Principale / Emorragia

Vaginosi batterica: 5 miti - e la verità di un ostetrico-ginecologo

La vaginosi batterica, altrimenti chiamata disbiosi vaginale, è un problema femminile comune che viene diagnosticato in oltre il 70% delle donne quando esaminato da un ginecologo.

Nonostante la natura progressiva della medicina, il ritmo frenetico della vita di una donna moderna non consente di evitare di conoscere questa malattia "odorosa".

Cos'è la vaginosi batterica?

La vaginosi batterica è una condizione patologica della vagina causata dalla riproduzione attiva dei batteri anaerobici, in cui non c'è infiammazione.

I segni caratteristici della malattia sono abbondanti scariche, in cui i microrganismi patogeni non vengono rilevati..

La malattia si sviluppa su uno sfondo di ridotta attività e il numero di lattobacilli, che sono una sorta di barriera alla penetrazione di organismi patogeni.

Come si manifesta la bacvinosi

Una scarica grigia abbondante e persistente dalla vagina è considerata una manifestazione caratteristica della vaginosi batterica. La loro consistenza è piuttosto liquida, ha un odore sgradevole di pesce. L'intensità dell'odore delle secrezioni aumenta dopo l'intimità.

Inoltre, la malattia è accompagnata da disagio durante il sesso, irritabilità della vulva.

Tuttavia, sono stati registrati casi in cui la malattia si sviluppa in modo asintomatico.

Cause di vaginosi batterica

La disbiosi vaginale è una sindrome multifattoriale, che porta a uno squilibrio della microflora. Le cause delle violazioni della microflora vaginale possono essere tali fattori:

  • disturbi del sistema endocrino;
  • trattamento antibiotico prolungato ingiustificato;
  • riduzione dell'immunità;
  • infiammazione del sistema genito-urinario;
  • l'uso di contraccettivi di bassa qualità;
  • lavaggi frequenti;
  • disbiosi intestinale.

Inoltre, la causa della malattia in alcune ragazze potrebbe essere la disbiosi vaginale dopo l'intimità, che è una reazione allo sperma.

Trattamento della vaginosi batterica

Con una diagnosi di vaginosi batterica, è necessario iniziare immediatamente il trattamento istantaneo in 2 fasi:

  • fase numero 1: miglioramento delle condizioni della vagina, normalizzazione dello sfondo ormonale, eliminazione della causa principale della malattia;
  • fase numero 2 - restauro della microflora vaginale sana.

Si raccomanda inoltre di integrare le misure terapeutiche con farmaci desensibilizzanti e immunocorrettivi, non è consigliabile trattare un partner.

Antibiotici e probiotici per il trattamento della vaginosi batterica

Gli antibiotici sono la base della terapia per la vaginosi batterica. Fondamentalmente, i ginoclog prescrivono il metronidazolo o la clindamicina. Il trattamento dovrebbe essere completo per eliminare tutti i potenziali agenti patogeni.

Se la malattia viene diagnosticata in modo tempestivo, può essere eliminata dopo il trattamento con antibiotici secondo lo schema standard. Ma a volte può essere necessario un secondo corso con lo stesso farmaco..

Inoltre, per l'efficacia nei casi avanzati, il trattamento del corso con un antibiotico può essere sostituito da un altro. Forse una combinazione di due farmaci allo stesso tempo.

Se una donna ha ricadute e una gardnerella vaginale viene trovata nelle colture, il ginecologo raccomanda di trattare un partner sessuale con antibiotici. In altri casi, non è efficace..

Dopo un ciclo di terapia antibiotica, si consiglia a una donna di ripetere gli strisci per verificare se altre malattie infettive si sviluppano sullo sfondo della disbiosi vaginale.

Per ridurre al minimo la probabilità di sviluppare vaginosi batterica durante l'assunzione di antibiotici, a una donna vengono prescritti probiotici che possono normalizzare la microflora nell'intestino e nella vagina. Del numero di probiotici, Linex, Lactobacterin, Bifidumbacterin, ecc. Sono considerati i più efficaci..

Quali candele sono efficaci nel trattamento della vaginosi

L'uso di supposte è uno dei metodi di trattamento più efficaci e sicuri. L'uso di supposte è consentito anche alle donne in gravidanza..

Le supposte possono non solo curare la vaginosi, ma anche normalizzare la flora nella vagina.

Le più popolari sono tali candele:

Macmirror

Questo è un antisettico che è dannoso per i microrganismi, non altera l'equilibrio di alcali e pH. Dopo Macmirror, non è necessario il trattamento della candidosi, poiché il farmaco ne impedisce lo sviluppo.

Terzhinan

Farmaco antibatterico e antifungino. Controindicato nelle prime settimane di gravidanza e vergini.

metronidazolo

Questo è un farmaco antisettico, antimicotico e protozoico che elimina i microbi e normalizza la microflora. Controindicato nelle vergini e in gravidanza.

Dalacin

Supposte con effetto battericida. Nonostante la sua efficacia, il farmaco ha molte controindicazioni e provoca reazioni specifiche, ad esempio lo sviluppo di mughetto, problemi gastrointestinali, violazione del ciclo mestruale.

Neo-Penotran

Elimina microrganismi e funghi senza disturbare l'equilibrio acido-base. Controindicato all'inizio della gravidanza, così come le vergini. Può provocare allergie, vertigini, debolezza.

Flagil

Supposte antibatteriche ad ampio spettro. È vietato durante la gravidanza e l'allattamento. Può causare disturbi al sistema nervoso centrale e gastrointestinale. Non può essere combinato con l'alcol..

Clindacin

Queste sono candele di azione antibatterica. L'eliminazione dei microrganismi provoca un disturbo. Il farmaco può essere assunto solo come indicato da un medico.

Oltre all'uso di supposte per il trattamento della vaginosi batterica, posso prescrivere farmaci sotto forma di gel, unguenti, compresse vaginali.

Molti ginecologi considerano il trattamento per supposte il più efficace, perché le supposte hanno un effetto locale direttamente sulla causa principale della malattia.

Caratteristiche del restauro della normale microflora vaginale

Il trattamento antibiotico, così come l'azione degli organismi patogeni, porta a un deterioramento della flora nella vagina. Per normalizzare l'equilibrio acido-base, è necessario assumere farmaci con lattobacilli.

