Principale / Assorbente interno

Vulvit: sintomi e trattamento

La vulvite è una malattia ginecologica che è accompagnata da infiammazione della vulva (genitali esterni). Può svilupparsi in donne di qualsiasi età, a partire dalla nascita.

La vulva si trova tra l'imene e il pube. Consiste nella parte esterna dell'uretra, nell'apertura vaginale, nelle piccole labbra, nelle piccole labbra e nel clitoride. Gli organi vulvari hanno molteplici terminazioni nervose e vasi sanguigni che sono esposti a vari fattori, che provocano danni e infiammazione dei genitali.

Cause di vulvite nelle donne

L'infiammazione della vulva può essere innescata dai seguenti motivi:

  • Sesso orale;
  • Infezioni genitali
  • Uso prolungato di farmaci ormonali e antibatterici, che porta a un indebolimento dell'immunità. Questi farmaci influenzano negativamente la microflora vaginale, a seguito della quale aumenta il livello di microrganismi opportunistici;
  • Neoplasie maligne dei genitali, che sono in uno stato di necrosi o decadimento;
  • Gravi malattie sistemiche (tireotossicosi, cancro);
  • Processi infiammatori degli organi riproduttivi e del tratto urinario;
  • Infestazioni elmintiche;
  • Incontinenza urinaria;
  • La formazione di fistole nel sistema genito-urinario;
  • Temperatura (surriscaldamento, ipotermia), danno chimico ai genitali;
  • Una reazione allergica a prodotti o articoli per la cura personale (gel, crema, sapone, lozione, tamponi, tamponi, ecc.);
  • Trauma meccanico ai genitali durante il parto o contatto sessuale violento;
  • Igiene intima.

Inoltre, la vulvite può svilupparsi a causa della mancanza di estrogeni nel sangue.

Specie vulvite

Data la natura dell'agente infettivo, l'infiammazione della vulva può essere specifica e non specifica. La vulvite aspecifica è causata da virus, protozoi, lieviti, stafilococchi, Escherichia coli e streptococchi. Di solito questa forma viene diagnosticata nelle ragazze e nei pazienti anziani, a causa delle caratteristiche fisiologiche del corpo in questa fase della vita.

Lo sviluppo di vulvite specifica si verifica sotto l'influenza dell'attività patogena di tricomonadi, clamidia, tubercolosi da micobatterio e gonococco.

Per origine, la malattia è classificata come segue:

  • Vulvite primaria. L'emergere di questa forma è promossa da disturbi endocrini, igiene inadeguata, cistite, elmintiasi, lesioni traumatiche dei genitali durante ustioni termiche, chimiche e dovute a influenza meccanica. Inoltre, la causa della vulvite primaria può essere la somministrazione incontrollata o impropria di farmaci antibatterici. La vulvite primaria è più spesso osservata nelle ragazze, poiché le mucose e la pelle della vulva sono piuttosto sottili, tenere e facilmente feribili..
  • Vulvite secondaria. Questa forma si forma sullo sfondo dell'infiammazione che si verifica negli organi genitali interni (cervicite, endometrite, colpite, ecc.). Inoltre, la forma secondaria di vulvite può svilupparsi a causa di una violazione della normale microflora vaginale sullo sfondo di clamidia, tricomoniasi, funghi, papillomavirus e herpes.

Data la causa e il meccanismo di sviluppo della vulvite, si distinguono le seguenti forme di patologia:

  • Vulvite allergica Di solito si sviluppa nei bambini usando rimedi intimi inappropriati. Esistono anche altre fonti di allergeni. La vulvite nei bambini può verificarsi con l'uso di prodotti lattiero-caseari e agrumi, un livello eccessivo di glucosio nella dieta o un'alimentazione scorretta. Anche l'infiammazione può verificarsi a causa dell'uso di pannolini inappropriati. La vulvite allergica (atopica) nelle ragazze e nelle donne è causata da sostanze chimiche irritanti, alimenti e indumenti sintetici. La terapia di questa forma di malattia ha lo scopo di neutralizzare l'allergene e assumere antistaminici.
  • Vulvite atrofica. Più spesso si verifica in pazienti in età menopausale sullo sfondo del diabete mellito e del peso eccessivo. La malattia si manifesta con l'assottigliamento delle mucose della vulva, che porta alla sua facile infezione e trauma. Il trattamento della vulvite atrofica prevede l'uso di farmaci ormonali.
  • Vulvite da candidosi. Di solito viene diagnosticato nelle donne in età fertile e negli adolescenti. La malattia si sviluppa a causa di una violazione della microflora vaginale e di un'immunità indebolita. Stress eccessivo, trattamento antibiotico, trattamento improprio, stress frequenti possono provocare la comparsa di candidosi vulvite. Il principale segno di patologia è lo scarico vaginale di una trama cagliata con un odore sgradevole. Si osservano anche gonfiore delle labbra, prurito, bruciore di luoghi intimi, relazioni sessuali dolorose. Il trattamento della vulvite candidata consiste nell'assunzione di agenti antifungini di vari gruppi: polieni, trazoli, imidazoli, ecc. A volte è sufficiente un trattamento locale - l'uso di supposte vaginali, pomate, bagni e lozioni con erbe medicinali.
  • Vulvite batterica È caratterizzato da un'infiammazione generale della vulva, provocata dalla moltiplicazione e dall'attività patogena dei batteri. Tricomonadi, clamidia, infezione da herpes, gonococchi, tubercolosi da micobatterio possono diventare agenti causali della malattia. Più spesso, una forma simile di vulvite si manifesta sullo sfondo dei cambiamenti ormonali.

Sintomi di vulvite nelle donne

L'infiammazione della vulva può verificarsi in forma acuta e cronica. La vulvite acuta si sviluppa rapidamente, accompagnata da sintomi pronunciati:

  • Gonfiore, arrossamento della vulva;
  • Sensazioni dolorose in luoghi intimi, che si intensificano durante i rapporti sessuali, lo sforzo fisico e la minzione;
  • Bruciore, prurito dei genitali;
  • Ghiandole sebacee allargate dalle grandi labbra;
  • La comparsa di bolle in luoghi intimi con fluido all'interno;
  • La formazione di placche, placca sui genitali;
  • Linfonodi inguinali ingranditi (non sempre);
  • Aumento della temperatura.

La vulvite cronica è accompagnata dagli stessi sintomi della forma acuta, ma ha un carattere meno pronunciato. Un segno caratteristico del decorso cronico della patologia è la comparsa di secrezioni vaginali purulente.

Diagnosi di vulvite

Per selezionare il trattamento più efficace per la vulvite, viene eseguito un esame preliminare completo, che comprende una conversazione con il paziente, un esame ginecologico negli specchi e un esame di laboratorio degli strisci vaginali.

