyfra CA 21-1 nel sangue di persone di qualsiasi età e sesso non è superiore a 3,3 ng / ml. Un livello elevato di questo marker tumorale si nota nelle seguenti malattie:

1. Tumori maligni:

  • Carcinoma polmonare non a piccole cellule;
  • Carcinoma a cellule squamose del polmone;
  • Carcinoma vescicale muscolo-invasivo.
2. Malattie non cancerose:
  • Malattie polmonari croniche (BPCO, tubercolosi, ecc.);
  • Insufficienza renale;
  • Malattia epatica (epatite, cirrosi, ecc.);
  • fumo.

Oncomarker HE4

È un marcatore specifico del carcinoma ovarico ed endometriale. HE4 è più sensibile al carcinoma ovarico rispetto alla CA 125, specialmente nelle prime fasi. Inoltre, la concentrazione di HE4 non aumenta con l'endometriosi, le malattie ginecologiche infiammatorie e i tumori benigni dell'area genitale femminile, a seguito della quale questo marker tumorale è altamente specifico per il carcinoma ovarico ed endometriale. Grazie a queste caratteristiche, HE4 è un marcatore importante e accurato del carcinoma ovarico, che consente di rilevare il tumore nelle fasi iniziali nel 90% dei casi..

La determinazione della concentrazione di HE4 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Distinguere il cancro dalle neoplasie di natura non oncologica, localizzate nella pelvi;
  • Diagnosi primaria di screening precoce del carcinoma ovarico (la determinazione di HE4 viene eseguita su uno sfondo di livelli normali o elevati di CA 125);
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia per il carcinoma ovarico epiteliale;
  • Rilevazione precoce di recidive e metastasi del carcinoma ovarico;
  • Rilevazione del cancro al seno;
  • Rilevazione del cancro endometriale.

Normale (non elevata) sono le seguenti concentrazioni di HE4 nel sangue di donne di età diverse:
  • Donne sotto i 40 anni - meno di 60,5 pmol / l;
  • Donne 40 - 49 anni - meno di 76,2 pmol / l;
  • Donne 50 - 59 anni - meno di 74,3 pmol / l;
  • Donne di età compresa tra 60 e 69 anni - meno di 82,9 pmol / l;
  • Donne oltre i 70 anni - meno di 104 pmol / l.

Un aumento dei livelli di HE4 al di sopra della norma di età si sviluppa nel carcinoma endometriale e nelle forme non mucinose di carcinoma ovarico.

Data l'elevata specificità e sensibilità di HE4, la rilevazione di una maggiore concentrazione di questo marker nel sangue in quasi il 100% dei casi indica la presenza di carcinoma ovarico o endometriosi in una donna. Pertanto, se la concentrazione di HE4 è aumentata, il trattamento del cancro deve essere iniziato il prima possibile.

Proteina S-100

Questo marker tumorale è specifico per il melanoma. E, inoltre, il livello di proteina S-100 nel sangue aumenta con danni alle strutture cerebrali di qualsiasi origine. Di conseguenza, la determinazione della concentrazione di proteina S-100 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Monitorare l'efficacia della terapia, identificando ricadute e metastasi del melanoma;
  • Chiarimento della profondità del danno al tessuto cerebrale sullo sfondo di varie malattie del sistema nervoso centrale.

Il contenuto di proteina S-100 nel plasma normale (non elevato) è una concentrazione inferiore a 0,105 μg / L.

Un aumento del livello di questa proteina si nota nelle seguenti malattie:

1. Patologia oncologica:

  • Melanoma cutaneo maligno.
2. Malattie non cancerose:
  • Danni al tessuto cerebrale di qualsiasi origine (traumatico, ischemico, dopo sanguinamento, ictus, ecc.);
  • Il morbo di Alzheimer;
  • Malattie infiammatorie di qualsiasi organo;
  • Esercizio fisico intenso.

Oncomarker CA 72-4

Il marker tumorale CA 72-4 è anche chiamato marker tumorale gastrico, poiché ha la più alta specificità e sensibilità in relazione ai tumori maligni di questo organo. In generale, il marcatore tumorale CA 72-4 è caratteristico per il cancro dello stomaco, del colon, dei polmoni, delle ovaie, dell'endometrio, del pancreas e delle ghiandole mammarie.

