Principale / Assorbente interno

Adenomiosi uterina e gravidanza

L'adenomiosi uterina (endometriosi uterina) è una malattia in cui compaiono focolai nei tessuti dell'utero, delle ovaie e di altri tessuti che ricordano la struttura della mucosa uterina, che sono piccoli noduli che contengono liquido denso scuro. In tali focolai si verificano cambiamenti, simili al rigetto della mucosa uterina. Il sanguinamento sviluppato da queste aree porta al dolore durante le mestruazioni. I medici moderni di solito chiamano l'adenomiosi una malattia come l'endometriosi uterina. E l'endometriosi è un grave processo infiammatorio.

I focolai endometriali possono essere localizzati in vari organi e tessuti: sulla cervice, nello spessore dell'utero, sulla parete della cavità addominale, al di fuori degli organi del sistema riproduttivo.

Sintomi di adenomiosi uterina

Il sintomo più comune è il dolore che appare o peggiora nei giorni premestruali, durante le mestruazioni. Con danni all'utero, ci possono essere mestruazioni pesanti, individuando dal tratto genitale prima e dopo le mestruazioni. Il dolore può essere somministrato al sacro, al retto e alla vagina. L'adenomiosi uterina può verificarsi senza sintomi, in questo caso, questa patologia viene rilevata quando i pazienti contattano la clinica con la domanda che non possono concepire un bambino.

Adenomiosi uterina e gravidanza

Ci sono possibilità di sopportare e dare alla luce un bambino sano? L'adenomiosi uterina è spesso accompagnata da infertilità. L'infertilità viene eseguita se la gravidanza non si è verificata entro uno o più anni con regolare attività sessuale. Con l'adenomiosi uterina, l'impianto dell'uovo fetale nella mucosa uterina è impossibile, si verifica la morte dell'uovo.

Con l'adenomiosi dell'utero, si nota un processo commissurale, che porta alla sterilità. Vi è una violazione della pervietà delle tube di Falloppio, che porta all'assenza di gravidanza. Con l'adenomiosi uterina, potrebbe anche esserci una mancanza di maturazione dell'uovo nell'ovaio, un cambiamento nelle proprietà della mucosa uterina.

Quando viene stabilita una diagnosi di adenomiosi uterina, viene prescritta la terapia della gestagen, sullo sfondo del quale può verificarsi una gravidanza. Questo gruppo di farmaci non deve essere cancellato, ma deve essere preso ulteriormente per fornire il supporto ormonale necessario. È noto che questa malattia è caratterizzata dalla presenza di disturbi ormonali, quindi il primo trimestre di gravidanza è il più responsabile. Di norma, gli ormoni in gravidanza dovrebbero richiedere fino a 14 settimane. Ma questo deve essere controllato tenendo conto dei risultati di un esame del sangue per il contenuto di progesterone. Sulla base dei risultati dell'esame, viene decisa la questione dell'abolizione dei gestageni o della continuazione della terapia. Sono stati condotti numerosi studi, secondo i quali non sono state ricevute informazioni sugli effetti negativi degli ormoni, in particolare il dydrogesterone, sul feto. Questo farmaco è ampiamente usato nella pratica ostetrica e aiuta a creare condizioni ottimali per la progressione della gravidanza..

La complicazione più comune della gravidanza con adenomiosi è la minaccia della sua interruzione. Questa situazione richiede corsi preventivi per prevenire lo sviluppo di una clinica per le minacce. Prescrivere farmaci dal gruppo di antispasmodici, sedativi, sedativi che migliorano i processi metabolici.

Cause di adenomiosi uterina

Adenomiosi uterina a causa della predisposizione genetica. Esiste una teoria sullo sviluppo ormonale della malattia, secondo la quale esiste una violazione del contenuto e del rapporto degli ormoni nel corpo di una donna. Un'altra teoria della comparsa di adenomiosi uterina è l'impianto, secondo il quale le particelle endometriali respinte si depositano sulle ovaie, sui tubi, sul peritoneo e creano "terreno" per lo sviluppo della malattia. Il più importante - cambiamenti negativi nel sistema neuroendocrino dovuti a stress, malnutrizione, varie malattie di natura non ginecologica.

Diagnosi di adenomiosi uterina

È possibile sospettare la presenza di adenomiosi uterina nelle donne con infertilità e in presenza di determinati fattori: una sindrome del dolore a lungo esistente, con trattamento non riuscito dei processi infiammatori nelle appendici uterine, con interventi intrauterini, con spotting spotting dal tratto genitale; con dolore che si verifica durante i rapporti sessuali, dolore se visto su una sedia ginecologica; segni di aderenze nel bacino, indolenzimento dei legamenti dell'utero.

L'ecografia è il principale metodo diagnostico che consente di determinare le dimensioni dell'utero, la struttura della membrana muscolare, le dimensioni, la struttura delle formazioni cistiche nelle ovaie. La prossima fase importante dell'esame sono i metodi per valutare la pervietà delle tube di Falloppio. Ad esempio, la presenza di focolai di infiammazione nella parete uterina può essere rilevata usando una fotografia a raggi X dell'utero. La dimensione dell'utero, il grado di distribuzione del processo sono stimati dalla foto.

Oggi, la chirurgia endoscopica (laparoscopia) rimane lo standard di diagnosi per varie forme di infertilità, inclusa la forma di infertilità derivante dall'adenomiosi uterina. Durante l'intervento chirurgico, gli "strumenti" vengono inseriti nella cavità addominale attraverso le aperture nella parete addominale. Con l'aiuto di un tale esame, è possibile determinare le condizioni delle tube di Falloppio, la presenza di aderenze, focolai di adenomiosi uterina.

Trattamento dell'adenomiosi uterina

Il trattamento dell'adenomiosi uterina viene eseguito con correzione chirurgica, metodi fisioterapici e terapia ormonale. Negli ultimi decenni, i farmaci ormonali hanno dominato il trattamento medico dell'adenomiosi uterina. Fermano temporaneamente le mestruazioni, sopprimono il lavoro delle ovaie. Creano la menopausa artificiale, che porta a una diminuzione della gravità dei sintomi della malattia, a una diminuzione dei fuochi dell'adenomiosi uterina. I farmaci ormonali di ultima generazione hanno un minimo di effetti collaterali rispetto ai farmaci delle generazioni precedenti. Il trattamento con tali farmaci ormonali viene utilizzato come primo stadio del trattamento prima dell'intervento chirurgico. Nel trattamento e nella prevenzione della progressione di forme non gravi di adenomiosi uterina, vengono utilizzati anche contraccettivi ormonali orali..

Il massimo effetto può essere ottenuto con una combinazione del metodo di trattamento ormonale e chirurgico - laparoscopia; durante l'operazione, i fuochi endometriali vengono rimossi. In questo caso, gli ormoni possono essere utilizzati come preparazione preoperatoria, entro 3-6 mesi dopo l'intervento chirurgico come misura preventiva contro la comparsa di sintomi di adenomiosi uterina.

Pianificazione della gravidanza per l'adenomiosi uterina

La laparoscopia viene utilizzata se ci sono cisti ovariche endometrioidi, è necessario stabilire la pervietà delle tube di Falloppio. Dopo l'intervento chirurgico per 3-6 mesi, viene generalmente prescritta la terapia ormonale. I farmaci ormonali immergono il sistema riproduttivo nel sonno. Dopo diversi mesi, la terapia viene annullata, il paziente può rimanere incinta. Se la gravidanza non si verifica entro un anno, ciò riduce drasticamente le possibilità di ripristinare la funzione riproduttiva di una donna. In questo caso, si consiglia un programma di fecondazione in vitro. In gravidanza e allattamento in assenza di mestruazioni, può verificarsi lo sviluppo inverso dell'adenomiosi uterina. L'interruzione della gravidanza con il curettage della cavità uterina porta ad esacerbazione e aggravamento dell'adenomiosi uterina. L'esame tempestivo, il trattamento dell'adenomiosi uterina aiuta la gravidanza.

Il fatto della presenza di adenomiosi non significa che la gravidanza si verificherà in tutte le donne in gravidanza con complicazioni. Una grande percentuale di pazienti non sa affatto di avere una tale malattia, mentre il concepimento avviene senza problemi. In questa situazione, non è necessario nominare immediatamente la terapia ormonale. È necessario condurre un esame di follow-up completo di una donna, il suo profilo ormonale, in modo che possa essere valutata la necessità di un trattamento farmacologico.

Se una donna soffre di adenomiosi e sta pianificando una gravidanza, dovrebbe essere preparata per un periodo così importante nella sua vita. Un esame completo e un trattamento adeguato, a seconda dei risultati ottenuti, sono la garanzia che la gravidanza si verificherà e procederà senza complicazioni. Particolare attenzione è rivolta alla diagnosi di infezioni correlate alle IST. Con l'adenomiosi, diminuiscono le forze immunitarie protettive del corpo. La gravidanza è uno stato di immunodeficienza naturale, quindi questo può portare al fatto che il processo di infezione durante la gravidanza sarà accompagnato da varie complicazioni. È necessario prescrivere un corso di terapia specifica prima della gravidanza, poiché l'elenco dei farmaci approvati per le donne in gravidanza è molto limitato.

Si può sostenere che per una donna, la diagnosi di adenomiosi non dovrebbe significare che non sarà in grado di dare alla luce un bambino sano. La cosa più importante è seguire le raccomandazioni di uno specialista nel trattamento di questa malattia e avvicinarsi responsabilmente alla gravidanza pianificata.

La combinazione di adenomiosi e gravidanza: è possibile?

La funzione riproduttiva di una donna dipende da molti fattori. La gravidanza può essere un compito schiacciante se il corpo interrompe la produzione di qualsiasi ormone. Abbastanza spesso, la patologia endocrina si manifesta attualmente sotto forma di endometriosi interna (uterina) - adenomiosi.

Che cos'è l'adenomiosi

L'adenomiosi è una patologia in cui si verifica la crescita dello strato interno dell'utero all'esterno di esso. Trame della mucosa, che sotto l'influenza degli ormoni sessuali subiscono cambiamenti ciclici, iniziano a formarsi nello strato muscolare dell'organo. Di conseguenza, i focolai sanguinanti dell'endometrio crescono nella parete uterina e si sviluppa un processo infiammatorio cronico.