I seguenti studi clinici sono prescritti per rilevare patologie concomitanti, valutare le condizioni generali del paziente, stabilire la gravità e la forma della vulvite

  • Analisi di sbavature sulla flora;
  • Esame generale di sangue, urina;
  • Esame del sangue per sifilide, HIV;
  • Analisi per malattie sessualmente trasmissibili (infezioni genitali);
  • Esame delle feci per rilevare i parassiti intestinali;
  • Controllo delle perdite vaginali per valutare la microflora vaginale e determinare la sensibilità dell'agente patogeno agli antibiotici.

L'opportunità di condurre studi diagnostici è determinata dal medico sulla base dei reclami del paziente, della gravità e dell'intensità delle manifestazioni cliniche e dell'analisi delle informazioni anamnestiche.

Trattamento della vulvite nelle donne

Per il trattamento dell'infiammazione della vulva, viene utilizzato un trattamento complesso di effetti generali e locali. La terapia della vulvite ha lo scopo di eliminare il processo infiammatorio e le sue manifestazioni, nonché di neutralizzare la causa che ha provocato lo sviluppo della malattia. Il trattamento della vulvite acuta nelle ragazze richiede riposo a letto. Le donne per il periodo di terapia devono rifiutare le relazioni sessuali.

La terapia antibiotica per la vulvite è prescritta tenendo conto della sensibilità e del tipo di agente patogeno rilevato. Con un'infiammazione specifica (gonorrea, tricomonas, clamidia, vulvite tubercolare), viene prescritta una terapia speciale corrispondente al patogeno. Nelle ragazze, l'infiammazione della vulva è spesso causata da microrganismi opportunistici, quindi i farmaci antibatterici sono prescritti localmente (creme, unguenti). Il trattamento della vulvite allergica prevede l'uso di antistaminici, assunzione con la dieta ad eccezione di piatti salati, piccanti e dolci.

Oltre alla terapia farmacologica, il trattamento della vulvite comprende il trattamento topico dei genitali:

  • Impacchi freddi con tintura di eucalipto, soluzione di furatsilina, lozione;
  • Lavare i genitali con infusione di camomilla, una soluzione di permanganato di potassio o acido borico;
  • L'uso di supposte vaginali antinfiammatorie, sonnecchiando con antisettici;
  • Bagni sedentari con infusi di erbe (eucalipto, spago, camomilla, calendula), soluzione di permanganato di potassio.

Dopo aver eseguito le procedure dell'acqua, i luoghi intimi devono essere asciugati e cosparsi di polvere streptocida.

Con forte prurito, può essere prescritto l'uso di un unguento anestetico, che lubrifica la vulva al momento di coricarsi e sonniferi. In alcuni casi, è indicata la fisioterapia (UV)..

Particolare attenzione nella lotta contro la vulvite è data al trattamento di patologie concomitanti (disfunzioni metaboliche, ormonali, malattie croniche - pielonefrite, tonsillite). Per rafforzare le proprietà protettive del corpo, viene mostrato l'uso di farmaci fortificanti: integratori alimentari, immunomodulatori, complessi vitaminici, ecc..

Vulvite durante la gravidanza

Anche le donne in gravidanza non sono immuni allo sviluppo della vulvite. Oltre ai motivi di cui sopra, ai fattori provocatori dell'infiammazione della vulva durante il periodo di gestazione vengono aggiunti cambiamenti ormonali, cambiamenti nella microflora vaginale, allergie alle donne in gravidanza, condizioni di stress, ecc. Durante la gravidanza, l'immunità della gestante viene indebolita, a seguito della quale possono aggravare patologie infiammatorie e infettive..

Durante il periodo di gestazione, la vulvite è pericolosa per l'infezione del feto e la minaccia di aborto spontaneo. Gli agenti causali dell'infiammazione nelle donne in gravidanza sono più spesso stafilococchi, candida e Trichomonas.

La terapia della vulvite nelle donne in gravidanza viene effettuata durante il periodo di gestazione ed è caratterizzata da un carattere restrittivo. Ciò è dovuto all'incapacità di utilizzare farmaci antibatterici efficaci durante il periodo di gestazione. Per il trattamento dell'infiammazione vengono utilizzati pomate, supposte vaginali, bagni terapeutici, polveri e creme con proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. Inoltre, per combattere la vulvite durante la gestazione, sono prescritti complessi vitaminici e procedure di miglioramento della salute volte a rafforzare l'immunità. Lo schema e la tattica degli effetti terapeutici sono determinati dal medico individualmente, tenendo conto dell'età gestazionale, del tipo di agente patogeno, dello stato di salute del paziente, nonché della gravità e dello stadio del processo infiammatorio.

Possibili effetti della vulvite

Con una terapia ritardata e insufficiente, la vulvite vaginale, specialmente per i bambini, può provocare lo sviluppo delle seguenti complicanze:

  • Atresia della vagina (inizialmente la vagina si attacca, dopodiché si coalizza completamente);
  • La formazione di ulcere croniche in luoghi intimi;
  • La formazione di sinechia - la fusione delle piccole labbra (il processo di adesione richiede 1 - 1,5 mesi);
  • Imbibizione (cianosi della vulva);
  • La diffusione di batteri patogeni, infezioni agli organi genitali interni, che provoca lo sviluppo di salpingooforite, cervicite, vulvovaginite, endometrite e altre patologie degli organi riproduttivi;
  • Lo sviluppo di erosione del collo uterino, infertilità;
  • La formazione di cicatrici che si verificano dopo la guarigione delle ulcere, l'erosione;
  • Coinvolgimento nel processo infiammatorio del tratto urinario, che porta alla formazione di cistite, uretrite e altre malattie urogenitali.

Prevenzione della vulvite

La principale misura per la prevenzione dell'infiammazione della vulva è il rispetto delle regole di igiene intima. L'igiene genitale deve essere eseguita utilizzando gel speciali. Gli strumenti progettati per prendersi cura dei genitali non si asciugano e non modificano il livello di acido della mucosa vaginale.

Inoltre, per prevenire il verificarsi di vulvite e prevenirne l'esacerbazione, è necessario seguire le seguenti raccomandazioni:

  • Usa biancheria confortevole realizzata con materiali naturali.
  • Pulire correttamente i genitali dopo le procedure dell'acqua. L'asciugatura di luoghi intimi segue tovaglioli o asciugamani sterili, a partire dal pube che si sposta verso l'ano. I movimenti dovrebbero essere immersi, leggeri.
  • Aumenta l'immunità. Conduci uno stile di vita sano e attivo, segui una dieta equilibrata ed equilibrata. Un forte sistema immunitario sarà in grado di combattere indipendentemente i batteri che raggiungono la superficie dei genitali.
  • Monitora la tua salute: cura le malattie infiammatorie e infettive in tempo, assumi periodicamente farmaci antielmintici.

Se si verificano i primi segni di vulvite, consultare un ginecologo. L'accesso tempestivo a un medico aiuterà nelle prime fasi a rilevare la patologia, condurre un trattamento efficace ed evitare effetti avversi.

Attenzione! Questo articolo è pubblicato a solo scopo informativo e in nessun caso è materiale scientifico o consulenza medica e non può sostituire una consultazione di persona con un medico professionista. Per diagnosi, diagnosi e trattamento, contattare un medico qualificato!