La determinazione della concentrazione del marcatore tumorale CA 72-4 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Per la diagnosi primaria precoce del carcinoma ovarico (in combinazione con il marcatore CA 125) e del cancro allo stomaco (in combinazione con marcatori CEA e CA 19-9);
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia per il cancro gastrico (in combinazione con marcatori CEA e CA 19-9), ovaie (in combinazione con marcatore CA 125) e tumore del colon e del retto.

Normale (non elevata) è una concentrazione di CA 72-4 inferiore a 6,9 U / ml.

Un'aumentata concentrazione del marker tumorale CA 72-4 viene rilevata nei seguenti tumori e malattie non cancerose:

1. Patologia oncologica:

  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro ovarico;
  • Cancro del colon-retto;
  • Cancro ai polmoni;
  • Tumore al seno
  • Cancro al pancreas.
2. Malattie non cancerose:
  • Tumori endometrioidi;
  • Pancreatite
  • Cirrosi epatica;
  • Tumori benigni del tratto digestivo;
  • Malattie polmonari
  • Malattia ovarica;
  • Malattie reumatiche (difetti cardiaci, reumatismi delle articolazioni, ecc.);
  • Malattie del seno.

Oncomarker CA 242

Il marcatore tumorale CA 242 è anche chiamato marcatore tumorale gastrointestinale, poiché è specifico per i tumori maligni del tratto digestivo. Un aumento del livello di questo marcatore viene rilevato nel cancro del pancreas, dello stomaco, del colon e del retto. Per il rilevamento più accurato dei tumori maligni del tratto gastrointestinale, si consiglia di combinare il marcatore tumorale CA 242 con i marcatori CA19-9 (per il carcinoma del pancreas e del colon) e il CA 50 (per il carcinoma del colon).

La determinazione della concentrazione del marker tumorale CA 242 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Se vi è il sospetto di cancro al pancreas, allo stomaco, al colon o al retto (la CA 242 è determinata in combinazione con la CA 19-9 e la CA 50);
  • Valutare l'efficacia del trattamento per il cancro del pancreas, dello stomaco, del colon e del retto;
  • Per la prognosi e la diagnosi precoce di recidive e metastasi di cancro del pancreas, dello stomaco, del colon e del retto.

Normale (non aumentata) è la concentrazione di CA 242 inferiore a 29 unità / ml.

Si osserva un aumento del livello di CA 242 con le seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Patologia oncologica:

  • Tumore al pancreas;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro colorettale.
2. Malattie non cancerose:
  • Malattie del retto, dello stomaco, del fegato, del pancreas e del tratto biliare.

Oncomarker CA 15-3

Il marcatore tumorale CA 15-3 è anche chiamato marcatore mammario, poiché ha la maggiore specificità per il cancro di questo particolare organo. Sfortunatamente, la CA 15-3 è specifica non solo per il carcinoma mammario, pertanto la sua determinazione non è raccomandata per la diagnosi precoce di tumori mammari maligni asintomatici nelle donne. Ma per una valutazione completa dell'efficacia della terapia del carcinoma mammario, la CA 15-3 è adatta, specialmente in combinazione con altri marcatori tumorali (CEA).
La definizione di CA 15-3 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Valutazione dell'efficacia della terapia per il carcinoma mammario;
  • Rilevazione precoce di recidive e metastasi dopo il trattamento del carcinoma mammario;
  • Per distinguere tra carcinoma mammario e mastopatia.

Il marker tumorale plasmatico normale (non elevato) CA 15-3 è inferiore a 25 unità / ml.

Un aumento del livello di CA 15-3 viene rilevato con le seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche:

  • Carcinoma mammario;
  • Carcinoma bronchiale;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro al fegato;
  • Cancro al pancreas;
  • Carcinoma ovarico (solo nelle fasi successive);
  • Carcinoma endometriale (solo nelle fasi successive);
  • Cancro uterino (solo avanzato).
2. Malattie non cancerose:
  • Malattie benigne delle ghiandole mammarie (mastopatia, ecc.);
  • Cirrosi epatica;
  • Epatite acuta o cronica;
  • Malattie autoimmuni del pancreas, della ghiandola tiroidea e di altri organi endocrini;
  • Terzo trimestre di gravidanza.