I focolai di tale infiammazione cronica influenzano la funzione dell'utero come organo destinato al trasporto di un bambino. Lo strato muscolare può subire cambiamenti significativi: assottigliamento, riarrangiamento distrofico, che porta a una violazione della funzione contrattile dell'organo. Se la malattia si verifica durante la gravidanza, c'è un'alta probabilità di una minaccia di interruzione.

L'adenomiosi è abbastanza comune nelle donne a cui viene diagnosticata l'infertilità. La malattia è un indicatore dell'insufficienza ormonale nel corpo di una donna. Questo fallimento porta a infertilità e problemi con la gravidanza.

Video di patologia

Cause della malattia

Le ragioni della posizione atipica delle sezioni della mucosa sono ancora attendibilmente sconosciute. Tuttavia, è stato chiaramente stabilito che i pazienti con adenomiosi hanno disturbi immunitari e ormonali.

I prerequisiti per lo sviluppo della patologia sono i seguenti fattori:

  • predisposizione genetica;
  • storia di nascita complicata;
  • aborti o curettage dell'utero per altri motivi. In questi casi, è possibile un inserimento puramente meccanico di sezioni della mucosa uterina nello strato muscolare;
  • uso prolungato di dispositivi intrauterini;
  • obesità o altre malattie ormonali e metaboliche;
  • assunzione incontrollata di contraccettivi orali;
  • stress e malnutrizione che esacerbano i disturbi ormonali.

Il gruppo a rischio è costituito da donne con disturbi ormonali e metabolici, i cui parenti femmine hanno sofferto di una malattia simile.

Manifestazioni di patologia nelle donne in gravidanza

Prima dell'inizio della fecondazione, l'adenomiosi si manifesta come dolore durante le mestruazioni, mestruazioni pesanti e individuazione dello spazio tra loro, che può essere confuso con segni di infiammazione. Tuttavia, quando si verifica una gravidanza, il corpo sperimenta un potente adattamento ormonale.

La mucosa uterina smette temporaneamente di subire cambiamenti ciclici - la malattia regredisce. Poiché i focolai sanguinanti nello spessore dell'utero durante la gravidanza non esistono, sono, per così dire, in una forma preservata, quindi non rivelano manifestazioni specifiche durante la gestazione durante l'adenomiosi.

L'unico gruppo di segni di patologia può essere associato a una pienezza insufficiente dello strato muscolare dell'utero e a una carenza di progesterone.

La combinazione di questi fattori determina i sintomi della minaccia di aborto:

  • dolore nell'addome inferiore, peggio ancora la sera o dopo l'esercizio fisico;
  • aumento del tono dell'utero, diventa "duro" al tatto;
  • scarico patologico dal tratto genitale (spotting sanguinolento o acqua limpida liquida).

Adenomiosi e compatibilità in gravidanza

È abbastanza difficile per una donna che soffre di adenomiosi rimanere incinta. Secondo le statistiche, fino all'80% dei pazienti con questa malattia non può rimanere incinta a lungo. L'impossibilità della fecondazione e del successivo impianto dell'embrione, così come l'adenomiosi, sono associati a uno squilibrio ormonale.

Se si è verificata la fecondazione, il paziente è sotto il controllo degli ostetrici a causa dell'elevato rischio di aborto. L'aumento del rischio rimane fino alla formazione della placenta, la principale fonte di ormoni durante la gravidanza. Pertanto, nelle prime fasi (nel primo trimestre), ai pazienti con adenomiosi viene prescritta una terapia ormonale (ad esempio il farmaco Dufaston).

Dopo 14 settimane, il rischio di congelamento di una gravidanza è ridotto. Tuttavia, la donna è sotto osservazione, poiché le pareti dell'utero, colpite da adenomiosi, perdono la loro elasticità. Con la crescita del feto, un allungamento graduale delle pareti dell'utero può essere accompagnato da dolori all'addome inferiore.

Un'altra caratteristica della gravidanza con adenomiosi sono le aderenze e i nodi nella cavità uterina (con adenomiosi nodulare). Con un processo adesivo pronunciato, il feto in crescita può avere difficoltà e assumere una posizione forzata.

La forma diffusa della patologia è caratterizzata da cambiamenti più o meno uniformi nella parete uterina. Con pronunciati cambiamenti distrofici nella parete uterina durante la gravidanza, spesso si sviluppa insufficienza fetoplacentare, che porta a ipossia fetale e ritardi nello sviluppo fisico e mentale.

Una forma focale di patologia è pericolosa in quei casi in cui la placenta è attaccata nell'area della zona interessata. Questo è irto dello sviluppo di una delle patologie più gravi della gravidanza: distacco di placenta.

Diagnostica

La diagnosi di adenomiosi in una donna incinta si basa su:

  1. Il sondaggio. Il paziente, di regola, si lamenta di mestruazioni dolorose e prolungate prima della gravidanza. Oltre a individuare la secrezione marrone-marrone pochi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e entro due o quattro giorni dopo il sanguinamento ciclico.
  2. Ispezione. In un esame vaginale, l'utero è determinato più grande di quanto dovrebbe essere durante questo periodo di gravidanza. Con una forma focale, la tuberosità può essere determinata. La palpazione dell'utero è spesso dolorosa o almeno scomoda..
  3. Esame ecografico La discrepanza tra la dimensione dell'utero e l'età gestazionale, aumento dell'ecogenicità o rarefazione del tessuto muscolare nella localizzazione dei focolai di lesione.

Altri esami - risonanza magnetica, radiografia, isteroscopia - non vengono utilizzati durante la gravidanza a causa di possibili conseguenze negative per il feto.

Trattamento

La terapia dell'adenomiosi durante la gravidanza ha lo scopo di risolvere i seguenti problemi:

  1. Inibizione della proliferazione dei fuochi della mucosa nel muscolo uterino. Per questo vengono utilizzati androgeni o progestinici. Preparazioni e dosaggi sono selezionati dal medico curante.
  2. Elimina la minaccia dell'aborto. Per fare questo, viene assegnato un corso:
    • antispasmodici (No-shp, Papaverina, ecc.);
    • sedativi;
    • potenziatori metabolici (ad es. glicina).

Oltre a queste misure, non vengono utilizzati altri metodi di trattamento dell'adenomiosi durante la gravidanza, poiché:

  1. L'assunzione di farmaci o procedure durante questo periodo aumenta il rischio di effetti avversi sul feto. Prima di tutto, la regola principale della medicina è "non fare del male". Il trattamento della malattia può essere posticipato fino al periodo postpartum..
  2. La minaccia dell'aborto viene alla ribalta; si sviluppa in una parte significativa dei pazienti con questa diagnosi. Pertanto, la terapia farmacologica ha lo scopo specifico di eliminare questo problema..

In alcuni casi, dopo il parto, l'equilibrio ormonale può cambiare e i focolai di adenomiosi inizieranno gradualmente a diminuire di dimensioni. Se ciò non accade, al paziente viene prescritto un trattamento conservativo o chirurgico dopo la nascita del bambino.

Terapia postpartum

Il trattamento conservativo dell'adenomiosi al di fuori della gravidanza comprende:

  • ormoni che imitano lo stato della menopausa. Il corso del trattamento va da quattro mesi a un anno;
  • farmaci antinfiammatori non steroidei con forte dolore;
  • decotti e infusi di erbe, nonché altri metodi di medicina tradizionale. Il medico curante può prescrivere erbe sia sotto forma di irrigazione che per somministrazione orale.

Di norma, i farmaci ormonali non vengono assunti durante la terapia a base di erbe..

Le infusioni aiuteranno a ridurre il sanguinamento dei tessuti e rimuovere i processi infiammatori nel miometrio:

  1. Borse da pastore. Un cucchiaino di erba secca viene versato con un bicchiere di acqua bollente, infuso per un'ora e preso in un cucchiaio quattro volte al giorno mezz'ora prima dei pasti.
  2. Ortiche. Due cucchiai di erbe secche o fresche vengono versati con un bicchiere di acqua bollente e insistono per 40 minuti. L'intero importo dei fondi deve essere diviso in diversi metodi e consumato in un giorno.
  3. Foglia di piantaggine. Un cucchiaio di erbe secche o fresche viene versato in un bicchiere di acqua bollente e insistito per due ore. L'infusione risultante è divisa in quattro parti, la prima deve essere consumata a stomaco vuoto, il resto può essere dopo i pasti, in modo uniforme durante il giorno.

Oltre al trattamento a base di erbe, i processi infiammatori nel muscolo uterino possono essere ridotti di:

  1. Hirudotherapy. Le sanguisughe sono poste sulla parte inferiore dell'addome sotto la supervisione di un medico. Gli enzimi speciali che contengono questi animali hanno potenti proprietà antinfiammatorie e rigenerative..
  2. Impacchi di argilla blu. L'applicazione dell'argilla sulla regione inguinale migliora la circolazione sanguigna nel bacino e, in combinazione con altri metodi di trattamento, accelera i processi di rigenerazione del miometrio.

Un dispositivo intrauterino contenente gestageni ha una buona efficacia. Indossare una spirale riduce la perdita di sangue durante le mestruazioni e indebolisce il dolore.

Se la terapia conservativa non ha portato all'effetto desiderato, sono sorte complicazioni, quindi ricorrere al trattamento chirurgico dell'adenomiosi.

Le indicazioni per la chirurgia sono:

  1. Grave sanguinamento uterino.
  2. La combinazione di adenomiosi e grandi fibromi.
  3. La combinazione di adenomiosi con alterazioni atipiche dell'endometrio o dell'epitelio del canale cervicale.