Vulvit: trattamento, cause, sintomi, segni, foto

La vulvite si sviluppa principalmente nelle donne in giovane età riproduttiva. La malattia ha un'origine infettiva e in assenza di un trattamento adeguato, l'agente patogeno si diffonde agli organi genitali interni con lo sviluppo di varie complicazioni.

Ora soffermiamoci su questo in modo più dettagliato..

Cosa è "vulvit"?

Il termine vulvite definisce il processo infiammatorio che si sviluppa sulla mucosa della vulva e delle piccole labbra. Il principale fattore scatenante per lo sviluppo della malattia è l'attività vitale di microrganismi patogeni (patogeni) o condizionatamente patogeni, che porta a danni ai tessuti. Le cellule del sistema immunitario si precipitano al centro del processo patologico, che producono una serie di composti biologicamente attivi di mediatori della risposta infiammatoria (interleuchine, prostaglandine). Causano lo sviluppo di diverse reazioni fisiopatologiche:

  • Lo sviluppo del dolore dovuto all'irritazione diretta delle terminazioni nervose sensibili da parte dei mediatori della reazione infiammatoria, nonché la loro compressione meccanica sullo sfondo dell'edema tissutale.
  • Lo sviluppo di edema tissutale a seguito di una maggiore permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni della microvascolatura e del rilascio di plasma sanguigno nella sostanza intercellulare.
  • Iperemia (aumento dell'afflusso di sangue) - una conseguenza dell'espansione di piccoli vasi venosi con lo sviluppo della congestione.
  • Un cambiamento nell'attività funzionale delle cellule della mucosa, che di solito è accompagnato da un aumento reattivo della produzione di muco.

Con lo sviluppo di un grave processo infettivo, le tossine si accumulano al centro della reazione patologica. Entrano nella circolazione sistemica e portano all'intossicazione generale del corpo.

Che aspetto ha una vulvit con una foto

La vulvite è una patologia infiammatoria del sistema riproduttivo femminile, che è accompagnata dalla comparsa dei seguenti segni visivi:

  • Rossore della mucosa delle piccole labbra, così come la vulva.
  • Ispessimento della mucosa, che è una conseguenza dell'edema.
  • La formazione di placca sulla mucosa, il cui colore e natura dipendono dalla causa dello sviluppo della reazione infiammatoria.
  • La comparsa di secrezione patologica dalla vagina, che può avere un carattere mucoso o purulento.

Se compaiono diversi segni visivi di una reazione infiammatoria, è necessario contattare uno specialista medico che diagnosticherà la malattia e, se necessario, prescrivere anche il trattamento appropriato.

Tipi di vulviti

A seconda del motivo principale, oltre al meccanismo di sviluppo del processo patologico, la vulvite in una donna è divisa in diversi tipi:

  • Vulvite atrofica: sullo sfondo del processo infiammatorio, si verifica l'assottigliamento (atrofia) della mucosa.
  • Vulvite da candidosi - la causa dell'infiammazione è l'attivazione di funghi opportunistici del genere Candida.
  • La vulvite batterica è il tipo più comune di reazione infiammatoria causata da un numero significativo di diversi tipi di batteri..

La vulvite acuta (la malattia dura fino a un mese) e cronica (la durata del processo patologico supera i sei mesi) si distingue per la durata del decorso. La classificazione della malattia consente di diagnosticare in modo più rapido e affidabile, nonché di selezionare il trattamento appropriato.

Vulvite atrofica

La vulvite atrofica è una malattia abbastanza comune, che si sviluppa principalmente nelle donne in postmenopausa. L'involuzione legata all'età (estinzione dell'attività funzionale) del sistema riproduttivo è accompagnata dalla cessazione della produzione di ormoni sessuali, che hanno un effetto regolatorio sulle mucose del tratto urogenitale. Ciò porta a una diminuzione della produzione di muco da parte delle cellule ghiandolari della vulva, piccole labbra. Quindi c'è un graduale assottigliamento della mucosa, accompagnato dallo sviluppo di una reazione infiammatoria. L'atrofia provoca una diminuzione delle proprietà protettive, che contribuisce all'attacco di un'infezione secondaria.

Vulvite da candidosi

I funghi candida sono presenti in piccole quantità sulla mucosa vaginale. Si riferiscono a microrganismi opportunistici. In determinate condizioni, accompagnato da una diminuzione dell'immunità, nonché dalla comparsa di fattori favorevoli per i microrganismi, si verifica un aumento dell'attività e un aumento del numero di cellule fungine con lo sviluppo di infiammazione specifica: candidosi vulvite (mughetto). In assenza di un trattamento adeguato, i funghi si diffondono per un periodo di tempo relativamente breve alla mucosa della vagina e dell'uretra. La terapia del mughetto dovrebbe essere completa con l'implementazione obbligatoria di misure volte ad eliminare gli effetti di fattori che hanno contribuito all'attivazione dei funghi.

Vulvite batterica

Il motivo principale per lo sviluppo di una reazione infiammatoria sulla mucosa della vulva e delle piccole labbra è l'attività vitale di vari batteri. Se i patogeni non specifici entrano o diventano batteri condizionatamente patogeni, si manifesta un arrossamento marcato della mucosa, si sviluppa gonfiore e compaiono chiazze gialle o giallo-verdi. Nel caso di infezione da batteri da parte degli agenti causali delle infezioni genitali, i segni clinici del processo infiammatorio hanno una leggera gravità. Sullo sfondo del rossore della mucosa, appaiono secrezioni mucose voluminose che hanno un odore sgradevole. Un trattamento adeguato della vulvite batterica comporta necessariamente l'uso di antibiotici.

Vulvite acuta

Nella vulvite acuta, la durata del processo infiammatorio non supera un mese. Le cause più comuni di infiammazione sono batteri non specifici, che possono causare patologie in qualsiasi tessuto, di solito nel sito della loro penetrazione. Una patologia un po 'meno comune è causata da funghi opportunistici del genere Candida. Le manifestazioni cliniche della malattia con un decorso acuto sono pronunciate e fanno sì che una donna cerchi un aiuto medico. In assenza di misure terapeutiche, possono svilupparsi complicazioni purulente o il processo patologico entra nello stadio di un decorso cronico.

Vulvite cronica

L'infiammazione cronica della mucosa della vulva e delle piccole labbra è caratterizzata da un decorso prolungato che supera i sei mesi. Le cause principali sono agenti causali di alcune infezioni genitali (clamidia, micoplasmosi, ureaplasmosis), nonché funghi del genere Candida. Con un trattamento improprio o la sua assenza, è possibile una transizione di infiammazione acuta allo stadio di un decorso cronico. Dopo il corretto trattamento della vulvite cronica, la condizione migliora con la scomparsa pratica dei segni infiammatori. Ma dopo un certo periodo di tempo, è possibile un'esacerbazione (recidiva) di una condizione patologica.