Oncomarker CA 50

Il marker tumorale CA 50 è anche chiamato marker tumorale del pancreas, poiché è il più informativo e specifico in relazione ai tumori maligni di questo organo. La massima precisione nella rilevazione del carcinoma del pancreas si ottiene determinando le concentrazioni dei marker tumorali CA 50 e CA 19-9.

La determinazione della concentrazione di CA 50 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Sospetto di cancro al pancreas (anche sullo sfondo di un livello normale di CA 19-9);
  • Sospetto tumore del colon o del retto;
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia e diagnosi precoce delle metastasi o recidiva del carcinoma del pancreas.

Normale (non elevata) è una concentrazione di CA 50 inferiore a 25 unità / ml nel sangue.

Si osserva un aumento della CA 50 con le seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche:

  • Cancro al pancreas;
  • Cancro del retto o del colon;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro ovarico;
  • Cancro ai polmoni;
  • Carcinoma mammario;
  • Cancro alla prostata;
  • Cancro al fegato.
2. Malattie non cancerose:
  • Pancreatite acuta;
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • colangite;
  • Ulcera peptica dello stomaco o del duodeno.

Oncomarker CA 19-9

Il marker tumorale CA 19-9 è anche chiamato marker tumorale del pancreas e della cistifellea. Tuttavia, in pratica, questo marker è uno dei più sensibili e specifici per il cancro di non tutti gli organi del tratto digestivo, ma solo del pancreas. Questo è il motivo per cui CA 19-9 è un marker per lo screening del sospetto cancro del pancreas. Ma, sfortunatamente, in circa il 15-20% delle persone, il livello di CA 19-9 rimane normale sullo sfondo della crescita attiva di un cancro del pancreas, a causa della mancanza di antigene Lewis in essi, a causa della quale CA 19-9 non viene prodotto in grandi quantità. Pertanto, per una diagnosi precoce complessa e di alta precisione del carcinoma del pancreas, vengono utilizzati contemporaneamente due marker tumorali: CA 19-9 e CA 50. Dopotutto, se una persona non ha l'antigene Lewis e non aumenta il livello di CA 19-9, aumenta la concentrazione di CA 50, che consente di identificare cancro al pancreas.

Oltre al cancro del pancreas, la concentrazione del marker tumorale CA 19-9 aumenta con il cancro dello stomaco, del retto, del tratto biliare e del fegato.

Pertanto, nella medicina pratica, la determinazione del livello del marker tumorale CA 19-9 viene effettuata nei seguenti casi:

  • La differenza tra cancro del pancreas e altre malattie di questo organo (in combinazione con un marcatore CA 50);
  • Valutazione dell'efficacia del trattamento, monitoraggio del decorso, diagnosi precoce di recidive e metastasi del carcinoma pancreatico;
  • Valutazione dell'efficacia del trattamento, monitoraggio del decorso, diagnosi precoce di recidive e metastasi del carcinoma gastrico (in combinazione con CEA e CA 72-4);
  • Sospetto cancro del retto o del colon (in combinazione con un marcatore CEA);
  • Identificare le forme mucose di carcinoma ovarico in combinazione con la determinazione di marcatori CA 125, HE4.

La concentrazione normale (non aumentata) di CA 19-9 nel sangue ha un valore inferiore a 34 unità / ml.

Si osserva un aumento della concentrazione del marker tumorale CA 19-9 con le seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche (il livello di CA 19-9 aumenta in modo significativo):

  • Cancro al pancreas;
  • Tumore della cistifellea o del tratto biliare;
  • Cancro al fegato;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro del retto o del colon;
  • Carcinoma mammario;
  • Cancro uterino;
  • Cancro ovarico mucinoso.
2. Malattie non cancerose:
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • colelitiasi;
  • colecistite;
  • Artrite reumatoide;
  • Lupus eritematoso sistemico;
  • sclerodermia.