Prevenzione

Difficilmente è possibile proteggersi completamente da questa malattia. Le donne che hanno disturbi ormonali e metabolici devono monitorare attentamente le condizioni degli organi genitali interni e seguire semplici regole:

  1. Visita un ginecologo almeno due volte l'anno e sottoponi ad ultrasuoni pelvici.
  2. Se ci sono problemi con le mestruazioni - diventa doloroso, abbondante, è comparso qualche giorno prima delle mestruazioni - è meglio non rinviare la visita dal ginecologo.
  3. Stabilire il giusto regime del giorno e una dieta equilibrata, perdere peso.
  4. Ridefinisci gli atteggiamenti verso il sovraccarico nervoso.
  5. Non permettere a te stesso eccessivo affaticamento emotivo, ricevere periodicamente corsi di massaggio rilassante e procedure fisioterapiche volte a rafforzare il sistema nervoso.

Recensioni di donne che hanno avuto la malattia

Condividerò la mia esperienza. A 25 anni è stata diagnosticata l'adenomiosi dal 2 ° al 3 ° grado. I medici non hanno predetto nulla di buono. Ma dopo quasi un anno e mezzo, sono rimasta incinta. La gravidanza non è stata facile, si basava costantemente sulla conservazione, ma ha dato alla luce un ragazzo buono e sano. Posso sostenere che l'adenomiosi (indipendentemente dal grado) è pericolosa perché cresce dove si può "afferrare". E come mi hanno detto i dottori, è assolutamente impossibile curarlo.

Sophia

http://pregnant-club.ru/comment/reply/394/4385

Ho anche l'adenomiosi. Sono rimasta incinta da sola, ma dopo 5 mesi le acque sono scomparse prematuramente e ho perso il mio bambino. Ora bevo Janine e voglio davvero rimanere di nuovo incinta.

Zhyldyz

http://bezboleznej.ru/adenomioz

L'adenomiosi non può manifestarsi in alcun modo. I fuochi della posizione atipica della mucosa uterina possono esistere tranquillamente prima della menopausa e quindi subire una regressione naturale. Ma se i sintomi della malattia si manifestano in età riproduttiva e secondo il piano - gravidanza e parto, la patologia deve essere trattata con cura per evitare problemi successivi.

Adenomiosi: è possibile una gravidanza con questa patologia??

L'endometriosi è una delle malattie più misteriose, conosciute da tempo, ma fino ad oggi non completamente comprese e sempre più diffuse negli ultimi decenni. Colpisce principalmente le donne in età riproduttiva, ma si trova sempre più spesso tra le ragazze adolescenti e durante la menopausa. Secondo alcuni esperti, lo stadio iniziale è l'adenomiosi, altri - quest'ultimo è considerato una malattia indipendente. Posso rimanere incinta di adenomiosi e avere un bambino? Alcuni autori suggeriscono generalmente che questa patologia non influisce sulla gravidanza..

Il concetto di adenomiosi

Istologicamente, l'utero è costituito da tre strati: la mucosa o l'endometrio, la cavità del rivestimento, il miometrio o lo strato muscolare liscio e la membrana sierosa che copre l'organo dalla cavità addominale.

A sua volta, l'endometrio è costituito da due strati: il basale, o il principale, che è fuso con lo strato muscolare ed è una piastra del tessuto connettivo; funzionale (dal lato della cavità uterina), costituito da un epitelio cilindrico e ghiandole tubolari.

Durante l'intero periodo mestruale, lo strato funzionale, a seguito della regolazione ormonale del sistema ipotalamo-ipofisi-ovaio, si ispessisce e si prepara qualitativamente per l'impianto di un uovo fecondato secondo il principio del feedback positivo e negativo. In assenza di ciò, viene rifiutato, che è accompagnato da sanguinamento mestruale. Dallo strato basale cresce una nuova membrana funzionale..

L'endometriosi prende il nome dal nome della mucosa uterina. La malattia si verifica nei casi in cui le cellule endometriali crescono dalla zona di crescita sullo strato basale, non solo nella cavità uterina, ma anche nella direzione opposta. Le cellule spuntano, formando passaggi, attraverso lo strato basale, la membrana muscolare e vanno oltre. Si diffondono principalmente nei dintorni, e talvolta in organi e tessuti distanti, mantenendo la loro attività funzionale secondo il ciclo mestruale.

Se questo processo è limitato solo al corpo uterino, si chiama adenomiosi o endometriosi interna. Al fine di limitare la diffusione del processo, il corpo reagisce con una reazione infiammatoria, la proliferazione delle fibre muscolari e del tessuto connettivo attorno ai passaggi endometrioidi. Tali focolai sono talvolta simili ai nodi miomatosi, ma differiscono da questi ultimi in assenza di confini chiari e una capsula che li separa dal tessuto circostante. Di conseguenza, l'organo si allarga, si deforma e acquisisce una forma sferica asimmetrica e quindi caratteristica, che dipende dal numero, dimensione e localizzazione dei fuochi.

Per molti, l'adenomiosi può essere asintomatica ed è una scoperta accidentale durante uno studio ecografico, ma spesso può compromettere in modo significativo la qualità della vita, accompagnata da sintomi come:

  • irregolarità mestruali di varia natura, accompagnate da sanguinamenti mestruali dolorosi e pesanti, dolore nella parte inferiore dell'addome, nelle aree lombari e sacrali;
  • sanguinamento mestruale prolungato;
  • Scarico "scuro" marrone scuro tra le mestruazioni;
  • dolore pochi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni ed entro pochi giorni dopo;
  • a volte indolenzimento durante il rapporto sessuale (dispareunia);
  • eccessiva fatica, sonnolenza e letargia, stati depressivi;
  • nelle fasi successive - minzione frequente o defecazione.

L'adenomiosi e la gravidanza sono compatibili

Pertanto, la fusione di due strati delle pareti dell'utero - l'endometrio con il miometrio. In molte donne con adenomiosi, concepimento, gravidanza e parto sono normali. Inoltre, durante la gravidanza c'è un significativo rallentamento della crescita dei fuochi e della diffusione della malattia. Il concepimento, la gravidanza, il suo sviluppo e il decorso possono essere influenzati dalla profondità della lesione e dall'area della sua diffusione nell'organo. A seconda della profondità di penetrazione del tessuto endometriotico, si distinguono i seguenti gradi di adenomiosi:

  1. I Art. - il processo patologico è limitato alla sottomucosa, cioè allo strato basale, o si estende fino a 1/3 dello spessore del miometrio.
  2. II art. - la diffusione del processo patologico al centro dello strato muscolare.
  3. III art. - germinazione su tutto lo spessore del miometrio fino alla membrana sierosa.
  4. IV Art. - penetrazione della proliferazione patologica nella membrana sierosa, cioè nel peritoneo parietale, e andando oltre con danni agli organi vicini.

Per natura della diffusione, l'adenomiosi è suddivisa condizionatamente in forme:

  • diffuso, quando il processo patologico si diffonde uniformemente in tutto l'utero; allo stesso tempo, "tasche cieche" e talvolta fistole si aprono nella forma della cavità pelvica nella mucosa di varie dimensioni; questa forma si trova nel 50-70%;
  • focale (nodulare) o cistico 5-8%), in cui singoli nodi endometrioidi circondati da tessuto muscolare contengono un liquido trasparente o color cioccolato che si forma in essi a seguito di emorragia durante le mestruazioni;
  • diffuso-nodulare o misto.

Esiste anche una classificazione in base agli stadi della malattia, basata su un quadro isteroscopico dell'adenomiosi e che contribuisce a un quadro più completo della possibilità di gravidanza:

  1. Stadio I: il sollievo della mucosa uterina non viene modificato. Definisce "occhi" sanguinanti o blu scuro, che sono "passaggi" endometrioidi. Quando si raschia la cavità uterina, le sue pareti hanno la solita densità caratteristica.
  2. II stadio: i "passaggi" endometrioidi sono visibili nella mucosa, il suo rilievo è irregolare e ha la forma di sporgenze trasversali o / e longitudinali sotto forma di "creste" o tessuto miometriale fibroso. Durante il curettage, le pareti dell'utero sono definite più dense del normale e scarsamente estensibili.
  3. Stadio III: nella cavità uterina sono visibili tessuti sporgenti di diverse dimensioni e senza contorni chiari. A volte i "passaggi" endometrioidi chiusi o aperti sono determinati sulla loro superficie. Durante la raschiatura si avvertono alta densità, irregolarità della superficie delle pareti e un caratteristico scricchiolio.

La vera gravità della malattia e la gravidanza con adenomiosi uterina sono in gran parte determinate dalla prevalenza nell'organo, dalla localizzazione del processo e dalle manifestazioni cliniche, sebbene non vi sia sempre una corrispondenza completa tra di loro. Allo stesso tempo, secondo le statistiche, la percentuale di pazienti con endometriosi tra le donne con infertilità è significativamente più alta (fino al 40-80%) rispetto alle donne con normale funzione riproduttiva.

Come rimanere incinta con adenomiosi

Esistono diverse teorie sulla sua insorgenza, ma i fattori che provocano lo sviluppo della malattia e la sua diffusione nel corpo sono generalmente riconosciuti. Il gruppo a rischio comprende donne:

  • con disturbi immunitari e ormonali nel sistema ipotalamo-ipofisi-ovaia;
  • con l'obesità, a causa della predominanza di eccesso di estrogeni in essi a causa della loro sintesi e deposizione nel tessuto adiposo;
  • con un dispositivo intrauterino installato;
  • avere rapporti sessuali durante le mestruazioni;
  • con malattie infiammatorie croniche degli organi genitali interni, che durante un lungo corso contribuiscono a un cambiamento nella direzione della crescita delle cellule endometriali;
  • sottoposti a curettage diagnostico separato, aborto e altre procedure e manipolazioni diagnostiche e terapeutiche sull'utero (taglio cesareo, miomectomia) o cervice, interventi chirurgici sugli organi pelvici, contribuendo a danneggiare lo strato basale che separa l'endometrio dallo strato muscolare.

L'infertilità nell'adenomiosi può essere causata non tanto dal processo endometrioide stesso quanto dai motivi che l'hanno provocata (disturbi ormonali, infiammazione cronica, danno meccanico, ecc.) O una combinazione di endometriosi con essi.