Tali fondi sono sicuri per l'organismo, non causano reazioni negative. I rappresentanti di questa categoria di medicinali sono:

Se, sullo sfondo dei disturbi della microflora, vengono aggiunti i sintomi della disbiosi intestinale, si consiglia di assumere:

Dopo aver eliminato la causa principale della malattia, si raccomanda la terapia riparativa..

Ma, prima di scegliere il farmaco più adatto, è necessario identificare la causa principale.

Come trattare la vaginosi durante la gravidanza

Il trattamento della bacaginosi durante la gravidanza è particolarmente necessario, poiché la patologia può portare a conseguenze irreversibili, sia per la futura madre che per il bambino.

Nel 1 ° trimestre, la terapia sistemica non è raccomandata. Il trattamento locale deve essere eseguito con cautela..

Il metronidazolo o la clindamicina sono prescritti dal 2 ° trimestre di gravidanza. In questo caso, il trattamento viene effettuato sotto forma di corsi brevi:

  • Il metronidazolo viene assunto 2 compresse 2 volte al giorno per 3-5 giorni;
  • Clindamicina - 0,3 g due volte al giorno per 5 giorni.

Nonostante il decorso e la durata della gravidanza, il trattamento viene eseguito meglio in un ospedale sotto la supervisione di specialisti.

Come trattare la vaginosi con rimedi popolari a casa

Nelle fasi iniziali, la bacvaginosi può essere completamente curata dai rimedi popolari, ma se la malattia non è accompagnata da una violazione della microflora vaginale.

Come procedure domestiche che utilizzano rimedi popolari, puoi usare:

terme

È necessario fare il bagno ad una temperatura dell'acqua non superiore a 37 ° C per non più di 20 minuti. Ripetere le procedure da 7 a 10 giorni.

Per un bagno sono necessari 3-4 litri di acqua. Per la procedura, puoi usare un decotto di corteccia di quercia, preparazioni a base di erbe (ginepro, camomilla, foglie di noce).

douching

Puoi lavare non più di 1 volta al giorno per 4-5 giorni. In questo caso, l'acqua dovrebbe essere a temperatura ambiente.

Per la procedura, sono necessari 200-250 ml di acqua con l'aggiunta di infusione dalla corteccia di quercia. Puoi anche aggiungere un decotto di erbe medicinali o fiori di calendula all'acqua, dopo averlo filtrato in precedenza.

plugging

Per la procedura viene utilizzata una benda sterile piegata in più strati. Tale tampone è impregnato di composti speciali e posto nella vagina dopo la pulizia o il bagno..

Varie erbe medicinali, miele, ecc. Possono essere utilizzate come impregnazione.Il succo di aloe e l'olio di olivello spinoso sono particolarmente popolari..

Diagnosi di vaginosi batterica

Le procedure diagnostiche includono:

  • consultazione con un ginecologo;
  • ispezione;
  • campionamento dalla vagina (scarico).

Durante tali semplici manipolazioni, puoi ottenere dal paziente un quadro completo delle sue condizioni e delle caratteristiche del decorso della malattia, esaminare visivamente i genitali e valutare l'acidità della vagina per una diagnosi più specifica.

Metodi aggiuntivi per la diagnosi della vaginosi batterica

Quando si diagnostica la bacvinosi, lo screening è una priorità. Inoltre, al paziente possono essere assegnati test di laboratorio, vale a dire:

  • esame microscopico di secrezioni;
  • un test di sbavatura per la presenza di cellule chiave;
  • analisi per pH (acidità);
  • test degli odori;
  • semina perdite vaginali;
  • studio del DNA da un campione di liquido vaginale.

Durante la diagnosi di vaginosi batterica, possono sorgere difficoltà nel fare una diagnosi accurata solo se la malattia è accompagnata da ulteriori patologie del sistema genito-urinario.

Diagnosi differenziale

Qualsiasi infezione vaginale è accompagnata da una serie di sintomi che non possono essere definiti specifici. Ma ci sono momenti in cui è impossibile applicare la diagnostica di laboratorio. È in tali momenti che il ginecologo deve ricorrere al metodo differenziale.

L'essenza del metodo è che il ginecologo valuta le condizioni della donna, tenendo conto dei segni caratteristici e soggettivi, come:

  • secrezione vaginale abbondante con un odore sgradevole;
  • test delle ammine;
  • livello di acidità;
  • la presenza di cellule chiave;
  • una diminuzione o assenza di lattobacilli;
  • mancanza o assenza di leucociti polinucleari, ecc..

Nonostante l'efficacia di questo metodo diagnostico, se possibile, non trascurare i metodi di esame di laboratorio.

Gradi di vaginosi batterica

Dopo aver ricevuto i test, il ginecologo può fare una diagnosi accurata di "vaginosi batterica". Ma lo squilibrio vaginale è anche classificato per grado, vale a dire:

  • 1 grado - vaginosi compensata;
  • 2 gradi - subcompensato;
  • 3 gradi - scompensato.

A seconda del grado della malattia, il medico prescrive adeguate misure terapeutiche.

1 grado

La vaginosi batterica compensata è caratterizzata dall'assenza di lattobacilli nella vagina. Nonostante il fatto che questa condizione non possa essere definita una patologia, tuttavia, con tale diagnosi, aumenta il rischio di colonizzare una nicchia vuota con microrganismi patogeni.

2 gradi

La vaginosi sottocompensata è caratterizzata da una diminuzione del numero di lattobacilli. In questa condizione, sullo sfondo della leucocitosi moderata, compaiono cellule chiave.

3 gradi

A 3 gradi di vaginosi batterica, si manifestano i sintomi della malattia, c'è una flora batterica sotto forma di anaerobi. Inoltre, non ci sono lattobacilli nella microflora.

Come la malattia influenza il concepimento e la gravidanza

Le ragazze con diagnosi di vaginosi batterica sono in grado di concepire da sole. Ma vale la pena rischiare?

Poiché la bacaginosi in gravidanza è pericolosa, sia per il bambino che per la futura mamma, è meglio curarlo prima del concepimento.

Nonostante il fatto che l'effetto della malattia sul corso della gravidanza non sia stato studiato a fondo, non si può escludere che lo sviluppo della patologia non porterà a tali complicazioni:

  • aborto spontaneo;
  • danno alle membrane;
  • parto prematuro;
  • sviluppo postpartum di infezioni ginecologiche, ecc..