Oncomarker CA 125

L'oncomarker CA 125 è anche chiamato marker ovarico, poiché la determinazione della sua concentrazione è più importante per la rilevazione dei tumori di questo particolare organo. In generale, questo marker tumorale è prodotto dall'epitelio delle ovaie, del pancreas, della cistifellea, dello stomaco, dei bronchi e dell'intestino, a seguito del quale un aumento della sua concentrazione può indicare la presenza di un sito di crescita tumorale in uno di questi organi. Di conseguenza, una così vasta gamma di tumori, in cui il livello del marker tumorale CA 125 può aumentare, determina la sua bassa specificità e il suo basso significato pratico. Pertanto, nella medicina pratica, si raccomanda la determinazione del livello di CA 125 nei seguenti casi:

  • Come test di screening per il carcinoma mammario in donne in postmenopausa e donne di qualsiasi età che hanno parenti di sangue, hanno carcinoma mammario o carcinoma ovarico;
  • Valutazione dell'efficacia della terapia, diagnosi precoce di recidive e metastasi nel carcinoma ovarico;
  • Identificazione dell'adenocarcinoma pancreatico (in combinazione con marker tumorale CA 19-9);
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia e rilevazione di ricadute dell'endometriosi.

Normale (non elevata) è una concentrazione di CA 125 nel sangue inferiore a 25 unità / ml.

Si osserva un aumento della CA 125 con le seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche:

  • Forme epiteliali di carcinoma ovarico;
  • Cancro uterino;
  • Tumore endometriale;
  • Carcinoma delle tube di Falloppio;
  • Carcinoma mammario;
  • Cancro al pancreas;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro al fegato;
  • Cancro rettale;
  • Tumore ai polmoni.
2. Malattie non cancerose:
  • Tumori benigni e malattie infiammatorie dell'utero, delle ovaie e delle tube di Falloppio;
  • Endometriosi;
  • Terzo trimestre di gravidanza;
  • Malattia del fegato
  • Malattia del pancreas;
  • Malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sclerodermia, lupus eritematoso sistemico, tiroidite di Hashimoto, ecc.).

Antigene prostatico specifico, totale e libero (PSA)

Un antigene prostatico specifico comune è una sostanza prodotta dalle cellule della ghiandola prostatica che circola nella circolazione sistemica in due forme: proteine ​​libere e legate al plasma. Nella pratica clinica, vengono determinati il ​​contenuto totale di PSA (forma libera + legata alle proteine) e il livello di PSA libero.

Il contenuto totale di PSA è un marker di qualsiasi processo patologico nella ghiandola prostatica degli uomini, come infiammazione, trauma, condizioni dopo manipolazioni mediche (ad esempio massaggio), tumori maligni e benigni, ecc. Il livello di PSA libero diminuisce solo nei tumori maligni della prostata, a seguito del quale questo indicatore in combinazione con il PSA generale viene utilizzato per la diagnosi precoce e il monitoraggio dell'efficacia del trattamento del cancro alla prostata negli uomini.

Pertanto, la determinazione del livello totale di PSA e PSA libero nella medicina pratica viene utilizzata per la diagnosi precoce del carcinoma prostatico, nonché per monitorare l'efficacia della terapia e l'insorgenza di recidive o metastasi dopo il trattamento del carcinoma prostatico. Di conseguenza, nella medicina pratica, la determinazione dei livelli di PSA libero e totale è mostrata nei seguenti casi:

  • Diagnosi precoce del carcinoma prostatico
  • Valutazione del rischio di metastasi del carcinoma prostatico;
  • Valutazione dell'efficacia della terapia del cancro alla prostata;
  • Identificazione di recidiva o metastasi del carcinoma prostatico dopo il trattamento.

Normale è la concentrazione di PSA totale nel sangue entro i seguenti valori per uomini di età diverse:
  • Di età inferiore ai 40 anni - meno di 1,4 ng / ml;
  • 40 - 49 anni - meno di 2 ng / ml;
  • 50-59 anni - meno di 3,1 ng / ml;
  • 60 - 69 anni - meno di 4,1 ng / ml;
  • Più vecchio di 70 anni - meno di 4,4 ng / ml.