Pertanto, il trattamento dell'infertilità comporta la determinazione delle sue cause, nonché lo stadio e la forma dell'adenomiosi, la sua prevalenza attraverso un esame approfondito, che consiste in un esame ginecologico classico, esame di strisci dal canale cervicale e vagina, colposcopia, esame ecografico, isteroscopia e esami del sangue per ormoni sessuali, ormoni consultazione della tiroide con altri specialisti.

I risultati dell'esame ci consentono di risolvere i problemi delle tattiche di trattamento utilizzando la terapia antinfiammatoria, i contraccettivi orali monofasici, l'istituzione del dispositivo ormonale intrauterino Mirena e l'uso della fecondazione in vitro (successo nel 60%).

La scelta del giusto trattamento per l'infertilità nelle donne con adenomiosi in molti casi offre una possibilità in termini di fecondazione di successo e il normale corso della gravidanza.

La combinazione di adenomiosi e gravidanza: è possibile?

L'adenomiosi o l'endometriosi interna è un processo patologico che colpisce il corpo dell'utero, con la diffusione dello strato interno della mucosa nello spessore delle pareti dell'organo. In questo contesto, si forma un quadro specifico della malattia con gravi complicanze di accompagnamento. Ad esempio, l'adenomiosi e la gravidanza diventano spesso concetti reciprocamente esclusivi, poiché questa malattia di solito porta alla sterilità..

Questa patologia ginecologica occupa il terzo posto nella classifica di tutte le malattie dell'area genitale femminile. Poiché nella maggior parte dei casi si trova nelle donne in età fertile, merita una grande attenzione.

Che cos'è l'adenomiosi

L'adenomiosi è una patologia in cui si verifica la crescita dello strato interno dell'utero all'esterno di esso. Trame della mucosa, che sotto l'influenza degli ormoni sessuali subiscono cambiamenti ciclici, iniziano a formarsi nello strato muscolare dell'organo. Di conseguenza, i focolai sanguinanti dell'endometrio crescono nella parete uterina e si sviluppa un processo infiammatorio cronico.

I focolai di tale infiammazione cronica influenzano la funzione dell'utero come organo destinato al trasporto di un bambino. Lo strato muscolare può subire cambiamenti significativi: assottigliamento, riarrangiamento distrofico, che porta a una violazione della funzione contrattile dell'organo. Se la malattia si verifica durante la gravidanza, c'è un'alta probabilità di una minaccia di interruzione.

L'adenomiosi è abbastanza comune nelle donne a cui viene diagnosticata l'infertilità. La malattia è un indicatore dell'insufficienza ormonale nel corpo di una donna. Questo fallimento porta a infertilità e problemi con la gravidanza.

Video di patologia

Cause della malattia

Le ragioni della posizione atipica delle sezioni della mucosa sono ancora attendibilmente sconosciute. Tuttavia, è stato chiaramente stabilito che i pazienti con adenomiosi hanno disturbi immunitari e ormonali.

I prerequisiti per lo sviluppo della patologia sono i seguenti fattori:

  • predisposizione genetica;
  • storia di nascita complicata;
  • aborti o curettage dell'utero per altri motivi. In questi casi, è possibile un inserimento puramente meccanico di sezioni della mucosa uterina nello strato muscolare;
  • uso prolungato di dispositivi intrauterini;
  • obesità o altre malattie ormonali e metaboliche;
  • assunzione incontrollata di contraccettivi orali;
  • stress e malnutrizione che esacerbano i disturbi ormonali.

Il gruppo a rischio è costituito da donne con disturbi ormonali e metabolici, i cui parenti femmine hanno sofferto di una malattia simile.

Per questo, è molto sensibile

Secondo i risultati degli studi di varie donne con adenomiosi, è stato determinato chi è a rischio:

  • Donne sottoposte a procedure diagnostiche intrauterine: aborto, pulizia e altri.
  • Se la metà femminile della famiglia era esposta a malattie ginecologiche, le nonne e le madri soffrivano di tumori benigni (mioma) o maligni.
  • Se in precedenza era stato eseguito un intervento chirurgico sulle ovaie, le tube di Falloppio o le donne soffrivano di malattie infiammatorie dell'utero.
  • È interessante notare che le donne che hanno partorito sono a rischio, spesso sorgono problemi quando si pianifica una gravidanza secondaria.

Manifestazioni di patologia nelle donne in gravidanza

Prima dell'inizio della fecondazione, l'adenomiosi si manifesta come dolore durante le mestruazioni, mestruazioni pesanti e individuazione dello spazio tra loro, che può essere confuso con segni di infiammazione. Tuttavia, quando si verifica una gravidanza, il corpo sperimenta un potente adattamento ormonale.

La mucosa uterina smette temporaneamente di subire cambiamenti ciclici - la malattia regredisce. Poiché i focolai sanguinanti nello spessore dell'utero durante la gravidanza non esistono, sono, per così dire, in una forma preservata, quindi non rivelano manifestazioni specifiche durante la gestazione durante l'adenomiosi.

L'unico gruppo di segni di patologia può essere associato a una pienezza insufficiente dello strato muscolare dell'utero e a una carenza di progesterone.

La combinazione di questi fattori determina i sintomi della minaccia di aborto:

  • dolore nell'addome inferiore, peggio ancora la sera o dopo l'esercizio fisico;
  • aumento del tono dell'utero, diventa "duro" al tatto;
  • scarico patologico dal tratto genitale (spotting sanguinolento o acqua limpida liquida).

Come posso rimanere incinta?

Ottieni una risposta chiara alla domanda "come rimanere incinta con l'adenomiosi?" abbastanza difficile. Il miglior consiglio sarebbe quello di sbarazzarsi della malattia. Dato che la causa della malattia non è stata ancora identificata, è impossibile un trattamento che garantisca una completa eliminazione del problema. C'è solo un modo per eliminare la patologia: la rimozione dell'utero. In questo caso, anche l'inizio della gravidanza sarà impossibile.

Prima di tutto, è necessario sottoporsi a un esame completo:

  • Stabilire la pervietà delle tube di Falloppio;
  • Scopri l'ambito del processo;
  • Determinare lo sfondo ormonale;
  • Stabilire l'ovulazione.

Il trattamento dipenderà dai risultati dell'esame e dalla scoperta della causa immediata dell'infertilità femminile. Anche se il problema viene risolto temporaneamente, vi è 1 possibilità che si verifichi una gravidanza.

Adenomiosi e compatibilità in gravidanza

È abbastanza difficile per una donna che soffre di adenomiosi rimanere incinta. Secondo le statistiche, fino all'80% dei pazienti con questa malattia non può rimanere incinta a lungo. L'impossibilità della fecondazione e del successivo impianto dell'embrione, così come l'adenomiosi, sono associati a uno squilibrio ormonale.

Se si è verificata la fecondazione, il paziente è sotto il controllo degli ostetrici a causa dell'elevato rischio di aborto. L'aumento del rischio rimane fino alla formazione della placenta, la principale fonte di ormoni durante la gravidanza. Pertanto, nelle prime fasi (nel primo trimestre), ai pazienti con adenomiosi viene prescritta una terapia ormonale (ad esempio il farmaco Dufaston).

Dopo 14 settimane, il rischio di congelamento di una gravidanza è ridotto. Tuttavia, la donna è sotto osservazione, poiché le pareti dell'utero, colpite da adenomiosi, perdono la loro elasticità. Con la crescita del feto, un allungamento graduale delle pareti dell'utero può essere accompagnato da dolori all'addome inferiore.

Un'altra caratteristica della gravidanza con adenomiosi sono le aderenze e i nodi nella cavità uterina (con adenomiosi nodulare). Con un processo adesivo pronunciato, il feto in crescita può avere difficoltà e assumere una posizione forzata.

La forma diffusa della patologia è caratterizzata da cambiamenti più o meno uniformi nella parete uterina. Con pronunciati cambiamenti distrofici nella parete uterina durante la gravidanza, spesso si sviluppa insufficienza fetoplacentare, che porta a ipossia fetale e ritardi nello sviluppo fisico e mentale.

Una forma focale di patologia è pericolosa in quei casi in cui la placenta è attaccata nell'area della zona interessata. Questo è irto dello sviluppo di una delle patologie più gravi della gravidanza: distacco di placenta.

Trattamento L

Il trattamento principale per l'infertilità nell'adenomisi è l'uso di farmaci ormonali e operazioni di conservazione degli organi.

La diffusione del processo, i sintomi influenzeranno la scelta dei metodi di trattamento.

Le donne dovrebbero capire che l'adenomiosi è una malattia incurabile che può ripresentarsi in qualsiasi momento, solo la rimozione dell'utero offre una garanzia del 100%, ma puoi accettarlo se vuoi avere figli?

Alcuni medici affermano che l'adenomiosi può essere curata durante la gravidanza, ma questo non è vero, perché negli studi, molte donne indicano che è apparsa o rimasta dopo il parto.

Quando viene utilizzato il trattamento ormonale dell'infertilità

  • Contraccettivi orali - Yarina, Jes e altri. Sullo sfondo della sospensione del farmaco, la gravidanza è possibile, ma secondo i risultati degli studi, i contraccettivi orali non sono i farmaci più efficaci. Il corso della terapia dura 0, 5 anni.
  • I progestinici sono analoghi chimici del progesterone, recentemente ha iniziato a essere attivamente prescritto. Rappresentanti brillanti di questo gruppo di droghe sono Dufaston, Vizanne. Duphaston viene assunto ciclicamente, non impedisce l'ovulazione. L'analogo di Dufaston è l'utrozhestan naturale.
  • Antigonadotropine (danazolo, danovale, gestrinone) - fino a poco tempo fa hanno scritto che il più efficace per raggiungere la gravidanza è il danazolo, ma al momento non è praticamente utilizzato a causa del fatto che il farmaco ha un effetto collaterale pronunciato: sovrappeso, ingrossamento voci e altri. Durante l'assunzione del farmaco, le mestruazioni scompaiono, un mese dopo l'interruzione della terapia, dovrebbero riprendere.
  • Agonisti dell'ormone rilasciante la gonadotropina (aHnRH) - zoladex, decapeptil sono ormoni pesanti e vengono utilizzati nella fase avanzata dell'adenomisi. Sono considerati farmaci molto efficaci, ma il loro uso è limitato dal loro costo elevato. Inoltre, un lungo ciclo di trattamento con questi farmaci provoca una carenza estrogenica persistente, che porta ad una significativa riduzione della densità minerale ossea.