Ma, nonostante il possibile pericolo, i casi di ripristino dell'equilibrio nella vagina senza trattamento sono stati registrati proprio durante la gravidanza.

Sfortunatamente, nonostante i metodi di trattamento moderni, efficaci e sicuri, entro un anno dalla terapia può verificarsi una ricaduta della vaginosi. Pertanto, se i sintomi si verificano dopo il trattamento, è necessario consultare immediatamente un medico.

Vaginosi batterica: cause, sintomi e trattamento

La vaginosi è una condizione in cui si verifica una violazione della microflora della vagina. L'età media dei pazienti con vaginosi è di 20-45 anni. L'incidenza della malattia in questo gruppo è dell'80%. Sulla base di questi dati, si può concludere che otto donne su dieci soffrono di vaginosi almeno una volta nella vita.

La malattia non rappresenta una minaccia per la vita di una donna, ma può influire negativamente sulla sua funzione riproduttiva. Spesso, anche dopo la gravidanza, si verificano aborti spontanei in pazienti con vaginosi. Se lei porta un bambino, la malattia minaccia l'infezione intrauterina del feto, complicazioni dopo il parto. Pertanto, è necessario conoscere le principali cause e sintomi della malattia, nonché essere in grado di affrontarlo.

Il meccanismo di sviluppo della vaginosi

L'uomo e la flora microbica esistono in un tandem indivisibile. Ci sono microbi che, nel processo di evoluzione, si sono adattati per vivere nel corpo umano e persino avvantaggiarlo. Questo processo si chiama biocenosi. Tale flora è rappresentata da una composizione batterica stabile. Alcuni batteri popolano esclusivamente il derma, altri vivono in bocca e altri nel tratto gastrointestinale. Tali batteri apportano benefici al corpo umano distruggendo la flora dannosa, producendo vitamine e stimolando il funzionamento della sua immunità.

I lattobacilli vivono nella vagina. Sembrano piccoli bastoncini spessi. I batteri scompongono il glicogeno, che si trova nell'epitelio che riveste la vagina. Durante questo processo, viene rilasciato acido lattico. A causa di ciò che viene mantenuto un ambiente acido nella vagina. I microrganismi patogeni muoiono in esso, che è la norma. Nella biocenosi vaginale, i lattobacilli rappresentano il 95-98% di tutta la microflora utile.

A volte capita che i lattobacilli vengano distrutti. Quindi altri microbi vengono al loro posto. L'ambiente acido della vagina cambia, il che crea condizioni favorevoli per l'ingresso di microrganismi patogeni in esso. Possono essere trasmessi sessualmente e possono riprodursi da soli. In quest'ultimo caso, parlano di vaginosi aspecifica. Il lattobacillo è sostituito dalla flora, che popola il perineo, l'uretra, le pieghe perianali. I microbi iniziano a moltiplicarsi rapidamente, ma tale flora non è in grado di svolgere le funzioni dei lattobacilli.

Un cambiamento nella biocenosi vaginale porta al fatto che in essa c'è un fallimento non solo dei processi metabolici, ma anche immunitari. La produzione di immunoglobulina A diminuisce ed è questa sostanza che non consente ai patogeni di attaccarsi e penetrare in profondità nella parete epiteliale dell'organo. L'epitelio stesso sta cercando di far fronte ai batteri, il che porta a un'eccessiva desquamazione delle sue particelle. Questo spiega l'aumento delle perdite vaginali dalla vaginosi. I batteri anaerobici vengono al posto dei lattobacilli. I cosiddetti microrganismi che sono in grado di mantenere la loro attività vitale in un ambiente privo di ossigeno. Alcuni di essi producono aminoacidi e acidi grassi volatili. Si scompongono nella vagina in ammine volatili. Queste ammine hanno un odore sgradevole che ricorda l'odore dei pesci.

L'ambiente vaginale da acido diventa alcalino. Il metabolismo di grassi, proteine, minerali e carboidrati viene interrotto, l'epitelio produce una maggiore quantità di muco. Questo è il primo segno di sviluppare vaginosi. In questo caso, le pareti della vagina non sono infiammate. Tutti i cambiamenti sono di natura esclusivamente fisiologica..

Cause di vaginosi

La vaginosi batterica non può essere definita un'infezione genitale, poiché non vi sono rappresentanti infettivi della flora nella vagina. Tale malattia si chiama vaginosi non specifica. Il motivo principale del suo sviluppo è un cambiamento nell'ambiente vaginale, che successivamente porta a uno squilibrio della microflora.

Una varietà di microbi è in grado di sostituire i lattobacilli.

Microrganismi come:

I batteri con microbiocenosi vaginale violata iniziano a moltiplicarsi rapidamente, in 1 ml di secrezione il loro numero può raggiungere 10 10. In questo caso, per lo sviluppo della vaginosi batterica, devono esserci condizioni appropriate. Pertanto, ci sono 2 gruppi di cause che possono essere un impulso per lo sviluppo della malattia. Sono divisi in interni ed esterni.

I fattori interni includono:

Squilibrio ormonale nel corpo di una donna con produzione eccessiva di progesterone.

Atrofia della mucosa vaginale.

Fattori esterni che influenzano lo sviluppo della malattia:

Uso a lungo termine di antibiotici.

Trattamento con farmaci che influenzano negativamente l'immunità. Ciò riguarda principalmente i citostatici e gli immunosoppressori.

In fase di radioterapia per il cancro.

La presenza di un oggetto estraneo nella vagina, ad esempio un tampone, un pessario, un diaframma per prevenire una gravidanza indesiderata.

L'uso di spermicidi.

Douching che viene fatto troppo spesso.

Errori nell'igiene intima.

Uno qualsiasi dei motivi elencati porta al fatto che la microbiocenosi della vagina è disturbata. In futuro, questo può provocare vaginosi..

Durante la gravidanza, la vaginosi si sviluppa principalmente a causa di uno squilibrio ormonale. Affinché una donna sia in grado di sopportare un bambino, i suoi livelli corporei di progesterone aumentano. Questo ormone aiuta a ridurre i livelli di glicogeno nelle cellule epiteliali. I lattobacilli non avranno nulla da mangiare, iniziano a morire, il che provoca un cambiamento nell'ambiente acido della vagina in alcalino. Un altro effetto del progesterone è una diminuzione dell'immunità, che crea un ambiente favorevole per la propagazione della microflora patogena.