Si osserva un aumento della concentrazione di PSA totale con carcinoma prostatico, prostatite, infarto prostatico, iperplasia prostatica e dopo irritazione della ghiandola (ad esempio, dopo massaggio o esame attraverso l'ano).

Il livello di PSA libero non ha un valore diagnostico indipendente, poiché la sua percentuale rispetto al PSA totale è importante per rilevare il carcinoma della prostata. Pertanto, il PSA libero viene determinato in aggiunta solo quando il livello totale è superiore a 4 ng / ml in un uomo di qualsiasi età e, di conseguenza, esiste un'alta probabilità di cancro alla prostata. In questo caso, determinare la quantità di PSA libero e calcolare il suo rapporto con il PSA totale in percentuale con la formula:

PSA gratuito / PSA totale * 100%

Inoltre, se il PSA libero è superiore al 15%, un uomo ha una malattia non cancerosa della prostata. Se il PSA libero è inferiore al 15%, allora questa è quasi il 100% di conferma del cancro alla prostata.

Fosfatasi acida prostatica (PAP)

La fosfatasi acida è un enzima che viene prodotto nella maggior parte degli organi, ma la più alta concentrazione di questa sostanza è nella ghiandola prostatica. Inoltre, un alto contenuto di fosfatasi acida è caratteristico del fegato, della milza, dei globuli rossi, delle piastrine e del midollo osseo. Parte dell'enzima dagli organi entra nel flusso sanguigno e circola nella circolazione sistemica. Inoltre, nella quantità totale totale di fosfatasi acida nel sangue, la maggior parte sono rappresentati dalla frazione della prostata. Ecco perché la fosfatasi acida è un marker tumorale per la prostata..

Nella medicina pratica, la concentrazione di fosfatasi acida viene utilizzata solo per controllare l'efficacia della terapia, poiché con una cura efficace del tumore, il suo livello diminuisce quasi a zero. Per la diagnosi precoce del carcinoma prostatico, la determinazione del livello di fosfatasi acida non viene utilizzata, poiché a questo scopo il marker tumorale ha una sensibilità troppo bassa - non più del 40%. Ciò significa che con l'aiuto della fosfatasi acida è possibile rilevare solo il 40% dei casi di carcinoma prostatico..

Normale (non elevata) è una concentrazione di fosfatasi dell'acido prostatico inferiore a 3,5 ng / ml.

Si osserva un aumento del livello di fosfatasi dell'acido prostatico con le seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

  • Cancro alla prostata
  • Infarto della prostata;
  • BPH;
  • Prostatite acuta o cronica;
  • Il periodo da 3 a 4 giorni dopo l'irritazione della prostata durante l'intervento chirurgico, l'esame rettale, la biopsia, il massaggio o l'ecografia;
  • Epatite cronica;
  • Cirrosi epatica.

Antigene cancro-embrionale (CEA, CEA)

Questo marcatore tumorale è prodotto da carcinomi di varia localizzazione, cioè tumori originati dal tessuto epiteliale di qualsiasi organo. Di conseguenza, il livello di CEA può essere aumentato in presenza di carcinoma in quasi tutti gli organi. Tuttavia, CEA è più specifico per i carcinomi del retto e del colon, dello stomaco, del polmone, del fegato, del pancreas e della ghiandola mammaria. I livelli di CEA possono anche essere elevati nei fumatori e nelle persone che soffrono di malattie infiammatorie croniche o tumori benigni..

A causa della bassa specificità del CEA, questo marker tumorale non viene utilizzato nella pratica clinica per la diagnosi precoce del cancro, ma viene utilizzato per valutare l'efficacia della terapia e controllare la ricaduta, poiché il suo livello durante la morte tumorale diminuisce nettamente rispetto ai valori che hanno avuto luogo prima del trattamento.