La terapia ormonale influenza l'ovulazione e le mestruazioni, pertanto, il ripristino di tutte le funzioni riproduttive avviene 1-2 cicli dopo la cancellazione e la gravidanza può verificarsi in questo momento, tuttavia, dopo la cancellazione, il processo di maturazione dell'uovo deve essere monitorato e se non si verifica l'ovulazione, è necessario utilizzare farmaci che stimolano l'ovulazione (gonadotropine). Con insufficienza di corpo luteo, gestageni con vitamina E, questa vitamina viene assunta nella seconda fase del ciclo.

Con l'inefficacia del trattamento ormonale, viene utilizzata la rimozione laparoscopica dei nodi di adenomiosi. Questa operazione di conservazione dell'organo viene utilizzata per la forma nodulare di adenomiosi. L'essenza di questa operazione è che con l'aiuto di un laser si verificano l'escissione sia del nodo che del restauro delle pareti uterine.

Dopo interventi chirurgici di conservazione degli organi, si raccomanda di utilizzare preparazioni ormonali entro sei mesi, i contraccettivi orali in questo caso sono di bassa efficacia, aGnRH e il corso dei bagni di radon si sono dimostrati i migliori..

Se il paziente ha ostruzione delle tube di Falloppio, aderenze, chirurgia plastica microchirurgica sulle tube è necessario per ripristinarle.

È molto importante pagare allo stato psicologico, se necessario, assumere sedativi.

Il più semplice per il trattamento è l'adenomiosi cervicale, è facilmente diagnosticabile e la terapia laser può essere attivamente utilizzata nel suo trattamento per rimuovere più facilmente e rapidamente i focolai dolorosi. Nel 90% o più casi con questa diagnosi, si è verificata una gravidanza.

Con l'adenomiosi viene utilizzata anche l'embolizzazione dell'arteria uterina, l'efficacia di questa operazione è scarsamente studiata. Durante l'operazione, i vasi che alimentano il mioma o i fuochi dell'endometriosi interna vengono "ostruiti" artificialmente in modo che i nodi smettano di crescere. Il flusso di sangue uterino secondo il protocollo dovrebbe essere ripristinato in un anno e dopo che è consentito rimanere incinta, ma secondo le recensioni, molti incontreranno in seguito una violazione dell'apporto di sangue uterino.

Se tutti i tentativi di cure mediche e chirurgiche si rivelano infruttuosi per le donne, possono indirizzarli alla fecondazione in vitro (FIV), ma l'efficacia di questa procedura in questo caso è due volte inferiore rispetto alle donne non malate.

Terapia per mantenere la gravidanza

Se una donna è riuscita a rimanere incinta sullo sfondo dell'uso di Duphaston o Utrozhestan, è vietato interrompere bruscamente l'assunzione del farmaco - questo può provocare un aborto spontaneo.

È molto importante controllare il livello di progesterone, spesso il suo basso livello provoca aborti spontanei..

In alcuni casi, Duphaston è usato durante la gravidanza.

Diagnostica

La diagnosi di adenomiosi in una donna incinta si basa su:

  1. Il sondaggio. Il paziente, di regola, si lamenta di mestruazioni dolorose e prolungate prima della gravidanza. Oltre a individuare la secrezione marrone-marrone pochi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e entro due o quattro giorni dopo il sanguinamento ciclico.
  2. Ispezione. In un esame vaginale, l'utero è determinato più grande di quanto dovrebbe essere durante questo periodo di gravidanza. Con una forma focale, la tuberosità può essere determinata. La palpazione dell'utero è spesso dolorosa o almeno scomoda..
  3. Esame ecografico La discrepanza tra la dimensione dell'utero e l'età gestazionale, aumento dell'ecogenicità o rarefazione del tessuto muscolare nella localizzazione dei focolai di lesione.

Altri esami - risonanza magnetica, radiografia, isteroscopia - non vengono utilizzati durante la gravidanza a causa di possibili conseguenze negative per il feto.

Trattamento

La terapia dell'adenomiosi durante la gravidanza ha lo scopo di risolvere i seguenti problemi:

  1. Inibizione della proliferazione dei fuochi della mucosa nel muscolo uterino. Per questo vengono utilizzati androgeni o progestinici. Preparazioni e dosaggi sono selezionati dal medico curante.
  2. Elimina la minaccia dell'aborto. Per fare questo, viene assegnato un corso:
      antispasmodici (No-shp, Papaverina, ecc.);
  3. sedativi;
  4. potenziatori metabolici (ad es. glicina).

Oltre a queste misure, non vengono utilizzati altri metodi di trattamento dell'adenomiosi durante la gravidanza, poiché:

  1. L'assunzione di farmaci o procedure durante questo periodo aumenta il rischio di effetti avversi sul feto. Prima di tutto, la regola principale della medicina è "non fare del male". Il trattamento della malattia può essere posticipato fino al periodo postpartum..
  2. La minaccia dell'aborto viene alla ribalta; si sviluppa in una parte significativa dei pazienti con questa diagnosi. Pertanto, la terapia farmacologica ha lo scopo specifico di eliminare questo problema..

In alcuni casi, dopo il parto, l'equilibrio ormonale può cambiare e i focolai di adenomiosi inizieranno gradualmente a diminuire di dimensioni. Se ciò non accade, al paziente viene prescritto un trattamento conservativo o chirurgico dopo la nascita del bambino.

Terapia postpartum

Il trattamento conservativo dell'adenomiosi al di fuori della gravidanza comprende:

  • ormoni che imitano lo stato della menopausa. Il corso del trattamento va da quattro mesi a un anno;
  • farmaci antinfiammatori non steroidei con forte dolore;
  • decotti e infusi di erbe, nonché altri metodi di medicina tradizionale. Il medico curante può prescrivere erbe sia sotto forma di irrigazione che per somministrazione orale.

Di norma, i farmaci ormonali non vengono assunti durante la terapia a base di erbe..

Le infusioni aiuteranno a ridurre il sanguinamento dei tessuti e rimuovere i processi infiammatori nel miometrio:

  1. Borse da pastore. Un cucchiaino di erba secca viene versato con un bicchiere di acqua bollente, infuso per un'ora e preso in un cucchiaio quattro volte al giorno mezz'ora prima dei pasti.
  2. Ortiche. Due cucchiai di erbe secche o fresche vengono versati con un bicchiere di acqua bollente e insistono per 40 minuti. L'intero importo dei fondi deve essere diviso in diversi metodi e consumato in un giorno.
  3. Foglia di piantaggine. Un cucchiaio di erbe secche o fresche viene versato in un bicchiere di acqua bollente e insistito per due ore. L'infusione risultante è divisa in quattro parti, la prima deve essere consumata a stomaco vuoto, il resto può essere dopo i pasti, in modo uniforme durante il giorno.

Oltre al trattamento a base di erbe, i processi infiammatori nel muscolo uterino possono essere ridotti di:

  1. Hirudotherapy. Le sanguisughe sono poste sulla parte inferiore dell'addome sotto la supervisione di un medico. Gli enzimi speciali che contengono questi animali hanno potenti proprietà antinfiammatorie e rigenerative..
  2. Impacchi di argilla blu. L'applicazione dell'argilla sulla regione inguinale migliora la circolazione sanguigna nel bacino e, in combinazione con altri metodi di trattamento, accelera i processi di rigenerazione del miometrio.

Un dispositivo intrauterino contenente gestageni ha una buona efficacia. Indossare una spirale riduce la perdita di sangue durante le mestruazioni e indebolisce il dolore.

Se la terapia conservativa non ha portato all'effetto desiderato, sono sorte complicazioni, quindi ricorrere al trattamento chirurgico dell'adenomiosi.

Le indicazioni per la chirurgia sono:

  1. Grave sanguinamento uterino.
  2. La combinazione di adenomiosi e grandi fibromi.
  3. La combinazione di adenomiosi con alterazioni atipiche dell'endometrio o dell'epitelio del canale cervicale.

Prevenzione

Difficilmente è possibile proteggersi completamente da questa malattia. Le donne che hanno disturbi ormonali e metabolici devono monitorare attentamente le condizioni degli organi genitali interni e seguire semplici regole:

  1. Visita un ginecologo almeno due volte l'anno e sottoponi ad ultrasuoni pelvici.
  2. Se ci sono problemi con le mestruazioni - diventa doloroso, abbondante, è comparso qualche giorno prima delle mestruazioni - è meglio non rinviare la visita dal ginecologo.
  3. Stabilire il giusto regime del giorno e una dieta equilibrata, perdere peso.
  4. Ridefinisci gli atteggiamenti verso il sovraccarico nervoso.
  5. Non permettere a te stesso eccessivo affaticamento emotivo, ricevere periodicamente corsi di massaggio rilassante e procedure fisioterapiche volte a rafforzare il sistema nervoso.

Misure diagnostiche

Uno dei metodi più efficaci per rilevare l'adenomiosi è l'ecografia.

Per una diagnosi più accurata, è necessario sottoporsi a un esame da un ginecologo.

Di solito questa procedura consiste nell'esaminare i genitali con l'aiuto di specchi, prendere strisci, nonché esaminare la cervice usando speciali dispositivi di ingrandimento.

È inoltre necessario sottoporsi a un esame generale di tutti gli organi da vari specialisti per escludere altre diagnosi di accompagnamento.

Inoltre, è necessario superare una serie di test che potrebbero essere necessari per un possibile intervento chirurgico.

Adenomiosi e gravidanza

Sintomi e diagnosi

A seconda dello stadio della malattia, l'endometriosi interna può avere un quadro clinico latente e pronunciato. Si notano i seguenti sintomi:

  • periodi pesanti e la comparsa di spotting nel mezzo del ciclo;
  • la sindrome premestruale è nota per molto tempo;
  • dolore all'addome durante e dopo le mestruazioni;
  • disagio con l'intimità.