Sintomi di vaginosi

La vaginosi non è un'infezione genitale, ma i suoi sintomi spesso assomigliano alle malattie sessualmente trasmissibili. Inoltre, la vaginosi si verifica spesso dopo un cambiamento nel partner sessuale. Circa un giorno dopo l'intimità, una donna mostra i primi segni di disagio. Ciò accade a condizione che l'intimità sia avvenuta senza l'uso del preservativo.

Quando la causa della vaginosi diventa l'uso di farmaci antibatterici, la menopausa o un altro fattore, la vita sessuale non ha alcun effetto sul suo sviluppo.

I sintomi della vaginosi acuta includono quanto segue:

Un aumento del volume di scarico dal tratto genitale. Diventano di colore grigiastro, hanno una consistenza uniforme. Un odore sgradevole inizia a provenire da loro. C'è più secrezione dopo l'intimità, dopo le mestruazioni, dopo aver usato mezzi irritanti per l'igiene intima.

Dolore che si verifica durante l'intimità.

Prurito e bruciore nell'area genitale esterna. A volte questo sintomo è completamente assente.

Alcuni pazienti lamentano dolore durante lo svuotamento della vescica..

Il dolore può verificarsi anche nell'area pubica..

Se la vaginosi perseguita le donne per 60 giorni o più e il trattamento non porta il sollievo desiderato, allora parlano della forma cronica della malattia. Inoltre, a una donna viene spesso diagnosticato uno squilibrio ormonale. Una complicazione della vaginosi lenta è l'atrofia delle mucose vaginali.

Diagnosi di vaginosi

Per confermare la diagnosi, è necessario visitare un ginecologo. Il medico completerà una storia medica per scoprire le principali lamentele della donna. La fase successiva della diagnosi è l'esame su una sedia ginecologica. Durante la sua condotta, il medico prende il muco.

Fatti che ti consentono di fare una diagnosi preliminare di "vaginosi":

L'età del paziente. La vaginosi si sviluppa più spesso nelle donne di età compresa tra 20 e 45 anni.

Cambio recente di partner sessuale o chirurgia.

Recente assunzione di antibiotici.

La presenza di sintomi caratteristici della vaginosi.

Durante un esame ginecologico, il medico valuta gli organi genitali esterni e interni. Se la malattia si sviluppa a causa della propagazione della flora opportunistica, il colore della vagina non cambia, le sue pareti rimangono uniformi nel tono, non ci sono segni di infiammazione.

Lo scarico è distribuito in modo non uniforme sulla parete interna della vagina. Se la malattia è in fase acuta, il colore di scarico è grigiastro, da loro emana un odore sgradevole.

La vaginosi cronica è caratterizzata da scarico di giallo o verde. Sono spessi, viscosi possono formare grumi o grumi di cagliata. A volte le schiume di scarico.

Durante l'esame, il medico valuta l'acidità della vagina. Lo fa con una striscia indicatrice. Se una donna ha vaginosi, l'indicatore supera il segno di 6.

Per confermare la diagnosi, il medico esegue un test rapido. Uno striscio dalla vagina viene applicato sul vetro e miscelato con una concentrazione di potassio caustico del 10%. Allo stesso tempo, un forte odore di pesce inizia a venire dal muco ritirato. In questo caso, il test è considerato positivo..

Un altro striscio dalla vagina viene inviato al laboratorio. Le cellule epiteliali si troveranno in esso. Queste sono cellule della mucosa vaginale che contengono microbi gram-variabili. Le cellule stesse non hanno un contorno chiaro, diventano granulari. Il livello di lattobacilli nello striscio è significativamente ridotto. In questo caso, si troveranno streptococchi, bastoncini e altra flora patogena in quantità significative..

L'inoculazione di striscio batterico con sospetta vaginosi viene eseguita raramente, solo quando è necessario scoprire esattamente quali rappresentanti della flora patogena popolano la vagina..

Se c'è il sospetto di infezioni genitali, eseguire un test PCR.

La diagnosi differenziale della vaginosi viene eseguita con malattie come colpite da trichomonas, colpite non specifica, candidosi, gonorrea.

L'effetto della vaginosi sul processo di concepimento e gravidanza

Con la vaginosi batterica, una donna può rimanere incinta, poiché la malattia non provoca cambiamenti patologici nel tratto genitale. Lo stesso seme maschile ha un ambiente alcalino. Una volta nella vagina con vaginosi, non succede nulla allo sperma.

Dopo la gravidanza, la microflora condizionatamente patogena può entrare nella cavità uterina e portare all'infezione del feto. In questo caso, il bambino rimarrà indietro nello sviluppo, non guadagnerà il peso corporeo necessario.

A volte la vaginosi provoca un aborto spontaneo, un deflusso precoce di liquido amniotico e la nascita di un bambino prematuro.

Aumentano anche i rischi di avvelenamento del sangue durante il parto. Rischio particolarmente elevato per quelle donne che hanno avuto un taglio cesareo.

Trattamento vaginosi

Un ginecologo è coinvolto nel trattamento della vaginosi. Tuttavia, se una donna ha malattie di altri sistemi di organi, può essere sottoposta a consultazione con un endocrinologo o gastroenterologo. Il trattamento viene effettuato a casa, il paziente non viene posto in ospedale.

La terapia mira a distruggere la flora patogena nella vagina e a ripristinare la normale microflora in essa, cioè i lattobacilli. È importante non solo eliminare i sintomi della vaginite, ma anche sbarazzarsi della ragione che ha provocato il suo sviluppo. Come dimostra la pratica, il passaggio di un trattamento in una fase porta al fatto che nel 35-50% dei casi la malattia si ripresenta. Per evitare ciò, è necessario rispettare rigorosamente i tempi della terapia, che dovrebbe essere graduale.

Innanzitutto, vengono prescritti antibiotici al paziente. Ti permettono di distruggere la flora patogena che popolava la vagina. A tal fine, possono essere utilizzati farmaci come: metronidazolo, clindamicina, tinidazolo. Tutti questi farmaci sono dannosi per gli anaerobi..