I primi segni di vulvite

I primi segni di infiammazione nella mucosa della vulva includono intossicazione generale, che è associata all'assorbimento di prodotti tossici di scarto di agenti patogeni nella circolazione sistemica, tra cui:

  • Un aumento della temperatura corporea di una donna ai numeri subfebrilici (circa + 37,5 ° C) o febbrili (sopra + 38 ° C), che dipende dalla gravità dell'intossicazione.
  • Debolezza generale, ridotta capacità di lavorare.
  • Deterioramento dell'appetito fino alla sua completa assenza.
  • Dolori muscolari, principalmente nella regione lombare e articolazioni grandi.
  • Un mal di testa che non ha una chiara localizzazione.
  • Nausea, vomito intermittente, un indicatore di grave intossicazione.

La gravità delle manifestazioni cliniche dipende dal grado di intossicazione e dal tipo di agente patogeno. Con infezioni fungine e genitali, può essere quasi completamente assente. Inoltre, nelle fasi iniziali dello sviluppo della vulvite, compaiono manifestazioni locali minime sotto forma di dolore o bruciore, prurito nella vulva.

Sintomi di vulvite

Il quadro clinico della vulvite nelle donne dipende dalla causa dello sviluppo del processo infiammatorio:

  • Vulvite causata da un'infezione non specifica - arrossamento della mucosa, dolore di gravità variabile, comparsa di placca gialla o giallo-verde, secrezione.
  • Infezione sessuale: segni minimi del processo infiammatorio, prurito, bruciore nella vulva, leggero arrossamento, nonché comparsa di secrezioni voluminose che hanno un carattere mucoso e un odore sgradevole.
  • Funghi del genere Candida - forte prurito, bruciore nella vulva, arrossamento della mucosa, comparsa della caratteristica placca bianca di formaggio e scarico.
  • Vulvite atrofica - un marcato assottigliamento della mucosa delle piccole labbra, la loro secchezza.

Sulla base dei sintomi, il medico fa una prima conclusione sulla causa e la natura del processo patologico. Per fare una diagnosi affidabile, è necessario uno studio obiettivo aggiuntivo, inclusi test di laboratorio (coltura batteriologica, microscopia di uno striscio dalla vulva e dalla vagina, reazione a catena della polimerasi). Questo è necessario per selezionare il trattamento più appropriato..

Cause e prevenzione della vulvite

Il motivo principale dello sviluppo della vulvite in una donna è un'infezione batterica e fungina specifica o non specifica, nonché l'atrofia della mucosa causata dall'involuzione del sistema riproduttivo legata all'età. L'effetto di alcuni fattori provocatori aumenta il rischio di sviluppare un processo infiammatorio, tra cui:

  • Igiene intima inadeguata, contribuendo all'accumulo di microrganismi nella regione delle piccole labbra e delle piccole labbra.
  • Irritazione della mucosa della vulva, provocata da secrezioni della vagina o dell'uretra sullo sfondo dello sviluppo di processi infettivi in ​​esse.
  • Irritazione meccanica della mucosa causata dall'uso di biancheria intima stretta e scomoda, lubrificazione insufficiente durante il sesso.
  • Declino dell'immunità congenita.
  • Violazione delle proprietà protettive dovute a ipotermia generale, locale, cattiva alimentazione, uso prolungato di antibiotici (gli antibiotici possono provocare l'attivazione di infezione fungina).
  • Disturbi metabolici nel corpo, che includono diabete, obesità.

La prevenzione della vulvite ha lo scopo di eliminare gli effetti di fattori provocatori, che aiuta a prevenire lo sviluppo di altre malattie del sistema riproduttivo.

Trattamento della vulvite

La direzione principale di un trattamento efficace della vulvite è la distruzione dei patogeni del processo infettivo. Per questo, vengono utilizzati farmaci di vari gruppi farmacologici, la cui scelta è determinata dalla causa dello sviluppo del processo infiammatorio:

  • Le penicilline semisintetiche (amoxicillina), le cefalosporine (ceftriaxone) sono antibiotici di un ampio spettro di attività, che sono prescritti per infezioni non specifiche che causano infiammazione della vulva.
  • Gli antibiotici del gruppo macrolidi (azitromicina), le tetracicline (doxiciclina) sono utilizzati nello sviluppo di una specifica infezione sessuale.
  • Agenti antifungini (Pimafucin) per sopprimere l'attività dei funghi del genere Candida.
  • Antisettici per uso locale - agenti che causano la morte di microrganismi patogeni e condizionatamente patogeni, indipendentemente dalla loro specie, vengono utilizzati sotto forma di supposte o una soluzione per irrigazione (clorexidina).

Se necessario, vengono prescritte misure terapeutiche necessarie per eliminare gli effetti di fattori provocatori e aumentare l'attività del sistema immunitario. Per fare questo, si raccomanda di utilizzare immunomodulatori di medicinali su base vegetale (ginseng, eleuterococco, vite di magnolia).

La prognosi per la vulvite nelle donne è generalmente favorevole. Sullo sfondo dell'inizio tempestivo di un trattamento adeguato, è possibile ottenere il pieno recupero. La mancanza di terapia provoca il decorso cronico della malattia e la diffusione dell'infezione nella vagina.

Vulvite atrofica

La vulvite atrofica è una malattia in cui si verifica un'infiammazione della vulva, combinata con l'assottigliamento della mucosa degli organi genitali a causa di una carenza di estrogeni nel sangue.

Molto spesso, la malattia viene diagnosticata nelle donne durante il periodo della menopausa naturale o artificiale. Di norma, le donne affrontano questa patologia a 5-7 anni dopo l'inizio della menopausa. Tuttavia, la vulvite atrofica può anche svilupparsi a causa dell'obesità e della ridotta tolleranza al glucosio. Con questa malattia, la mucosa genitale diventa più sottile, a seguito della quale viene facilmente ferita e infettata..

Negli ultimi decenni, il numero di denunce che indicano la vulvite è aumentato. Ciò è dovuto a un aumento del numero di anziani, nonché dei pazienti sottoposti a rimozione ovarica. La vulvite atrofica è più comune nelle regioni in cui la terapia ormonale sostitutiva non viene praticamente utilizzata..

La mucosa genitale è un bersaglio per l'ormone estrogeno. Con una diminuzione della sua concentrazione nel sangue, la mucosa diventa gradualmente più sottile. Come risultato di tutti questi processi, il numero di cellule contenenti glicogeno in sé è ridotto. Il glicogeno è il principale nutriente per i lattobacilli. A causa dell'acido della vagina secreto dai lattobacilli nel corso della loro vita, il Ph vaginale rimane normale (ambiente leggermente acido). A causa della diminuzione della quantità di glicogeno, il numero di lattobacilli sulla mucosa dei genitali diminuisce e aumenta il ph vaginale (diventa alcalino). Ciò porta alla riproduzione attiva di microrganismi opportunistici e, di conseguenza, all'infiammazione.