Inoltre, in alcuni casi, la determinazione della concentrazione di CEA viene utilizzata per rilevare i tumori, ma solo in combinazione con altri marcatori tumorali (con AFP per rilevare il cancro del fegato, con CA 125 e CA 72-4 - carcinoma ovarico, con CA 19-9 e CA 72 4 - tumore allo stomaco, con CA 15-3 - carcinoma mammario, con CA 19-9 - tumore del retto o del colon). In tali situazioni, CEA non è il principale, ma un marker tumorale aggiuntivo, che consente di aumentare la sensibilità e la specificità del principale.

Di conseguenza, la determinazione della concentrazione di CEA nella pratica clinica è mostrata nei seguenti casi:

  • Monitorare l'efficacia della terapia e rilevare metastasi di cancro dell'intestino, della mammella, del polmone, del fegato, del pancreas e dello stomaco;
  • Per rilevare se vi è il sospetto di cancro intestinale (con marker CA 19-9), seno (con marker CA 15-3), fegato (con marker AFP), stomaco (con marker CA 19-9 e CA 72-4), pancreas (con marker CA 242, CA 50 e CA 19-9) e polmoni (con marker NSE, AFP, SCC, Cyfra CA 21-1).

Le concentrazioni normali (non elevate) di CEA sono le seguenti:
  • I fumatori di età compresa tra 20 e 69 anni - meno di 5,5 ng / ml;
  • Non fumatori di età compresa tra 20 e 69 anni - meno di 3,8 ng / ml.

Un aumento dei livelli di CEA si osserva nelle seguenti malattie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche:

  • Cancro del retto e del colon;
  • Carcinoma mammario;
  • Cancro ai polmoni;
  • Tumore della tiroide, pancreas, fegato, ovaie e prostata (un aumento del valore CEA ha valore diagnostico solo se anche i livelli di altri marker di questi tumori sono elevati).
2. Malattie non cancerose:
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • Pancreatite
  • Morbo di Crohn;
  • Colite ulcerosa;
  • prostatite;
  • Iperplasia prostatica;
  • Malattia polmonare
  • Fallimento renale cronico.

Antigene polipeptidico tissutale (TPA)

Questo marcatore tumorale è prodotto da carcinomi - tumori originati dalle cellule epiteliali di qualsiasi organo. Tuttavia, la TPA è più specifica per i carcinomi di seno, prostata, ovaie, stomaco e intestino. Di conseguenza, nella pratica clinica, la determinazione dei livelli di TPA è mostrata nei seguenti casi:

  • Individuazione e monitoraggio dell'efficacia del trattamento per il carcinoma vescicale (in combinazione con TPA);
  • Individuazione e monitoraggio dell'efficacia della terapia del carcinoma mammario (in combinazione con CEA, CA 15-3);
  • Individuazione e monitoraggio dell'efficacia della terapia per il carcinoma polmonare (in combinazione con marcatori NSE, AFP, SCC, Cyfra CA 21-1);
  • Identificazione e monitoraggio dell'efficacia della terapia del cancro cervicale (in combinazione con SCC, marcatori Cyfra CA 21-1).

Un livello di TPA sierico normale (non elevato) è inferiore a 75 U / L..

Si osserva un aumento del TPA con le seguenti malattie oncologiche:

  • Carcinoma vescicale;
  • Carcinoma mammario;
  • Tumore ai polmoni.

Poiché il TPA aumenta solo con il cancro, questo marker tumorale ha una specificità molto elevata per i tumori. Cioè, un aumento del suo livello ha un valore diagnostico molto importante, che indica chiaramente la presenza di un sito di crescita del tumore nel corpo, poiché un aumento della concentrazione di TPA non si verifica nelle malattie non cancerose.

Tumore-M2-piruvato chinasi (PK-M2)

Questo marker tumorale è altamente specifico per i tumori maligni, ma non ha specificità d'organo. Ciò significa che la comparsa di questo marcatore nel sangue indica in modo inequivocabile la presenza di un sito di crescita tumorale nel corpo, ma, sfortunatamente, non dà l'idea di quale organo sia interessato.