Nella seconda fase, è necessario ripristinare la microflora intima per ripristinare l'immunità locale e proteggere dalle esacerbazioni ripetute. Senza il secondo stadio, l'efficacia della terapia antimicrobica può essere molto più bassa. Per ripristinare la microflora intima, vengono utilizzati speciali probiotici vaginali. Il più moderno ed efficace per oggi è il probiotico francese Lactozhinal. Può ripristinare rapidamente la microflora intima, il pH dell'ambiente vaginale e stimola l'immunità locale in questo modo. Il lattozinale contiene lattobacilli potenziati, che formano pellicole protettive invisibili che impediscono l'attaccamento della flora patogena e stimolano la crescita dei propri lattobacilli benefici, che proteggono l'ambiente vaginale dalle infezioni. Il metodo di terapia a due fasi con Lactozhinal è stato a lungo il gold standard nel trattamento di malattie vaginali come vaginosi batterica e mughetto..

I medici indicano che con un decorso semplice della malattia, è meglio dare la preferenza alla terapia antibiotica locale. Ciò eviterà i numerosi effetti collaterali che tali farmaci hanno sul corpo nel suo insieme. La terapia locale della vulvovaginite infettiva prevede l'uso di farmaci sotto forma di compresse vaginali, supposte o capsule, come il complesso Macmiror (capsule / crema vaginale), destinato al trattamento topico della vulvovaginite. Il principio attivo nifuratel incluso nella sua composizione ha attività antibatterica, antifungina e antiprotozoica e la nistatina viene aggiunta per migliorare l'attività antifungina. Negli studi clinici, Macmirror Complex ha dimostrato di essere altamente efficace contro funghi, batteri, Trichomonas e le loro associazioni con altri agenti patogeni. Il complesso Macmirror crea condizioni favorevoli per mantenere una biocenosi vaginale sana, poiché non oscilla i lattobacilli.

La terapia è selezionata dal medico individualmente:

Metronidazolo. Il farmaco viene utilizzato sotto forma di gel con una concentrazione dello 0,75%. Viene iniettato nella vagina una volta ogni 24 ore. Il corso del trattamento non dovrebbe durare più di 5 giorni.

Gel di clindamicina con una concentrazione del principale ingrediente attivo del 2%. Il farmaco viene iniettato nella vagina 1 volta in 24 ore. Il corso della terapia è di una settimana.

Compresse di tinidazolo da 2 g, da assumere 1 volta in 24 ore. Il corso del trattamento è di 3 giorni.

Clindamicina in supposte 100 mg. Sono introdotti nella vagina 1 volta in 24 ore. Il corso del trattamento dovrebbe durare 3 giorni.

Compresse Metronidazole 2 g Il farmaco viene assunto per via orale una volta..

Se la vaginosi si sviluppa in una donna incinta, le vengono prescritti antibiotici non prima di 2 trimestri. Sono utilizzati in forma di compresse. Il trattamento dovrebbe durare 7 giorni, ma non più.

Durante il corso della terapia, è importante escludere qualsiasi alcool. Questo vale anche per piccole dosi di alcol. I farmaci usati per trattare la vaginosi reagiscono con l'etanolo e causano grave intossicazione del corpo. I suoi sintomi sono simili ai sintomi di una sbornia. La donna intensifica la debolezza, si osservano tremori di braccia e gambe, aumento della pressione sanguigna, si verificano intensi mal di testa. Il paziente è malato e vomita.

La composizione della clindamicina contiene grassi, che possono danneggiare l'integrità del preservativo. Inserisci qualsiasi mezzo nella vagina prima di andare a letto. Ciò consentirà al farmaco di rimanere a lungo nel corpo della donna e non fuoriuscire.

Se una donna ha un'intolleranza individuale agli agenti antibatterici, quindi per la terapia di primo stadio le vengono prescritti antisettici.

Può essere tale da:

Hexicon. Sarà necessario introdurre 1 supposta ogni 12 ore. Il corso del trattamento è di 10 giorni..

Miramistin. Questa soluzione irriga la vagina 1 volta al giorno. Il corso del trattamento dura una settimana.

Il secondo stadio del trattamento della vaginosi è l'uso di farmaci contenenti lattobacilli. Ti permettono di normalizzare la microflora della vagina. Iniziano ad essere utilizzati 2-3 giorni dopo il completamento della terapia antibiotica.

A tal fine, farmaci come:

Candele Atzilakt. Sono inseriti nella vagina 1 pezzo 2 volte al giorno. Il corso della terapia dura 5-10 giorni.

La droga Bifilis. È assunto per via orale a 5 dosi 2 volte al giorno. Il corso del trattamento dura 5-10 giorni.

Le supposte contenenti un componente antifungino non sono prescritte per le donne. Possono essere utilizzati solo quando la malattia è accompagnata da una crescita patogena di funghi del genere Candida. In questo caso, viene utilizzato il farmaco Clotrimazole. Viene inserito nella vagina una volta ogni 24 ore. Il trattamento dovrebbe durare 6 giorni.

Gli esperti sconsigliano vivamente l'automedicazione. Se si sceglie la dose sbagliata, questo può portare alla resistenza della microflora patogena. Sarà più difficile far fronte a una tale malattia, nonché a una forma cronica della malattia. Pertanto, con i primi sintomi della vaginosi, è necessario andare a un appuntamento con un ginecologo.

Video: il ginecologo Balatskaya Julia Fakhradinova sulla vaginosi batterica:

Prevenzione della vaginosi

La malattia non viene trasmessa sessualmente, tuttavia, un cambiamento nel partner sessuale può portare allo sviluppo della vaginosi. Lo stesso vale per l'intimità non protetta. Pertanto, al fine di prevenire lo sviluppo della malattia, è necessario utilizzare il preservativo.

Se si sono verificati rapporti non protetti, è necessario risciacquare la vagina con Miramistin.

È importante trattare le malattie croniche in modo tempestivo. Se è richiesto l'uso di antibiotici, vengono assunti secondo lo schema indicato dal medico.

Eventuali cambiamenti ormonali devono essere corretti sotto la supervisione di uno specialista..

Ci sono controindicazioni. Prima dell'uso, consultare il medico.