Cause della malattia

Il motivo principale per cui si verifica la vulvite atrofica è la carenza di estrogeni durante la menopausa artificiale (chirurgia ovarica, radioterapia) o invecchiamento fisiologico del corpo.

Tuttavia, affinché la mucosa diluita sia influenzata dalla vulvite, è necessaria anche l'influenza dei seguenti fattori:

  • violazione delle norme di igiene intima;
  • lavaggio frequente della vagina;
  • la presenza sulla pelle o sulla mucosa di microdamaggi ricevuti, ad esempio, durante la depilazione;
  • reazioni allergiche;
  • rapporti sessuali promiscui;
  • malattie infiammatorie, infettive o virali;
  • indossare biancheria intima sintetica;
  • assunzione incontrollata di farmaci antibatterici;
  • disturbi metabolici;
  • irritazione vulvare durante il rapporto sessuale;
  • infestazioni elmintiche;
  • patologia del sistema nervoso;
  • fistole o messaggi del tratto digestivo e del sistema escretore con i genitali;
  • indebolimento delle difese del corpo.

Sintomi

Molto prima dell'inizio della malattia, la donna inizia a assottigliare la mucosa dei genitali. Questo fenomeno è spesso combinato con secchezza..

La vulvite atrofica può verificarsi sia in forma acuta che cronica. Nel primo caso, una donna ha improvvisamente prurito e bruciore delle labbra e dell'area all'ingresso della vagina. Nella vulvite acuta, molti pazienti si lamentano del taglio del dolore durante la minzione. Inoltre, i pazienti possono avere dolore alla vulva, che si intensifica durante il sesso, praticare sport o semplicemente camminare.

Con vulvite atrofica, si verificano anche arrossamento e gonfiore degli organi genitali esterni. Il clitoride è notevolmente aumentato di dimensioni. Inoltre, aumentano anche le ghiandole sebacee sui genitali. In alcuni casi, a causa di graffi sui genitali, possono essere presenti ulcerazioni minori. A volte i pazienti lamentano debolezza, apatia e un aumento della temperatura corporea agli indicatori subfebrilici.

In alcuni casi, specialmente con una combinazione di vulvite e vaginite, i pazienti possono manifestare perdite vaginali e uno strato di placca sulla mucosa dei genitali. Quindi, se la vulvite atrofica è combinata con la vaginite fungina, i pazienti hanno un'abbondante scarica vaginale bianca che irrita la mucosa. Se la malattia è combinata con vaginite batterica, i sintomi della vulvite atrofica possono includere come scarico con una tinta grigiastra, giallastra o verdastra, che ha anche un odore sgradevole.

Quando la vulvite atrofica è provocata da un'allergia, una donna può formare una piccola eruzione cutanea sulla vulva. Di norma, non si osserva alcun scarico insolito.

Se la vulvite acuta atrofica non viene trattata, può trasformarsi in una forma cronica, che si manifesterà come un lieve prurito che appare di volta in volta, ad esempio, durante il rapporto sessuale. Sotto l'influenza di eventuali fattori negativi sul corpo (ad esempio, un raffreddore o carenza di vitamina), la vulvite atrofica può peggiorare. In questo caso, tutti i sintomi che ha la vulvite atrofica acuta.

Diagnostica

La diagnosi di vulvite atrofica comprende, prima di tutto, un'analisi della storia e dei reclami del paziente. All'inizio, il medico si chiede se la paziente abbia perdite vaginali, in tal caso, di che colore, consistenza, quanto vengono escreti e per quanto tempo sono apparsi, con ciò che la paziente associa al verificarsi di sintomi spiacevoli, come ha cercato di essere trattata. Il dottore è anche interessato a che tipo di stile di vita conduce la paziente: ha un partner sessuale, ha avuto un parto, un aborto, quali malattie o interventi chirurgici ha avuto di recente? Successivamente, lo specialista conduce un esame ginecologico. Durante esso, sulla mucosa degli organi genitali, di norma vengono rilevati arrossamenti e gonfiori, può essere presente ulcerazione. Alla palpazione, si nota un aumento dei linfonodi situati nella regione inguinale.

Dopo questo, il ginecologo prescrive senza fallo:

  • esame del sangue per gli ormoni;
  • microscopia a striscio per la possibile rilevazione di un aumento del numero di leucociti (un segno di infiammazione) e dell'agente patogeno che ha causato la comparsa della patologia;
  • esame batteriologico della semina delle perdite vaginali per determinare la sensibilità dei batteri ai farmaci antibatterici;
  • PCR per test per le IST;
  • analisi delle urine per rilevare malattie infiammatorie del tratto urinario.

Solo dopo aver eseguito tutte queste procedure il medico sarà in grado di diagnosticare e prescrivere con precisione il trattamento più efficace..

Trattamento

Il trattamento della vulvite atrofica comporta sempre l'uso di farmaci ormonali che hanno un effetto sistemico o locale. Indipendentemente dalla forma di rilascio, questi farmaci sono ugualmente efficaci.

È consigliabile che tale trattamento avvenga entro e non oltre 1,5-3 anni dopo la menopausa.

Di farmaci ormonali di azione locale, vengono spesso usate supposte e unguenti, tra cui l'estradiolo. Questi farmaci vengono applicati sulla zona interessata o iniettati nella vagina ogni giorno per 2 settimane.

Inoltre, i medici prescrivono ai pazienti preparazioni ormonali in compresse. Dovrebbero essere presi senza interruzione per 5 anni. Hanno un effetto sistemico e, oltre a trattare la vulvite atrofica, alleviano i sintomi spiacevoli della menopausa, come vampate di calore e sbalzi d'umore, fermano la caduta dei capelli, influenzano positivamente le condizioni della pelle.

Al fine di curare la vulvite, è necessario trattare la vagina e la vulva con soluzioni antisettiche e antinfiammatorie. Allo stesso scopo, puoi usare varie candele, creme, gel, unguenti e spray.

Dopo che l'agente causale della malattia è stato identificato e la sua sensibilità ai farmaci è stata determinata, il medico prescrive farmaci antimicotici o antibatterici. Questi farmaci possono anche essere prodotti in varie forme..

Se la vulvite ha causato una reazione allergica, possono essere prescritti antistaminici..

Con una diagnosi di vulvite atrofica, il trattamento dovrebbe includere anche il trattamento di eventuali malattie infettive, infiammatorie o virali, in particolare quelle croniche, con un lungo decorso.

Inoltre, per alleviare i sintomi della malattia, il medico può raccomandare bagni sedentari con l'aggiunta di soluzioni medicinali o decotti di erbe antinfiammatorie (come camomilla o salvia).

Una volta completato il trattamento, si raccomanda di sottoporsi a un ciclo di terapia vitaminica e, se necessario, a un ciclo di immunostimolanti. Si raccomanda inoltre di utilizzare supposte o compresse vaginali, che includono lattobacilli.

Al momento del trattamento, una donna dovrebbe escludere il contatto sessuale e aderire a una dieta speciale, che implica il rifiuto di alcol, grassi, dolci, piccanti e, al contrario, l'inclusione di un gran numero di verdure, frutta, proteine ​​e prodotti dell'acido lattico.