Per fare una diagnosi, viene eseguito un esame su una sedia ginecologica, viene studiata un'anamnesi e vengono eseguite ulteriori manipolazioni:

Sulla base dei dati ottenuti, è possibile effettuare una diagnosi accurata e prescrivere un trattamento adeguato..

Molte donne non sono in grado di distinguere tra adenomiosi ed endometriosi, quindi consigliamo di leggere ulteriori informazioni su questo argomento..

Posso rimanere incinta?

Le difficoltà del concepimento sono associate principalmente allo squilibrio ormonale. Tuttavia, con il giusto trattamento, la fecondazione è ancora possibile. Tali donne dovrebbero essere sotto costante controllo medico, poiché il rischio di aborto in questo caso è estremamente elevato.

Nelle fasi iniziali, il pericolo è più grave. Solo quando si forma una placenta, che è la principale fonte di ormoni, la condizione si stabilizza e le previsioni migliorano. Poiché la conservazione dell'embrione è il compito principale dei medici, a una donna vengono prescritti farmaci ormonali nel primo trimestre (ad esempio, Dufaston).

Dopo 14 settimane, il rischio di aborto spontaneo diminuisce. Tuttavia, la condizione della futura madre è necessariamente controllata da ginecologi e ostetrici, perché l'utero interessato perde in larga misura la sua elasticità. Man mano che il feto cresce, le sue pareti si allungano e durante questo periodo il paziente avverte un forte dolore alla trazione nell'addome inferiore.

C'è un altro problema associato alla forma focale della malattia. Con esso, come precedentemente notato, si formano aderenze e nodi. A causa loro, il bambino ha spesso difficoltà e prende una posizione forzata.

Inoltre, la suddetta varietà della malattia è estremamente pericolosa se la placenta è fissata nell'area della lesione. In questa situazione, la probabilità del suo distacco aumenta in modo significativo..

Il tipo diffuso della malattia è accompagnato da una distribuzione uniforme delle aree modificate lungo la parete uterina. Se i processi distrofici sono andati lontano, durante la gravidanza viene spesso rilevata insufficienza fetoplacentare. Quest'ultimo porta quasi sempre a ipossia fetale e gravi ritardi, sia nello sviluppo mentale che fisico nel neonato.

Rischi per endometriosi

Molti medici affermano che non è consigliabile rimanere incinta di endometriosi, poiché ci sono grandi rischi sia per il feto che per la madre. Questi rischi sono causati dalle condizioni dell'endometrio durante il periodo di gestazione.

Le conseguenze possono essere le seguenti:

  • la minaccia di aborto nelle prime fasi a causa del rifiuto dell'embrione;
  • parto prematuro nel 2o trimestre di gravidanza;
  • scarso afflusso di sangue alla placenta;
  • placenta previa atipica;
  • sbiadimento della gravidanza in qualsiasi momento;
  • taglio cesareo, poiché l'elasticità del collo uterino è ridotta;
  • rotture della parete uterina durante lo sviluppo fetale.

Inoltre, i rischi possono essere dovuti a disturbi ormonali che sono sempre presenti durante la gravidanza.

La complicazione più comune è un aumento del tono dell'utero, che porta all'aborto spontaneo..

Possibile gravidanza ectopica.

La percentuale di probabilità di questi rischi è piuttosto elevata, questo deve essere ricordato quando si pianifica una gravidanza con endometriosi.

Può rimanere incinta con adenomiosi uterina?

Questa patologia è un problema abbastanza comune tra le donne di mezza età, ma non costituisce una sentenza definitiva per quanto riguarda la pianificazione della gravidanza. Con l'adenomiosi, è possibile rimanere incinta, attraversare l'intero periodo della nascita di una nuova vita e dare alla luce un bambino sano. È un esame adeguato durante la gravidanza e lo svolgimento di una terapia appropriata che aiuta ad eliminare lo sviluppo di tutti i tipi di complicanze.

Particolare attenzione durante l'esame è data alla rilevazione di infezioni che si diffondono attraverso il contatto sessuale. Il periodo di gravidanza è già accompagnato da una diminuzione della funzione del sistema immunitario e l'adenomiosi indebolisce ancora di più il sistema immunitario

Pertanto, un'infezione nel corpo di una donna durante la gravidanza può causare alcune complicazioni. Pertanto, prima di rimanere incinta, è necessario sottoporsi a un ciclo di trattamento, poiché l'assunzione della maggior parte dei farmaci in questa posizione è controindicata.

La domanda può essere concepita o meno con l'adenomiosi, la risposta sarà positiva se è stato effettuato un esame completo e sono state prescritte adeguate misure terapeutiche.

Pianificazione della gravidanza per l'adenomiosi uterina

In presenza di tale diagnosi, si consiglia di avvicinarsi responsabilmente al momento della pianificazione del bambino. Gli ostetrici-ginecologi consigliano alla futura mamma di pensare in anticipo alla sua salute e di prepararsi per il trasporto del bambino.

L'adenomiosi e la gravidanza sono compatibili

In precedenza, quasi tutti i medici credevano che una tale malattia fosse equivalente alla sterilità, ma ora la comunità medica ha fiducia nel contrario. Con l'adenomiosi uterina, puoi non solo rimanere incinta, ma anche sopportare con successo un bambino sano. In misura maggiore, questo processo è influenzato dalle caratteristiche individuali del corpo della donna e dalla presenza di altre malattie del sistema riproduttivo..

La probabilità di infertilità

Nel processo di impianto, l'ovulo cerca un posto per l'attacco nella cavità uterina, dopo di che rilascia enzimi speciali che distruggono leggermente lo strato superiore. Ciò consente all'embrione di aderire saldamente al muro e crescere. Con l'adenomiosi, c'è un cambiamento nel miometrio e nell'endometrio di gravità variabile, che complica il processo di impianto: in questo caso, l'uovo fetale esce con il sangue mestruale. Con le forme focali o nodulari della malattia e gli stadi 1–2, c'è ancora la possibilità di rimanere incinta. Se il processo patologico ha raggiunto il 3-4 ° grado o l'utero è diffuso, i medici diagnosticano l'infertilità.

Come rimanere incinta con adenomiosi uterina

Prima di pianificare una gravidanza, gli ostetrici-ginecologi raccomandano di curare tutte le malattie acute e croniche, oltre ad aderire alle regole di una dieta sana, hanno più riposo e meno stress. Il concepimento dovrebbe essere effettuato durante il periodo di ovulazione (quando l'uovo lascia l'ovaio). Puoi determinarlo usando un test speciale, che viene venduto in farmacia.

Quando pianificare una gravidanza dopo un ciclo di terapia

Dopo il trattamento conservativo, i medici raccomandano di avere prole dopo aver ridotto i focolai di adenomiosi o la scomparsa dei sintomi clinici. È necessario eseguire regolarmente test e monitorare le dinamiche della malattia. Il paziente deve interrompere l'assunzione di contraccettivi in ​​modo che l'ovulazione naturale ritorni.

Il trattamento chirurgico dell'adenomiosi è stressante per il corpo. Per ripristinare completamente le funzioni del sistema riproduttivo, normalizzare il ciclo mestruale, è necessario attendere da 3 mesi a sei mesi. Questo preparerà l'utero per il successivo portamento del bambino e fornirà la prevenzione dello sviluppo di complicanze.

Cosa fare in modo che la malattia non interferisca con la maternità?

Affinché non vi siano dubbi sul fatto che sia possibile rimanere incinta con adenomiosi uterina e che la malattia non avveleni la vita, è importante sottoporsi regolarmente a esami ginecologici e consultare uno specialista al minimo segno di disturbo. La patologia tempestiva diagnosticata è facilmente curabile e non influisce sulla possibilità di rimanere incinta

Negli stadi 1 e 2 dell'adenomiosi, la prognosi per il recupero è favorevole. Va notato che la malattia è incline a ricadere con uno squilibrio ormonale, quindi è difficile parlare della cura al 100%

Affinché la malattia non interferisca con la maternità, dopo la terapia è importante monitorare la salute e non ricorrere all'automedicazione

3 e 4 stadi di adenomiosi nel 90% dei casi significano infertilità persistente. In questo caso, il trattamento viene eseguito chirurgicamente. Durante l'operazione, il medico asporta il tessuto uterino interessato, preservando l'organo, se possibile. Nella fase 4 della malattia, l'utero e le ovaie vengono solitamente rimossi.

Il trattamento conservativo nelle fasi iniziali della malattia comprende contraccettivi orali, complessi multivitaminici e immunomodulatori. Il trattamento ormonale è più efficace, poiché nella metà delle donne dopo un ciclo di contraccezione orale si verifica una gravidanza sana.

Gravidanza dopo il trattamento

Se non è possibile concepire con l'endometriosi, al paziente viene prescritta la correzione ormonale. Questa tecnica di trattamento può essere applicata dopo una procedura chirurgica che prevede la separazione delle aderenze e la rimozione dei fuochi di un endometrio localizzato patologicamente.

La terapia conservativa prevede la somministrazione di contraccettivi orali con effetti antiandrogenici (ad esempio Janine), per 6-9 mesi senza interruzioni settimanali. Come risultato della creazione di uno sfondo ormonale artificiale, lo strato funzionale dell'utero non subisce proliferazione e le ovaie cessano di produrre grandi dosi di estrogeni. Come tecnica alternativa, viene utilizzato il trattamento con ormoni che rilasciano gonadotropina. Le medicine vengono iniettate o per via intranasale (Buserelin Depot). Durante l'intero periodo di assunzione di droghe, una donna non ha le mestruazioni. Questa condizione è dovuta al blocco delle ovaie e alla prevenzione della proliferazione endometriale. La prevenzione dei cambiamenti ormonali durante il mese sopprime l'attività dei fuochi.

La pianificazione simultanea della gravidanza nel processo di trattamento ormonale non porterà successo, poiché le ovaie non funzionano e quindi non ovulano. Tuttavia, dopo aver completato la terapia, il paziente ha la possibilità di rimanere incinta. Dopo un lungo riposo, le ghiandole sessuali diventano più attive. Esiste più di un caso in cui, dopo la correzione ormonale, entrambe le ovaie sono state ovulate contemporaneamente in una paziente e si è verificata una gravidanza gemellare.