La determinazione della concentrazione di PK-M2 nella pratica clinica è mostrata nei seguenti casi:

  • Per chiarire la presenza di un tumore in combinazione con altri marcatori tumorali specifici dell'organo (ad esempio, se un altro marcatore tumorale è elevato, ma non è chiaro, questa è una conseguenza della presenza di un tumore o di una malattia non cancerosa. In questo caso, la determinazione di PK-M2 aiuterà a distinguere se un aumento della concentrazione di un altro marcatore tumorale è causato da un tumore o una malattia non oncologica, perché se il livello di PK-M2 è elevato, ciò indica chiaramente la presenza di un tumore, il che significa che è necessario esaminare gli organi in relazione ai quali è specifico un altro marker tumorale ad alta concentrazione);
  • Valutazione dell'efficacia della terapia;
  • Monitoraggio dell'aspetto di metastasi o recidiva del tumore.

Normale (non elevata) è una concentrazione di PK-M2 nel sangue inferiore a 15 U / ml.

Livelli elevati di PK-M2 nel sangue vengono rilevati nei seguenti tumori:

  • Tumore del tratto digestivo (stomaco, intestino, esofago, pancreas, fegato);
  • Carcinoma mammario;
  • Carcinoma renale
  • Cancro ai polmoni.

Chromogranin A

È un marcatore sensibile e specifico dei tumori neuroendocrini. Pertanto, nella pratica clinica, la determinazione del livello di cromogranina A è mostrata nei seguenti casi:

  • Identificazione di tumori neuroendocrini (insulinomi, gastrinomi, VIP, glucagonomi, somatostatinomi, ecc.) E monitoraggio dell'efficacia della loro terapia;
  • Per valutare l'efficacia della terapia ormonale per il cancro alla prostata.

La concentrazione normale (non elevata) di cromogranina A è di 27 - 94 ng / ml.

Un aumento della concentrazione del marker tumorale si nota solo nei tumori neuroendocrini..

Combinazioni oncomarker per la diagnosi del cancro di vari organi

Considera combinazioni razionali di vari marcatori tumorali, le cui concentrazioni sono raccomandate per determinare il rilevamento più accurato e precoce dei tumori maligni di vari organi e sistemi. In questo caso, presentiamo i marcatori tumorali principali e aggiuntivi per il cancro di ogni localizzazione. Per valutare i risultati, è necessario sapere che il marcatore principale del tumore ha la più grande specificità e sensibilità ai tumori di qualsiasi organo, e l'ulteriore aumenta il contenuto informativo di quello principale, ma senza di esso non ha significato indipendente.

Di conseguenza, un livello aumentato di marcatori tumorali sia principali che aggiuntivi significa un grado molto elevato di probabilità di cancro dell'organo esaminato. Ad esempio, al fine di rilevare il carcinoma mammario, sono stati determinati i marker tumorali CA 15-3 (principale) e CEA con CA 72-4 (aggiuntivo) e il livello di tutto è stato elevato. Ciò significa che la probabilità di avere il cancro al seno è superiore al 90%. Per confermare ulteriormente la diagnosi, è necessario un esame del seno con metodi strumentali.

Un livello elevato dei marker aggiuntivi principali e normali significa che esiste un'alta probabilità di cancro, ma non necessariamente nell'organo esaminato, poiché il tumore può crescere in altri tessuti, per i quali il marker tumorale ha specificità. Ad esempio, se nel determinare i marcatori del carcinoma mammario la CA 15-3 principale era elevata e CEA e CA 72-4 erano normali, ciò potrebbe indicare un'alta probabilità di avere un tumore, ma non nella ghiandola mammaria, ma, ad esempio, nello stomaco, poiché CA 15-3 può anche aumentare con il cancro allo stomaco. In questa situazione, viene effettuato un ulteriore esame di quegli organi in cui è possibile sospettare un sito di crescita del tumore.

Se viene rilevato un livello normale del marker tumorale principale e un livello secondario elevato, ciò indica un'alta probabilità della presenza di un tumore non nell'organo esaminato, ma in altri tessuti, rispetto ai quali sono specifici marker aggiuntivi. Ad esempio, nel determinare i marcatori del carcinoma mammario, la CA 15-3 principale rientrava nei limiti normali e la CEA secondaria e la CA 72-4 erano elevate. Ciò significa che esiste un'alta probabilità di un tumore non nella ghiandola mammaria, ma nelle ovaie o nello stomaco, poiché i marcatori CEA e CA 72-4 sono specifici di questi organi.