Dopo il corso del trattamento, il medico esamina la donna per la maturità del suo epitelio. Inoltre, Ph è determinato per le sue perdite vaginali.

La vulvite atrofica è una delle manifestazioni più spiacevoli della menopausa. Con una visita tempestiva a un ginecologo, una donna sarà in grado di evitare non solo cambiamenti negativi nell'area genitale, ma anche ridurre significativamente il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, prevenire un aumento della lisciviazione di minerali dal tessuto osseo, portando all'osteoporosi nel tempo.

Con la nomina di una terapia adeguata, la prognosi della malattia è molto favorevole..

effetti

In assenza di trattamento o con un trattamento incompleto e di scarsa qualità, la forma acuta di vulvite può diventare cronica.

Inoltre, se non trattati, i pazienti possono sviluppare infiammazione del sistema genito-urinario, erosione della cervice.

Come puoi vedere, le conseguenze della malattia possono essere gravi. Al fine di prevenire la vulvite atrofica, una donna deve osservare l'igiene genitale, mantenere uno stile di vita sano, rafforzare l'immunità, guarire in tempo per la malattia e, se si verificano sintomi sospetti, consultare immediatamente uno specialista.

Vulvit: sintomi, trattamento in donne e ragazze

La vulvite nelle donne è una malattia in cui il processo infiammatorio colpisce i genitali esterni. Il disturbo provoca disagio e può portare a complicazioni, tra le quali si possono distinguere ulcere, nonché alla diffusione del processo patologico alla vagina e alla cervice.

La malattia ha un decorso acuto e cronico. Se vengono rilevati i primi sintomi allarmanti, la donna deve contattare uno specialista il prima possibile per sottoporsi a un esame e condurre un trattamento tempestivo.

Il trattamento della malattia è direttamente correlato alle cause del suo aspetto. Quali sono le cause della vulvite nelle donne?

Cause della malattia

Un cambiamento nel naturale equilibrio della microflora può provocare lo sviluppo di un processo infiammatorio. Gli agenti causali della malattia possono essere:

  • batteri
  • Trichomonas;
  • virus
  • clamidia
  • stafilococchi e streptococchi;
  • gonococchi;
  • Lievito Candida genere.

I rapporti non protetti possono causare vulvite di natura virale, gonococcica o trichomonas. Una serie di fattori può portare allo sviluppo di un processo non specifico o candidoso, vale a dire:

  • mancato rispetto delle norme di igiene intima;
  • infiammazione della vescica;
  • peso in eccesso;
  • uso incontrollato o prolungato di antibiotici;
  • elmintiasi;
  • leucemia;
  • sesso orale;
  • endometrite, vaginite;
  • infiammazione del sistema urinario;
  • diabete;
  • malattie che indeboliscono il sistema immunitario: bronchite, polmonite, influenza;
  • allergia;
  • umidità costante in combinazione con l'alta temperatura in cui si trovano i genitali;
  • pieghe della vulva;
  • maggiore sensibilità dei tessuti;
  • irritanti chimici o meccanici. Questi includono lavaggi con sostanze aggressive;
  • l'uso di biancheria intima sintetica densa.

La malattia ha la tendenza a svilupparsi durante periodi che hanno un aumentato contenuto di estrogeni nel corpo, come l'infanzia, la transizione e la menopausa. Inoltre spesso la malattia appare durante la gravidanza.

Sintomi di vulvite

L'infiammazione acuta dei genitali esterni è caratterizzata dalla comparsa dei seguenti sintomi clinici:

  • iperemia e gonfiore delle labbra;
  • camminare, minzione, intimità - tutto ciò provoca la comparsa di sensazioni dolorose;
  • prurito e bruciore genitali;
  • l'aspetto di bolle, all'interno delle quali c'è un liquido. Dopo averli aperti, la superficie è coperta da una crosta;
  • placca, ulcere della placca. Questi segni sono più caratteristici di un decorso cronico, sebbene possano verificarsi anche in casi acuti;
  • in alcuni casi, si verifica debolezza e la temperatura aumenta.

Il periodo di incubazione della malattia dipende direttamente dal patogeno che l'ha causata. Quindi, nel caso della natura gonorrea, questo periodo varia da due a dieci giorni. Con processo infiammatorio di trichomonas - circa dieci giorni.

Se parliamo di vulvite cronica, si manifesta spesso sotto forma di forte prurito. Molto spesso, questa forma di malattia si verifica nelle donne con diabete. Anche con un grande desiderio di pettinare i genitali, è necessario trattenersi, perché a causa di ciò la situazione sarà ancora peggiore e questo può portare all'infezione dei tessuti.

Diagnostica

Un esame per sospetta vulvite include quanto segue:

  • raccolta dei reclami. Al paziente viene chiesto cosa lo disturba, da quanto tempo compaiono i sintomi, cosa associa la persona al suo aspetto, ecc.
  • ispezione;
  • analisi di uno striscio ginecologico sulla flora. Lo studio aiuta a identificare il processo infiammatorio e la presenza di batteri - la causa immediata del processo patologico;
  • coltura batteriologica di uno striscio ginecologico;
  • PCR;
  • un'analisi delle urine generale rivela la presenza di cistite, che può essere sia una causa di vulvite che una sua complicazione.
al contenuto ↑

Specie vulvite

A seconda delle ragioni del suo sviluppo, la vulvite è divisa in due gruppi:

  • primario. Il più delle volte si verifica durante l'infanzia o l'età adulta. È principalmente il risultato del mancato rispetto delle norme igieniche, della riduzione dell'immunità e dell'esposizione a sostanze chimiche o meccaniche irritanti;
  • secondario. Il più delle volte si verifica nelle donne in età riproduttiva in presenza di altre malattie, ad esempio vaginite o endocervicite.

A seconda della natura del corso, la vulvite è divisa in:

  • acuta, che è caratterizzata da una pronunciata gravità dei sintomi clinici. Di norma, con un trattamento tempestivo e competente, il quadro clinico scompare rapidamente
  • cronico - caratterizzato da segni letargici e prolungati del processo infiammatorio.

Si distinguono anche vulvite specifica e non specifica. Il secondo tipo si verifica più spesso nelle ragazze o nelle donne in età avanzata e i suoi agenti causali possono essere protozoi, funghi, streptococchi, stafilococchi, virus. Trichomonas, clamidia, gonococchi dopo la penetrazione dei genitali causano una forma specifica.

Vulvite da candidosi

La vulvite da candidosi è una malattia vulvare causata da funghi simili al lievito del genere Candida. Le donne in età riproduttiva sono più suscettibili a questo disturbo. I principali fattori provocatori per lo sviluppo della patologia candidale sono:

  • l'uso di agenti antibatterici ad ampio spettro. Di conseguenza, non solo viene soppressa la microflora patogena, ma anche i microrganismi benefici. Di conseguenza, aumenta l'acidità, che è un fattore predisponente dell'attivazione dell'infezione fungina;
  • periodo di gravidanza. Un cambiamento nel background ormonale provoca la diffusione di funghi simili a lieviti;
  • l'uso di contraccettivi orali;
  • biancheria intima sintetica, ecc.