Autore dell'articolo: Lapikova Valentina Vladimirovna | Ginecologo, riproduttologo

Formazione scolastica: Il diploma "Ostetricia e ginecologia" è stato conseguito presso l'Università medica statale russa dell'Agenzia federale per la salute e lo sviluppo sociale (2010). Nel 2013, scuola di specializzazione presso la NIMU im. N.I. Pirogova.

Vaginosi batterica

La vaginosi batterica (gardnerellosi) è una malattia infettiva del sistema riproduttivo femminile. Ha un'origine polimorfica, ma l'essenza della patologia è un cambiamento nella microflora della vagina. Si sviluppa sullo sfondo di proprietà protettive ridotte del corpo. La malattia procede in forma latente, non caratterizzata da sintomi gravi. La differenza dalla vaginite è l'assenza di segni di un processo infiammatorio. Il sintomo predominante è una scarica abbondante dal tratto genitale. Un ginecologo è coinvolto nel trattamento della patologia, che una donna dovrebbe contattare prima dello sviluppo di complicanze.

Cos'è

Lo sviluppo della gardnerellosi colpisce le donne in età riproduttiva. Pertanto, la causa della malattia è spesso associata alla trasmissione sessuale. L'ambiente fisiologico della vagina è acido. È con tale microflora che i patogeni patogeni, penetrando nei canali genitali, non possono avere un impatto negativo sulla salute.

L'ambiente naturale della vagina è rappresentato dai lattobacilli, bastoncini corti e spessi che dissolvono il glicogeno. Le cellule non sono visibili visivamente: il loro numero può essere determinato solo al microscopio. Per mantenere un pH stabile, la concentrazione di lattobacilli dovrebbe essere almeno del 98%. La vaginosi batterica è una malattia polimicrobica..

Una riduzione spontanea del livello di acidità vaginale e del numero di lattobacilli non è causata da un singolo patogeno, ma da una combinazione di questi. La definizione di "vaginosi batterica" ​​è spiegata dalle caratteristiche dello sviluppo della malattia. Il processo patogeno procede con la partecipazione di un gran numero di microflora aerobica e anaerobica. Una caratteristica della patologia è l'assenza di leucociti (cellule che sono elevate solo con l'infiammazione).

Come si sviluppa

La sostituzione dell'ambiente fisiologico della vagina con microrganismi patogeni avviene sotto l'influenza di una vasta gamma di fattori avversi. Sono associati a precedenti interventi sugli organi del sistema riproduttivo, sullo stile di vita e sulle caratteristiche nutrizionali..

Dal momento in cui la microflora vaginale cambia (dopo che la gardnerella vi entra) e fino alla comparsa dei primi segni, possono essere necessari da diversi giorni a 2-3 mesi o anche sei mesi. In casi estremamente rari, il periodo di incubazione è durato più di 1 anno. In questa materia, il fattore determinante è lo stato di immunità di una donna. Più deboli sono le proprietà protettive del corpo, più sono evidenti i sintomi della patologia e prima si manifesta.

Fattori di rischio

Con un alto grado di probabilità, la vaginosi batterica si sviluppa nelle donne per le quali è rilevante:

  1. Stress frequenti, problemi di stato psicoemotivo
  2. Recentemente trasferiti interventi chirurgici o procedure diagnostiche strumentali sugli organi del tratto urogenitale
  3. Neoplasie cistiche negli organi del sistema genito-urinario (indipendentemente da quantità, dimensioni, localizzazione, causa dello sviluppo)
  4. Uso di farmaci contenenti nonoxynol-9 (ad esempio, Patentex ovale, Nonoxynol)
  5. Condizione dopo la recente nascita (particolarmente gravata)
  6. Indossa biancheria intima in tessuto sintetico
  7. La formazione del ciclo mestruale (il periodo dei cambiamenti ormonali influisce negativamente sulla condizione della mucosa vaginale, rendendola vulnerabile)
  8. Uso incontrollato o irragionevolmente prolungato di farmaci ormonali, antinfiammatori e antifungini. Ciò è particolarmente vero per l'uso di antibiotici..
  9. Radiazioni o chemioterapia trasferite (per malattie tumorali)
  10. Cattiva alimentazione, diete estenuanti
  11. Uso di detergenti di bassa qualità

Il gruppo a rischio per lo sviluppo della gardnerellosi comprende le donne che troppo spesso colpiscono, non eseguono procedure igieniche e sono super raffreddate. Intolleranza al lattice, ipersensibilità ai lubrificanti, creme spermicide influenzano negativamente le condizioni della mucosa vaginale.

Sintomi

I principali segni dello sviluppo della vaginosi batterica:

  1. Secrezione vaginale. Sono caratterizzati da un forte odore di pesce, una tonalità giallo-verde e abbondanza (il loro numero è 20 volte superiore al normale). La consistenza è spessa, appiccicosa, schiumosa. La secrezione è migliorata dopo i rapporti sessuali, irrigazioni, mestruazioni.
  2. Grave dolore durante il rapporto sessuale, che chiede di fermarlo. Il disagio è acuto, brucia in natura, rimane per un certo tempo dopo l'intimità.
  3. Sensazioni spiacevoli durante la minzione (dolore, irritazione all'interno dell'uretra).
  4. Insonnia, sensazioni spiacevoli nell'addome inferiore durante le mestruazioni, non correlate al ciclo.
  5. Un forte odore di pesce putrido dalle urine, un cambiamento nel suo colore.

Durante l'esame, non si osserva il colore delle mucose della vagina segni caratteristici del processo infiammatorio (edema, arrossamento). La temperatura corporea rimane entro i limiti normali, inoltre non ci sono lamentele sui segni tipici di intossicazione (brividi, debolezza). Pertanto, senza sospettare la presenza della malattia, la donna non va dal medico o lo fa in ritardo.

Le ragioni

Gli specialisti identificano le seguenti cause dello sviluppo della vaginosi batterica:

  • Cambiamenti nei livelli ormonali. Osservato durante la pubertà, la gravidanza, la menopausa, dopo l'aborto.
  • Disbiosi intestinale (violazione della sua microflora naturale). Si sviluppa a causa di infiammazione dell'intestino crasso o tenue, intossicazione. La violazione della microflora contribuisce al rispetto di una dieta estenuante, alla fame.
  • Cambiamenti atrofici della mucosa vaginale (si verificano principalmente durante la menopausa).
  • Uso continuo durante le mestruazioni esclusivamente tamponi. Contribuiscono alla stasi intravaginale del sangue, creano una condizione favorevole per l'infiammazione.
  • La presenza di diabete mellito forma scompensata. La patologia contribuisce all'irritazione regolare della mucosa vaginale.