Marcatori del cancro al seno. I marker principali sono CA 15-3 e TPA, quelli aggiuntivi sono CEA, PK-M2, HE4, CA 72-4 e microglobulina beta-2.

Marcatori tumorali ovarici. Il marker principale è CA 125, CA 19-9, HE4 aggiuntivo, CA 72-4, hCG.

Oncomarker dell'intestino. Il marker principale è CA 242 e CEA, ulteriori CA 19-9, PK-M2 e CA 72-4.

Oncomarker dell'utero. Per il cancro dell'utero, i marcatori principali sono CA 125 e CA 72-4 e CEA aggiuntivo e per il cancro della cervice, i marcatori principali sono SCC, TPA e CA 125 e CEA e CA 19-9 aggiuntivi.

Oncomarker dello stomaco. I principali sono CA 19-9, CA 72-4, CEA, CA 242 aggiuntivo, PK-M2.

Marcatori tumorali pancreatici. I principali sono CA 19-9 e CA 242, quelli aggiuntivi sono CA 72-4, PK-M2 e CEA.

Marcatori tumorali al fegato. I principali sono AFP, altri (adatti anche per il rilevamento di metastasi) - CA 19-9, PK-M2 REA.

Marcatori tumorali tumorali. I principali sono NSE (solo per carcinoma a piccole cellule), Cyfra 21-1 e CEA (per il carcinoma non a piccole cellule), altri sono SCC, CA 72-4 e PK-M2.

Oncomarker della cistifellea e del tratto biliare. Capo - CA 19-9, aggiuntivo - AFP.

Marcatori del cancro alla prostata. I principali sono il PSA totale e la percentuale di PSA libero, fosfatasi acida aggiuntiva.

Oncomarker del testicolo. I principali - AFP, hCG, aggiuntivo - NSE.

Marcatori tumorali alla vescica. Capo - REA.

Marcatori tumorali tiroidei. I principali sono NSE, REA.

Oncomarker del rinofaringe, dell'orecchio o del cervello. I principali sono NSE e CEA.

Oncomarker per le donne. Il kit è raccomandato per lo screening della presenza di tumori degli organi genitali femminili e include, di norma, i seguenti marcatori:

  • CA 15-3 - un marker della ghiandola mammaria;
  • CA 125 - marker ovarico;
  • CEA - un marcatore di carcinomi di qualsiasi localizzazione;
  • HE4 è un marker delle ovaie e della ghiandola mammaria;
  • SCC - un marker di cancro cervicale;
  • CA 19-9 - marker del pancreas e della cistifellea.

Se il marker tumorale è elevato

Se aumenta la concentrazione di qualsiasi marker tumorale, ciò non significa che questa persona abbia un tumore maligno con una precisione del 100%. In effetti, la specificità di un singolo marker tumorale non raggiunge il 100%, a seguito della quale si può osservare un aumento del loro livello in altre malattie non cancerose..

Pertanto, se viene rilevato un livello elevato di qualsiasi marker tumorale, è necessario, dopo 3-4 settimane, passare nuovamente l'analisi. E solo se, per la seconda volta, la concentrazione del marker risulta aumentata, è necessario iniziare un ulteriore esame per determinare se l'alto livello del marker tumorale è associato a una neoplasia maligna o è causato da una malattia non cancerosa. Per fare ciò, si dovrebbero esaminare quegli organi in cui la presenza di un tumore può portare ad un aumento del livello del marker tumorale. Se il tumore non viene rilevato, dopo 3-6 mesi è necessario donare nuovamente sangue ai marker tumorali.

Analisi dei prezzi

Il costo per determinare la concentrazione di vari marker tumorali varia attualmente da 200 a 2500 rubli. È consigliabile scoprire i prezzi di vari marcatori tumorali in specifici laboratori, poiché ogni istituzione stabilisce i propri prezzi per ciascun test, a seconda del livello di complessità dell'analisi, del prezzo dei reagenti, ecc..

Autore: Nasedkina A.K. Specialista in ricerca biomedica.