In generale, la vulvite candidosa non appartiene alla categoria delle malattie a trasmissione sessuale. L'infezione fungina è classificata come microflora opportunistica. Ciò significa che normalmente i funghi sono presenti nel nostro corpo e non causano alcun disturbo..

Sotto l'influenza di alcuni fattori che fungono da fattore scatenante, la microflora condizionatamente patogena può iniziare a moltiplicarsi attivamente, formare intere colonie, portando a un processo infiammatorio.

Per confermare la diagnosi, sarà necessario un test dello striscio ginecologico. Innanzitutto, viene eseguita un'analisi sulla flora, da cui sarà chiaro se è presente un'infezione fungina. E poi viene fatta la coltura batteriologica, che consente di determinare il tipo di agente patogeno.

Il trattamento della vulvite fungina ha lo scopo non solo di eliminare il fattore eziologico, ma anche di combattere i fattori provocatori. Le forme lievi della malattia sono trattate con farmaci locali, a volte è consigliabile combinarle con farmaci sistemici..

Vulvite allergica

La vulvite allergica è una malattia dei genitali esterni derivante dagli effetti irritanti degli allergeni. Di norma, una maggiore reazione del corpo a tali cose:

  • biancheria intima sintetica. I coloranti e le fibre sintetiche possono causare gravi irritazioni e infiammazioni;
  • polveri;
  • Cibo;
  • contatto con lubrificanti per preservativi;
  • farmaci a contatto con la mucosa dei genitali: supposte, pomate, creme, ecc.;
  • morsi di insetto;
  • pannolini di bassa qualità;
  • la presenza di ossiuri;
  • lavaggi frequenti;
  • prodotti per l'igiene intima.

Spesso un tipo allergico della malattia viene diagnosticato nelle ragazze giovani. Ciò può essere spiegato per due motivi principali, vale a dire:

  • il sistema immunitario è ancora agli inizi, il che significa che non può resistere correttamente agli attacchi di allergeni;
  • La mucosa degli organi genitali è sottile, vulnerabile e quindi può essere facilmente danneggiata..

Per quanto riguarda le manifestazioni cliniche della forma allergica, in ogni singolo caso la situazione può essere diametralmente opposta, a partire da un decorso turbolento e terminando con una manifestazione quasi impercettibile. Inoltre, la malattia a volte si sviluppa lentamente e in alcuni casi - rapidamente.

Nella maggior parte dei casi, la vulvite allergica si manifesta come segue:

  • gonfiore e gonfiore degli organi genitali;
  • macchie rosse ed eruzioni cutanee;
  • placche e placche;
  • secrezione purulenta;
  • prurito e bruciore;
  • linfonodi inguinali ingrossati;
  • indicatori di temperatura di basso grado;
  • dolore, che si intensifica con la minzione, i rapporti sessuali, la deambulazione;
  • debolezza, fino a un guasto;
  • irritabilità e irritabilità nervosa.

Il trattamento dell'infiammazione allergica viene effettuato in due direzioni principali:

  • determinazione dell'allergene e protezione del paziente da esso;
  • terapia farmacologica. Di norma, la forma allergica è combinata con i funghi, quindi i medici prescrivono spesso agenti antimicotici. Inoltre, non puoi fare a meno degli antistaminici, che rimuovono efficacemente le manifestazioni di una maggiore reazione del corpo.
al contenuto ↑

Tipo atrofico di vulvite

La forma atrofica è caratterizzata da una combinazione del processo infiammatorio con assottigliamento simultaneo della mucosa genitale. Ciò è dovuto al basso livello di estrogeni nel sangue, per cui la mucosa della vulva è l'obiettivo principale.

Il più delle volte viene diagnosticata una patologia nelle donne durante la menopausa. Inoltre, l'assottigliamento della mucosa è associato al sovrappeso. Ci sono altre ragioni che portano a cambiamenti atrofici nella vulva:

  • microdamage;
  • rapporti sessuali promiscui;
  • infestazioni elmintiche;
  • patologia del sistema nervoso;
  • malattie infettive, virali, ecc..

La mucosa inizia a diluirsi molto prima dell'inizio della malattia. Tutto ciò è accompagnato da grave secchezza. Il processo patologico è acuto e cronico. La forma acuta è caratterizzata dalla comparsa di prurito e bruciore, nonché dal dolore durante la minzione. Il clitoride aumenta di dimensioni e aumentano anche le ghiandole sebacee..

Se il tipo atrofico è combinato con la forma fungina, la secrezione cagliata bianca, irritante per le mucose, può apparire abbondantemente nei pazienti vaginali. Se combinato con vaginosi batterica, lo scarico può acquisire una tinta gialla o persino verde con un odore sgradevole.

La lotta contro i cambiamenti atrofici nella mucosa comporta l'uso di agenti ormonali a scopo locale o sistemico. Inoltre, vengono utilizzate soluzioni antisettiche e antinfiammatorie. Dopo aver condotto uno studio microbiologico e identificato un agente patogeno specifico, il medico può decidere sulla fattibilità dell'uso di agenti antimicotici o antibatterici.

Vulvite da bambini nelle ragazze

Tra le infezioni ginecologiche nelle ragazze di età inferiore agli otto anni, la vulvite viene prima di tutto. Il tipo primario di malattia è di solito una conseguenza delle caratteristiche della struttura anatomica degli organi genitali. Se le ragazze sono preoccupate per i processi infiammatori lunghi e ricorrenti della vulva, in futuro ciò potrebbe minacciare irregolarità mestruali, nonché un problema con la funzione riproduttiva.

Gli agenti causali della malattia nelle ragazze possono essere:

Considera le possibili vie di trasmissione dell'infezione:

  • infezione durante il passaggio attraverso il canale del parto;
  • modo domestico. Ciò può verificarsi in luoghi di uso di massa o quando si ignorano le regole di igiene intima;
  • contatto sessuale.

Come dimostra la pratica, spesso la vulvite nelle ragazze appare sullo sfondo delle invasioni elmintiche. Un problema può svilupparsi quando oggetti estranei, come un granello di sabbia o un insetto, entrano nei genitali.

Se parliamo del tipo secondario della malattia, allora può essere causato a causa della diffusione del processo infettivo da altri focolai, ad esempio con tonsillite o carie.

Per la vulvite nelle ragazze, l'aspetto della secrezione vaginale bianca è caratteristico. Di norma, sono trasparenti, ma a volte possono essere con impurità di pus o sangue. Se l'agente causale è Escherichia coli, lo scarico può acquisire una tinta verde e avere un odore fecale caratteristico. E con un'infezione da stafilococco, sono gialli e viscosi.