Il rischio di sviluppare gardnerellosi aumenta se una donna conduce una vita sessuale irregolare, usa il dispositivo intrauterino per troppo tempo. La fonte di infiammazione presente nel corpo aumenta la probabilità di una malattia infettiva.

Gradi

In ginecologia, viene utilizzata una certa classificazione della vaginosi batterica. In base a ciò, in base alla gravità delle manifestazioni sintomatiche, la malattia si divide in un tipo compensato, subcompensato e clinicamente pronunciato.

compensata

È caratterizzato dall'assenza di lattobacilli nella vagina, che crea il rischio di sostituire la microflora naturale con agenti patogeni. Tali indicatori non si applicano a una condizione patologica. Spesso sono associati a un trattamento igienico eccessivamente approfondito del tratto genitale prima di una visita dal ginecologo. In particolare, se una donna ha usato farmaci antisettici o detergenti altamente concentrati per purificare la sua area intima. Inoltre, la vaginosi batterica di questo tipo si verifica con neoplasie oncologiche - a causa di radiazioni e chemioterapia.

Subcompensated

È caratterizzato da una diminuzione del numero di lattobacilli, che indica una violazione della microflora naturale della vagina. Non si osservano edema e arrossamento della mucosa del tratto genitale. Pertanto, le modifiche possono essere rilevate solo in laboratorio. Globuli bianchi - 15-20 nel campo visivo, che si riferisce a un grado moderato. Altri aumenti della flora microbica.

Sullo sfondo della leucocitosi, compaiono le cosiddette cellule "chiave". Il loro numero è fino a 5 nel campo visivo. I principali sintomi di questo grado di candidosi vaginale sono prurito, dolore durante l'intimità. Inoltre, c'è un aumento delle perdite vaginali, la comparsa di un odore sgradevole da parte loro.

Clinicamente pronunciato

È caratterizzato dalla completa assenza di lattobacilli e dalla presenza di anaerobi. Quando si studia uno striscio al microscopio, le cellule "chiave" occupano l'intero campo visivo dell'assistente di laboratorio. Le principali manifestazioni della condizione sono un gran numero di perdite vaginali, prurito all'interno del tratto genitale. La secrezione patogena, il cui volume aumenta dopo il rapporto sessuale, attacca le pareti della vagina.

Caratteristiche nelle donne in gravidanza

La vaginosi batterica è una delle malattie, dato il pericolo per il feto, i ginecologi raccomandano uno studio preliminare dettagliato. Le principali conseguenze della malattia per il bambino e la gestante:

  1. Danno intrauterino al feto. Le conseguenze dell'impatto della flora patogena sul bambino sono anomalie del suo sviluppo. Si verifica una posa errata degli organi - in particolare il cuore, il tubo neurale, il sistema muscolo-scheletrico, le ossa del cranio.
  2. Aborto spontaneo. Il processo infettivo stimola i crampi uterini, che contribuisce al rigetto dell'ovulo. I primi segni della condizione sono il dolore nell'addome inferiore, la comparsa di una scarica sanguinolenta dal tratto genitale.
  3. Congelamento fetale La vaginosi batterica è un processo patologico che influisce negativamente sul feto in via di sviluppo. L'infezione contribuisce alla violazione dell'afflusso di sangue al bambino, causa la sua intossicazione, che comporta la morte intrauterina. I primi segni della condizione sono il dark spotting dal tratto genitale, un aumento della temperatura corporea ad alti numeri. Durante un esame ginecologico, viene stabilita una discrepanza tra le dimensioni dell'utero e la gravidanza.

Spesso, la vaginosi batterica può causare polidramnios o oligoidramnios, insufficienza istmico-cervicale, insufficienza placentare. Le complicanze della gardnerellosi sono l'inizio prematuro del parto o l'infezione del bambino durante il suo passaggio attraverso il canale del parto. Nel 2% dei casi, la presenza di vaginosi batterica è associata allo sviluppo della preeclampsia durante la gravidanza e alla rottura prematura delle membrane.

Se la patologia si è manifestata durante la gravidanza, la condizione diventa più complicata a causa di problemi con la selezione del trattamento. La difficoltà è che gli antibiotici e altri farmaci antinfiammatori sono controindicati durante la gestazione.

Possibili complicazioni

La vaginosi batterica può causare uretrite, cistite, colpite, cervicite, nei casi più aggravati: endometrite. Viene elencata l'infiammazione della vescica, dell'uretra, della vagina, del canale cervicale e dello strato interno dell'utero. A causa dell'infiammazione cronica e spesso nascosta di questi organi, si sviluppa infertilità, ma anche il rischio di una gravidanza extrauterina è elevato. La violazione dell'ambiente vaginale verificatasi durante la gestazione aumenta il rischio di gravi complicanze.

Quale medico contattare

Il trattamento della vaginosi batterica viene eseguito da un ginecologo. Ma la causa determinante è la causa principale della patologia. Se la malattia è causata dal diabete mellito, sarà richiesta una chiamata aggiuntiva all'endocrinologo. Con la relazione della vaginosi batterica con le infezioni sessuali, è necessario un appello a un venereologo. Se la gardnerellosi è una conseguenza della disbiosi intestinale, è necessario consultare un gastroenterologo.

Diagnostica

Inizialmente, il medico conduce un sondaggio e un esame del paziente. Dall'anamnesi apprende della presenza di problemi digestivi, un cambiamento nel partner sessuale, l'uso di nuovi prodotti intimi. Anche una storia ostetrica è importante: è necessario informare il medico se si sono verificate complicazioni durante la gravidanza o il travaglio. Durante l'esame su una sedia ginecologica, non vengono rilevati segni di infiammazione.