Adenomiosi e gravidanza

Portare un bambino con adenomiosi uterina è abbastanza possibile e ci sono molte prove cliniche per questo. L'unica cosa da considerare è che la gravidanza con endometriosi interna può essere più difficile del solito, esiste una reale minaccia di aborto spontaneo, parto prematuro o distacco di placenta.

Pertanto, una donna che è riuscita a concepire con una tale diagnosi, e in particolare un paziente dopo
La fecondazione in vitro deve monitorare attentamente come procede la gravidanza, monitorare attentamente e rispondere a qualsiasi cambiamento nel corpo e informare tempestivamente il medico curante.

Misure preventive

Le misure preventive aiuteranno a prevenire la comparsa e lo sviluppo di adenomiosi:

  • rafforzare l'immunità;
  • esami regolari da un ginecologo;
  • donazione di sangue annuale per ormoni sessuali femminili.

Ogni donna deve monitorare attentamente la sua salute riproduttiva

È importante prevenire gravidanze e aborti indesiderati, come manipolazioni chirurgiche nella cavità uterina spesso portano a traumi allo strato interno dell'organo

Con una predisposizione alla malattia, si raccomanda una terapia sostitutiva ormonale prolungata fino alla pianificazione della gravidanza desiderata. Pertanto, le ovaie vengono messe in modalità "sonno", che impedisce agli ormoni di perdere il controllo e l'adenomiosi - progredendo.

Metodi di trattamento dell'adenomiosi durante la gravidanza e dopo il parto

La gravidanza è accompagnata da una menopausa temporanea e i cambiamenti ormonali nel corpo della gestante rallentano il processo patologico.

In una normale gravidanza uterina, il ginecologo deve esaminare attentamente il paziente utilizzando una sonda ecografica transvaginale. Se viene rilevata l'adenomiosi, uno specialista sviluppa un programma di terapia individuale.

Trattamento farmacologico

Con una malattia di 1-2 gradi durante la gravidanza, il medico non prescrive un trattamento per l'adenomiosi, perché il processo patologico si ferma per un po '.

Dopo il parto, quando la funzione ormonale viene ripristinata e inizia a lavorare con una vendetta, la malattia inizia a progredire. Il medico prescrive la terapia ormonale sostitutiva con l'aiuto di contraccettivi orali a media e alta dose.

Rimedi popolari

I metodi di medicina tradizionale basati sull'assunzione di decotti e tinture di erbe medicinali possono difficilmente essere definiti efficaci nel trattamento dell'adenomiosi. Poiché questo è un problema complesso, incluso un fattore ormonale e fisiologico, le erbe e le piante non possono eliminare completamente il problema, ma solo ridurre i sintomi.

Ma tra gli aderenti alla medicina tradizionale, l'utero di boro (pennello rosso) è considerato la pianta medicinale più efficace. Con il suo aiuto, molti problemi ginecologici vengono tradizionalmente trattati..

Intervento chirurgico

La chirurgia uterina è una misura estrema quando la terapia conservativa fallisce. Durante la gravidanza, l'intervento chirurgico è controindicato, ma dopo il parto il medico ha il diritto di prescrivere un'operazione per rimuovere nodi e focolai di infiammazione da endocoagulazione.

Se si tratta di un grave grado di patologia (ad esempio, una forma nodulare che colpisce l'intero miometrio), viene prescritta una misura radicale del trattamento - rimozione dell'utero (isterectomia). Molto spesso questo accade alle donne dopo 40 anni, se la malattia progredisce e aumenta il rischio di malignità.

Procedure fisioterapiche

La fisioterapia è indicata solo per alleviare i sintomi e le relative complicanze. I metodi tradizionali di fisioterapia - massaggi, bagni terapeutici, cure termali - mirano a migliorare la salute generale, aumentare l'immunità e normalizzare la funzione ormonale. Ma non si può dire che il ruolo della fisioterapia nel trattamento dell'adenomiosi sia grande.

Questo video illustra in dettaglio il trattamento dell'adenomiosi.

Cos'è l'adenomiosi uterina

L'adenomiosi uterina (endometriosi interna) è una malattia ginecologica, che si basa sulla germinazione delle cellule dello strato interno dell'utero (endometrio) nello strato muscolare (miometrio). A causa del rifiuto fisiologico dell'endometrio incarnito, si verificano dolore e spotting prima e dopo le mestruazioni, che serve come motivo per contattare il medico. Questa patologia è comune nelle donne di età superiore ai 30-40 anni, tuttavia, ci sono casi di insorgenza della malattia in età precoce..

Con l'adenomiosi, l'endometrio cresce nello strato muscolare, formando isole

Esistono diversi tipi di adenomiosi:

  • Focal. L'endometrio non cresce nella membrana muscolare in tutto l'utero, ci sono solo aree interessate sotto forma di piccole isole.
  • Diffondere. In questo caso, le cellule dello strato interno dell'utero spuntano su tutta la superficie del miometrio.
  • Nodulare o cistico. Con questa forma di malattia, viene rilevata la formazione di nodi endometriali che ricordano i tumori sulla superficie della membrana muscolare dell'utero.

Classificazione di adenomiosi in gradi:

  1. Il primo grado: l'endometrio cresce fino a una profondità inferiore alla metà dello strato muscolare.
  2. Il secondo - il processo patologico si estende a metà del miometrio.
  3. Terzo: l'endometrio germoglia l'intero spessore dello strato muscolare.
  4. Quarto: ci sono più di 10 focolai profondi di endometriosi interna, le ovaie, le tube di Falloppio o la vagina possono essere coinvolte nel processo patologico.

Con lo sviluppo dell'adenomiosi, aumenta il numero di aree danneggiate del miometrio

Riassumere

L'adenomiosi è una patologia che mette in discussione la possibilità del concepimento e della nascita di un bambino. Tuttavia, è possibile e necessario combatterlo. Attualmente, oltre il 60% delle coppie di fronte a questa diagnosi ha la possibilità di diventare genitori.

L'unica cosa che una donna che soffre di adenomiosi uterina dovrebbe ricordare è la costante attenzione dell'ostetrico-ginecologo presente e un atteggiamento responsabile nei confronti della propria salute. Va anche notato che dopo il parto naturale, la crescita del tessuto endometrioide può diminuire e persino arrestarsi e il ciclo mestruale migliorerà, mentre dopo un aborto il rischio di progressione della patologia aumenta in modo significativo

Va anche notato che dopo il parto naturale, la crescita del tessuto endometrioide può diminuire e persino arrestarsi e il ciclo mestruale migliorerà, mentre dopo un aborto il rischio di progressione della patologia aumenta in modo significativo.

Ascolta il tuo corpo, impara a riconoscere i segni che ti dà, visita regolarmente un ginecologo, fatti esaminare e segui le raccomandazioni del tuo medico: questa è la chiave del successo nel percorso verso una gravidanza desiderata.

Metodi di trattamento

Come rimanere incinta con endometriosi dell'utero o delle ovaie? La soluzione al problema dipende dal grado di sviluppo della malattia, dall'età della paziente e dal suo background ormonale. Innanzitutto, viene eseguita la diagnostica: ultrasuoni, test di laboratorio, se necessario, laparoscopia e isterografia.

Per il trattamento, vengono utilizzati approcci conservativi o chirurgici, a volte vengono combinati per ottenere un risultato ottimale. Alcune donne possono rimanere incinta di endometriosi dopo aver assunto ormoni, mentre altre richiedono un intervento chirurgico.

La terapia farmacologica consiste nell'assunzione di farmaci contenenti ormoni per 3-6 mesi. Durante questo periodo, inizia la menopausa artificiale, portando a una regressione della malattia. Dopo il trattamento con ormoni, il ciclo mestruale riprende. La ricaduta è possibile, ma esiste la possibilità di rimanere incinta durante la remissione.

L'intervento chirurgico comporta un'operazione laparoscopica, in anestesia generale. Le adesioni vengono sezionate e le formazioni endometroidi vengono rimosse. I campioni di tessuto vengono prelevati per esami di laboratorio per confermare la diagnosi ed escludere la possibilità di oncologia..

Pertanto, alla domanda del paziente: "È possibile rimanere incinta con endometriosi uterina?" i medici rispondono affermativamente, specificando che ogni donna ha una diversa possibilità di concepimento.

Se una donna, nonostante la diagnosi, vuole avere un bambino, i risultati della medicina le permettono di farlo. Specialisti qualificati nel campo della ginecologia sostengono che con l'endometriosi si può rimanere incinta, ma per un concepimento di successo e un normale sviluppo fetale, è necessario sottoporsi a un ciclo di trattamento.

Prima è la malattia identificata, più è probabile la nascita del bambino desiderato. Pertanto, consultare immediatamente un medico se compaiono sintomi allarmanti e sottoporsi regolarmente a esami preventivi.

Cause di infertilità con una tale patologia

Posso rimanere incinta di adenomiosi? La disfunzione riproduttiva è una delle conseguenze frequenti e gravi di questa patologia. Inoltre, in alcune donne, compaiono complicazioni nella fase del concepimento, mentre altre soffrono dell'incapacità di dare alla luce un bambino (la gravidanza si blocca nelle fasi iniziali o si verifica un aborto).

In alcuni casi, l'adenomiosi può provocare lo sviluppo di ostruzione delle tube di Falloppio. In altre situazioni, l'utero in cui l'endometrio è cresciuto è eccessivamente contratto, il che porta all'incapacità di riparare l'uovo fetale. Inoltre, ci sono una serie di ragioni per cui non si verifica una gravidanza con adenomiosi:

  • mancanza di ovulazione a causa di uno squilibrio ormonale;
  • disturbi autoimmuni, a seguito dei quali il corpo femminile percepisce gli spermatozoi che sono caduti nella cavità uterina come una sostanza estranea e li distrugge;
  • malattie degli organi pelvici associate ad adenomiosi (fibromi uterini, cisti ovariche), nonché vari processi infiammatori;
  • vita intima irregolare dovuta alla presenza di dispareunia (dolore durante il rapporto sessuale).