Se gli ossiuri sono la causa della malattia, si verifica un ispessimento delle pieghe anali, diventano iperemici, così come il dolore addominale e l'appetito peggiorano. In alcuni casi, la malattia può portare alla comparsa di sintomi generali:

  • linfonodi ingrossati;
  • aumento della temperatura;
  • disturbi del sonno;
  • nervosismo e irritabilità.

Il trattamento della vulvite nelle ragazze dipende dall'eziologia. Include una vasta gamma di misure: la dieta giusta, il regime, la terapia farmacologica.

Trattamento della vulvite

Il trattamento della vulvite è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi, vale a dire:

  • effetti fatali sui patogeni, che sono stati la causa del processo infiammatorio;
  • rafforzare l'immunità.

Il programma di lotta contro la vulvite, alla luce degli obiettivi di cui sopra, comprende quanto segue:

  • trattamento dei genitali esterni con soluzioni antisettiche: acido lattico o borico, permanganato di potassio, perossido di idrogeno. È necessario elaborare la vulva da due a tre volte al giorno per sette o dieci giorni;
  • bagni sessili caldi a base di piante medicinali con effetti antinfiammatori e antisettici: salvia, calendula, camomilla;
  • la lotta contro i patogeni viene effettuata utilizzando supposte o compresse vaginali: cloramfenicolo, metronidazolo, clindamicina;
  • con vulvite ricorrente, vengono generalmente prescritti farmaci sistemici con effetti antibatterici e antimicotici.

Nella dieta quotidiana dovrebbero essere introdotti alimenti con proprietà alcaline, come il latte, nonché verdure bollite o crude. È necessario escludere per il periodo della malattia fritto, affumicato, acido, in salamoia.

Per alleviare i sintomi spiacevoli, vengono utilizzate soluzioni disinfettanti sotto forma di lozioni, bagni o irrigazione. Puoi usare antisettici da farmacia: Chinozol, Miramistin, Furacilin. Puoi anche usare infusioni di successione, ortica, corteccia di quercia.

Nel caso in cui venga determinata la natura della malattia e i suoi agenti patogeni, è possibile prescrivere farmaci sistemici. La vulvite da candidosi è trattata con farmaci antimicotici: livorin, fluconazole, itraconazole. Con la natura trichomonas della malattia, vengono prescritti i seguenti farmaci: ornidazolo, metronidazolo, tinidazolo.

Farmaci per la vulvite

Per alleviare gonfiore e prurito, non puoi fare a meno dei farmaci desensibilizzanti, tra cui:

Gli agenti enzimatici sono usati per normalizzare i processi di digestione:

Per rafforzare le riserve protettive del corpo, vengono prescritti farmaci con azione immunomodulante:

Trattamento domiciliare

L'elevata efficacia nel trattamento della vulvite può dare ricette di medicina alternativa. Non dimenticare che questa è un'aggiunta al trattamento farmacologico principale e non un'alternativa. Metodi alternativi possono essere utilizzati solo dopo aver consultato un medico. L'uso improprio di ricette popolari può danneggiare seriamente!

Considera suggerimenti popolari provati ed efficaci:

  • Iperico Un cucchiaio di piante schiacciate viene versato con un bicchiere di acqua bollente e lasciato in infusione per un'ora. Dopodiché la soluzione deve essere filtrata. Utilizzare il farmaco dovrebbe essere di cinquanta grammi tre volte al giorno;
  • fiori di viburno. Le proporzioni sono le stesse: un bicchiere d'acqua viene utilizzato per un cucchiaio della pianta essiccata. Il prodotto deve essere lasciato a bagnomaria per dieci minuti. Dopo che la soluzione è stata filtrata, può essere utilizzata un cucchiaio tre volte al giorno..
al contenuto ↑

Unguenti per vulvite

L'unguento è una forma di dosaggio facile da usare che elimina rapidamente i sintomi della vulvite. I rimedi locali raramente causano effetti collaterali e, in tal caso, sono di natura locale e passano rapidamente.

L'unguento viene applicato con cura sui genitali secchi precedentemente lavati. Lo strumento inizia ad agire in pochi minuti. L'uso a lungo termine dell'unguento non è raccomandato. Se non ci sono effetti, consultare un medico per regolare il trattamento.

Per il trattamento della vulvite, è possibile utilizzare unguenti con questo effetto:

  • antibatterico;
  • ormonale;
  • la guarigione delle ferite;
  • fungicida.

Considera gli unguenti efficaci prescritti per il trattamento della vulvite:

  • Instillagel. Utilizzato nel trattamento di donne e ragazze. Lo strumento colpisce molti gruppi di agenti patogeni, compresi i funghi. Instillagel elimina rapidamente prurito, bruciore e dolore dovuti alla presenza di lidocaina.
  • Unguento alla nistatina. È usato per la candidosi della vulvite. Il principio attivo dell'unguento contribuisce alla distruzione della membrana protettiva dell'agente patogeno e alla loro ulteriore morte.
  • Unguento alla tetraciclina. La sua composizione include un componente antibatterico di un ampio spettro di azione. Aiuta a fermare la crescita e la riproduzione della microflora patogena.
  • Radevit. Questo unguento favorisce la guarigione dei tessuti. Contiene vitamine che alleviano l'infiammazione ed eliminano l'irritazione. La composizione naturale rende possibile l'uso nelle ragazze.
  • Actovegin. L'unguento satura i tessuti di ossigeno e migliora anche il flusso sanguigno e il metabolismo. Puoi usare lo strumento quasi dalla nascita.
  • Levomekol. Questo è un agente combinato con proprietà rigenerative e antinfiammatorie. La composizione di levomekol comprende metiluracile e cloramfenicolo.
al contenuto ↑

Prevenzione

Se vuoi prevenire lo sviluppo della malattia, segui queste raccomandazioni:

  • trattamento tempestivo delle malattie e un approccio competente;
  • igiene adeguata;
  • rifiuto di relazioni sessuali casuali, uso di preservativi come contraccettivi;
  • l'eliminazione dell'ipotermia;
  • rifiuto di cattive abitudini;
  • rafforzamento del sistema immunitario: indurimento, terapia vitaminica. Moderata attività fisica;
  • corretta alimentazione equilibrata;
  • visite regolari all'ufficio ginecologico.

La vulvite non trattata può minacciare la comparsa di tali complicanze:

  • ulcere croniche sulla vulva;
  • infertilità;
  • sviluppo del processo infettivo fino allo sviluppo di endometrite, cervicite, vaginite.

Quindi, riassumendo, possiamo dire che la vulvite è una malattia spiacevole che può e deve essere combattuta. La malattia può manifestarsi in donne adulte e ragazze.

Esistono molti fattori provocatori per lo sviluppo della vulvite, al fine di determinare l'eziologia è importante sottoporsi a un esame, in questo caso l'autodiagnosi è inaccettabile. Il trattamento dipende direttamente dalla natura del disturbo e comprende una vasta gamma di misure. Se trovi i primi sintomi allarmanti, contatta uno specialista e segui tutti i suoi ulteriori consigli!