Lo scopo dell'esame è quello di escludere la presenza di malattie con sintomi simili e quindi determinare il grado di danno d'organo e la presenza di complicanze. Segni simili nel corso di ureaplasmosis, mughetto (candidosi vaginale), tricomoniasi. L'esame del paziente consente di differenziare facilmente la patologia infettiva. Insieme standard di procedure diagnostiche:

  1. Esame microscopico di uno striscio dalla vagina. Il tipo di esame più indicativo. Rileva tutti i cambiamenti nella microflora vaginale.
  2. Test della glicemia, parametri clinici e biochimici generali.
  3. L'analisi delle urine è generale (nel campione viene rilevato un gran numero di globuli bianchi).
  4. Esame batteriologico delle urine (coltura).
  5. Diagnostica PCR (identificazione dell'agente patogeno - gardnerell).

Già sulla base dei risultati dello striscio, diventa chiaro che la microflora della vagina è compromessa. È accertato che i batteri dell'acido lattico sono quasi assenti, il livello dei leucociti corrisponde alla norma o la supera leggermente, il pH delle secrezioni è superiore a 4,5. Nel 95% dei casi, è sufficiente chiarire il quadro clinico dei tipi di esame elencati.

Ulteriori tipi di diagnosi dipendono dalle caratteristiche della causa principale dello sviluppo della vaginosi batterica. È possibile che sia necessaria un'ecografia della cavità addominale e degli organi pelvici. La diagnosi viene effettuata alla vigilia del trattamento, 2 settimane dopo l'inizio e 1 mese dopo il suo completamento.

Trattamento

La Gardnerellosi non è trattata in modo operativo - un approccio abbastanza completo, ma conservatore. Oltre a eliminare il patogeno infettivo, è necessario ripristinare il pH della vagina. A lungo termine, il recupero non ha poca importanza per il rafforzamento delle capacità immunitarie del corpo.

Per interrompere la vaginosi batterica, al paziente viene prescritto:

  1. Uso di un farmaco antinfiammatorio (delle opzioni elencate di seguito, 1 o 2 è prescritto). Metronidazole (Trichopolum) 1 etichetta. 2 p. al giorno, la durata del corso terapeutico è di 10 giorni. Clindamicina (150 mg) - 1 compressa. 4 p. al giorno. La durata del trattamento è di 1-1,5 settimane. Tiberal (500 mg) - 1 compressa. due volte al giorno, fino a 5 giorni consecutivi.
  2. L'uso di supposte vaginali con effetti antinfiammatori, antifungini e antibatterici. Questi includono Vagisept, Terzhinan, Wagiferon. Assegna l'introduzione di 1 candela 1 p. al giorno, dopo un'accurata igiene intima. Il corso terapeutico è di 10 giorni.
  3. Recupero della microflora intestinale. Assegna Linex (2 capsule 3 r. Al giorno, 3 settimane consecutive) o Hilak Forte (1 cucchiaino. Per 100 ml di acqua 3 r. Al giorno, 3 settimane).
  4. Terapia vitaminica. I farmaci del gruppo B vengono somministrati singolarmente o sotto forma di complessi (Neurobeks, Neurorubin si riferisce a loro). Corso terapeutico soggetto a iniezione intramuscolare di farmaci - 10 giorni.
  5. Nutrizione dietetica. Rifiuto di usare prodotti dolci, acidi, piccanti, salati, affumicati, piatti. L'alcol e la caffeina non sono ammessi. Se la vaginosi batterica è causata dalla disbiosi intestinale, i cibi spazzatura includono cibi fritti e grassi, legumi.

Dopo l'interruzione dei microrganismi patogeni, viene mostrata la normalizzazione della microflora vaginale attraverso l'uso di farmaci come Lactonorm, Bifidumbacterin, Acylact. Vaginorm viene somministrato vaginorm, Lactogel o loro analoghi.

Durante il trattamento, è necessario osservare il riposo sessuale. È altrettanto importante attuare integralmente le misure di igiene (soprattutto dopo essere andato in bagno e durante le mestruazioni). Va ricordato che la vaginite batterica può infettare un uomo durante l'intimità, causando complicazioni per la salute sessuale del partner. Pertanto, deve sottoporsi a un trattamento allo stesso tempo, rivolgendosi a un urologo.

previsione

Se eliminare non solo la gardnerellosi, ma anche la ragione del suo sviluppo, la prospettiva di ripristinare lo stato di salute è favorevole. Quando la patologia segue un corso protratto, la funzione riproduttiva della donna è a rischio. In generale, la malattia può essere facilmente eliminata, ma a condizione che il trattamento venga effettuato da un medico e il paziente segua tutte le sue raccomandazioni.

Prevenzione

Per evitare lo sviluppo della vaginosi batterica, le seguenti raccomandazioni aiuteranno:

  • L'uso di vitamine (specialmente durante la bassa stagione)
  • Protezione sottoraffreddamento
  • Mantenere una vita sessuale decente
  • Alleviare lo stress
  • Eliminare l'uso dell'aborto come metodo ottimale di controllo delle nascite
  • Prevenzione della costipazione - rifiuto di mangiare cibo secco, nutrizione frazionata
  • Selezione di un metodo contraccettivo alternativo (con intolleranza al lattice)
  • Correzione tempestiva della microflora intestinale
  • Misure igieniche complete
  • Normalizzazione dei livelli di glucosio nel sangue, visite regolari all'endocrinologo (con una predisposizione ereditaria al diabete)
  • Un approccio valido all'uso di beni intimi
  • Rifiuto di un atteggiamento sperimentale nei confronti della selezione di prodotti per l'igiene

L'uso eccessivo di tamponi durante le mestruazioni provoca irritazione della mucosa vaginale. Pertanto, si consiglia di utilizzare periodicamente le guarnizioni. È altrettanto importante eliminare tempestivamente le malattie degli organi del tratto urogenitale, impedendo la transizione delle patologie in una forma cronica. Dovresti anche affrontare in modo adeguato il problema del douching, l'assunzione di droghe.

La vaginosi batterica è una patologia ginecologica di origine polimorfica, che viene eliminata senza chirurgia. Anche con un approccio conservativo, il trattamento dovrebbe essere completo - oltre alle prescrizioni mediche, includono dieta, igiene e riposo sessuale. La patologia causa complicazioni solo in caso di disattenzione prolungata alla salute. In particolare, quando una donna non visita un ginecologo per lungo tempo e non è a conoscenza della presenza di una malattia. Se la patologia è causata da disturbi endocrini o gastrointestinali, dovrai visitare i medici di questi profili.