Nonostante tutto, è possibile una gravidanza con adenomiosi. Per questo, una donna deve sottoporsi a un esame completo e un corso di trattamento. L'efficacia del trattamento dipenderà principalmente da quanto tempo è trascorso dall'esordio della malattia.

Gravidanza dopo il trattamento

La malattia curata non influisce negativamente sulla probabilità della gravidanza. Se il trattamento è stato eseguito correttamente, l'infezione non si è unita e il processo di adesione non si è sviluppato, il successivo concepimento avverrà con la stessa probabilità che se non ci fosse storia della malattia.

  • Le donne in giovane e media età riproduttiva rimangono incinte rapidamente e senza problemi speciali;
  • Anche le donne anziane in età riproduttiva possono avere figli, ma a volte hanno bisogno di una terapia preparatoria;
  • Le donne dopo i 40-45 anni necessitano di terapia preparatoria e di supporto per consentire al concepimento e alla gestazione di procedere in sicurezza.

In ogni caso, quando si pianifica un bambino dopo una tale malattia, è necessario consultare un medico per un consiglio.

Possibili complicazioni

Trasportare un bambino con adenomiosi, una donna può sperimentare le seguenti condizioni:

  1. Rifiuto dell'ovulo. La condizione è causata dalla trama irregolare dell'utero e da una violazione della sua contrattilità. L'aborto spontaneo che si verifica all'inizio della gravidanza è una conseguenza comune della struttura problematica dell'organo genitale e della sua funzione errata.
  2. Distacco della placenta. Una condizione pericolosa per la vita che è caratterizzata da una massiccia perdita di sangue e un rischio di morte. Il motivo è l'incapacità dell'ovulo di attaccarsi allo strato uterino interno, che viene alterato a causa di processi patologici e germinato nel miometrio.
  3. Malattia adesiva. La condizione è caratterizzata dalla comparsa di aderenze specifiche negli organi pelvici, a volte con una transizione alla cavità addominale. Le adesioni possono essere rimosse solo chirurgicamente.

Ognuna di queste condizioni mette a rischio il problema del rilevamento del feto. Per ridurre il rischio di sviluppare queste patologie, una donna deve liberarsi dell'endometriosi nella fase di pianificazione della maternità.

Caratteristiche di gravidanza

Il concepimento in presenza di questa patologia è considerato molto pericoloso. Ciò è dovuto al rischio di aborto spontaneo e parto prematuro. È stato notato che la gravidanza si verifica più facilmente con il primo grado di adenomiosi. Il focus della lesione non ha ancora avuto il tempo di diffondersi e l'organo genitale è in grado di funzionare normalmente.

Le manifestazioni cliniche della patologia dopo il concepimento iniziano gradualmente a svanire, ma dopo la nascita riappaiono. Se adenomiosi e gravidanza sono stati diagnosticati anche dopo 40 anni, non dovresti ricorrere a misure di aborto. Un aborto può provocare una ricaduta della malattia e il suo passaggio a una forma grave.

Perché si verifica la malattia?

Le cause dell'adenomiosi uterina non sono attualmente identificate. I possibili fattori che aumentano la probabilità della formazione di un disturbo includono:

  • predisposizione genetica (presenza di adenomiosi o endometriosi nella madre, sorella o nonna);
  • stile di vita sedentario;
  • malattie infiammatorie dell'utero e delle appendici;
  • l'inizio dell'attività sessuale fino all'età di 16 anni;
  • ciclo mestruale irregolare;
  • gravidanza troppo precoce (prima dei 18 anni) o tardiva (oltre i 35 anni);
  • la presenza di cattive abitudini (in particolare l'abuso di bevande alcoliche e droghe);
  • auto-somministrazione di alcuni farmaci (contraccettivi ormonali, steroidi, citostatici);
  • assenza di parto fino a 40 anni;
  • lesioni traumatiche degli organi genitali interni;
  • frequente curettage durante un aborto o spazzolatura dopo un aborto spontaneo;
  • inizio precoce delle mestruazioni nelle ragazze (fino a 12 anni);
  • diabete di tipo 1 e di tipo 2;
  • obesità nutrizionale (3-4 gradi);
  • esposizione a stress prolungato;
  • intensa attività fisica.

Sintomi dello sviluppo della malattia

In una certa misura, la capacità di concepire in adonomiosi dipende dal grado di diffusione dei processi patologici, nonché dalla presenza di altre patologie del sistema riproduttivo femminile. Si scopre che in presenza della malattia è difficile rimanere incinta quando vengono rilevate anche altre patologie, ad esempio fibromi uterini (tumore benigno). I seguenti sintomi possono indicare la comparsa di problemi associati all'adenomiosi:

  • la presenza di sensazioni dolorose prima e durante l'arrivo delle mestruazioni, inoltre, dopo un certo periodo dopo di esse;
  • aspetto prima delle mestruazioni e diversi giorni dopo la dimissione del colore marrone;
  • osservazione dei cambiamenti nei cicli mensili;
  • determinazione dell'aumento delle dimensioni dell'utero e della distorsione della sua forma;
  • molto spesso, le mestruazioni sono molto abbondanti;
  • potrebbe esserci dolore durante il rapporto.

Durante la gravidanza, lo sfondo ormonale viene ricostruito, le condizioni dell'utero migliorano, le lesioni regrediscono, è anche possibile osservare un miglioramento parziale delle condizioni dell'organo malato.

Caratteristiche del corso della gravidanza con adenomiosi

È dimostrato che l'aspettativa di un bambino ha un effetto benefico sul corpo della donna. La gravidanza è una specie di menopausa fisiologica: a causa dell'assenza delle mestruazioni, scompaiono le principali manifestazioni cliniche della malattia e diminuiscono anche i focolai di adenomiosi. In alcuni casi, il paziente richiede una limitazione dell'attività fisica e l'uso di progestinici per prevenire l'insorgenza prematura del travaglio.

Il parto con adenomiosi uterina può verificarsi naturalmente se non ci sono altre indicazioni per il taglio cesareo da parte della madre o del bambino. L'intervento chirurgico pianificato viene eseguito per un periodo di 38–39 settimane.

Conseguenze indesiderabili della malattia

L'adenomiosi uterina è una malattia estremamente pericolosa che può portare a varie complicazioni in qualsiasi trimestre di gravidanza. Il più delle volte si verificano:

  • aborti spontanei o aborti spontanei nelle prime fasi (associati a impianto impiantato dell'ovulo e mancanza di componenti nutrizionali necessari per lo sviluppo del feto);
  • insufficienza placentare (placenta - il luogo del bambino attraverso il quale le sostanze benefiche del corpo materno entrano nel corpo del bambino);
  • preeclampsia: comparsa di edema e aumento della pressione sanguigna;
  • placenta previa (a causa del grande volume di danni alla superficie dell'utero, l'ovulo può essere fissato nella sua parte inferiore, a seguito della quale il canale del parto è bloccato);
  • sanguinamento dovuto alla rottura dei vasi sanguigni;
  • inizio precoce del travaglio (fino a 38 settimane) a causa del distacco della placenta normalmente localizzata.

Ricorda che per una donna incinta con una diagnosi di adenomiosi uterina, qualsiasi stress è severamente proibito. Una delle mie pazienti affette da questa malattia era la 14a settimana in cui aveva litigato con suo marito. A causa di un forte salto ormonale e dello stress neuropsichico, la donna ebbe un aborto spontaneo. Dopo il curettage, i medici hanno deciso di rimuovere l'utero insieme alle appendici. L'unico modo per avere una prole per questo paziente era adottare un bambino da un orfanotrofio..

Caratteristiche del corso della gravidanza con adenomiosi

Qualsiasi patologia nelle donne in gravidanza provoca preoccupazione, qual è l'effetto dell'adenomiosi uterina sulla gravidanza?

Si presume che con lo sviluppo della malattia aumenti la produzione di prostaglandine di tipo F. In condizioni normali, sono responsabili della contrazione dell'utero, ma il loro eccesso porta al fatto che i muscoli dell'utero iniziano a contrarsi in modo convulsivo e casuale. Anche se la donna non è incinta, questa condizione è una deviazione dalla norma e porta al fatto che il dolore durante le mestruazioni si intensifica.

Durante la gravidanza, l'iperproduzione di prostaglandine porta ad aborti spontanei nelle prime fasi, a causa del fatto che la blastocisti non può essere impiantata nell'utero. Questo assunto non ha prove evidenti, tuttavia, nelle donne con focolaio di adenomiosi, il livello di prostaglandine è aumentato in modo anomalo..

Adenomiosi e inizio della gravidanza

L'adenomiosi può essere curata dopo la gravidanza. Se l'adenomiosi è in una fase precoce, una donna ha meno di 35 anni, quindi la gravidanza può davvero diventare una sorta di cura. In effetti, durante questo periodo non c'è sanguinamento mestruale. Esiste una cosiddetta menopausa fisiologica, durante la quale la crescita dell'endometrio e la sua proliferazione patologica rallentano.

La specificità del corso della gravidanza con adenomiosi

  1. Probabilmente, una donna con questa diagnosi ha un deficit di progesterone. E questo significa che la contrattilità dell'utero è alta, c'è il rischio di aborto spontaneo, il rischio di danni nelle fasi successive. Taglio cesareo probabilmente richiesto.
  2. A volte nella cavità uterina con adenomiosi ci sono aderenze. A causa loro, la crescita del feto è difficile, è costretto ad occupare la posizione sbagliata, il che rende anche impossibile partorire naturalmente.
  3. Se vicino al punto di attacco - il focus dell'adenomiosi, - c'è il rischio di distacco prematuro della placenta.
  4. A causa del processo patologico nei vasi che forniscono nutrienti alle membrane, il rischio di danneggiarli è elevato. Ciò provoca insufficienza fetoplacentare, che può ostacolare lo sviluppo del bambino.

Controllo in tutte le fasi: dalla preparazione al concepimento, alla gestazione e al parto - una garanzia che una gravidanza felice con questa diagnosi è ancora possibile.