Principale / Scarico

I nostri esperti

La rivista è stata creata per aiutarti in momenti difficili in cui tu o i tuoi cari affrontate un qualche tipo di problema di salute!
Allegolodzhi.ru può diventare il tuo assistente principale sulla strada della salute e del buon umore! Articoli utili ti aiuteranno a risolvere problemi di pelle, sovrappeso, raffreddore, ti diranno cosa fare con problemi di articolazioni, vene e vista. Negli articoli troverai segreti su come mantenere la bellezza e la giovinezza a qualsiasi età! Ma gli uomini non sono rimasti senza attenzione! Per loro, c'è un'intera sezione in cui possono trovare molte raccomandazioni e consigli utili sulla parte maschile e non solo!
Tutte le informazioni sul sito sono aggiornate e disponibili 24/7. Gli articoli vengono costantemente aggiornati e controllati da esperti in campo medico. Ma in ogni caso, ricorda sempre, non dovresti mai impegnarti in automedicazione, è meglio contattare il medico!

Per quanto tempo iniziano le mestruazioni dopo il curettage dell'utero?

Nella vita di una donna, si verificano situazioni spiacevoli in cui devono subire un intervento chirurgico nella zona intima. Il curettage della cavità uterina è prescritto per varie indicazioni, ma molto spesso i ginecologi conducono una procedura per eliminare una gravidanza non pianificata.

Una tale invasione del corpo femminile non può passare senza lasciare traccia e, quindi, spesso dopo la pulizia si sviluppano complicazioni. Il più comune è un ritardo nelle mestruazioni dopo il curettage e un cambiamento nella natura della dimissione.

Cos'è il curettage?

L'utero è un organo cavo costituito da muscoli e coperto dall'endometrio. Il percorso conduce attraverso il collo situato nella vagina.

Durante l'ovulazione, si verifica un ispessimento della mucosa in modo che l'ovulo fecondato possa attaccarsi.

Se il concepimento non si verifica, durante le mestruazioni, gli strati superiori dell'endometrio vengono respinti ed escono insieme alle perdite vaginali.

Il curettage prevede la separazione strumentale dell'endometrio della cavità uterina, necessaria per varie indicazioni.

Durante la procedura, il ginecologo espande la cervice per fornire accesso all'organo cavo.

In precedenza, una donna può essere anestetizzata con anestesia locale. E solo dopo esegue la pulizia e la raccolta di materiale biologico per l'esame istologico. I suoi risultati mostreranno la presenza o l'assenza di cambiamenti oncologici nell'utero.

Motivi per utilizzare questo metodo

Esiste un tipo di curettage, in cui il ginecologo scopre la fonte dei disturbi nel corpo.

Il curettage diagnostico viene effettuato nei casi:

  • periodi irregolari;
  • scarico con sangue tra le mestruazioni;
  • mestruazioni prolungate con abbondante scarica;
  • avvistando con la menopausa;
  • sospetti di oncologia;
  • incapacità di concepire un bambino.

In questo caso, lo scopo della pulizia è quello di raccogliere campioni di tessuto per una diagnosi corretta..

Questo metodo viene utilizzato per il trattamento primario o secondario per tali malattie:

  1. Fibromi uterini: la presenza nello strato muscolare dell'utero di una neoplasia benigna. Con questa patologia, le donne spesso soffrono di forti sanguinamenti..
  2. I polipi nell'utero e nella cervice si formano a causa della proliferazione patologica delle mucose. La pulizia è necessaria per rimuoverli, perché alcune specie possono degenerare in tumori cancerosi..
  3. L'iperplasia endometriale si verifica a causa della divisione cellulare attiva. La crescita e l'ispessimento della mucosa è benigna, ma richiede ancora un intervento chirurgico a causa di un aumentato rischio di cancro.
  4. L'endometrite è una malattia infiammatoria che copre lo strato superiore dell'endometrio. In alcuni casi, insieme all'assunzione di antibiotici, viene prescritto il curettage.
  5. Dopo il parto. La pulizia viene effettuata per rimuovere dai resti di organi muscolari della placenta e coaguli di sangue in caso di impossibilità della loro scarica indipendente.
  6. Gravidanza congelata Un embrione morto inizia a decomporsi nel tempo nella cavità uterina, avvelenando così il corpo di una donna con prodotti in decomposizione. Pertanto, immediatamente dopo aver diagnosticato una gravidanza congelata, è necessario pulire la striscia uterina.
  7. Aborto spontaneo. Con l'aborto spontaneo, i frammenti del tessuto fetale rimangono spesso nell'utero. Possono provocare lo sviluppo di infezioni e causare gravi emorragie..
  8. Aborto. L'aborto artificiale viene effettuato utilizzando il curettage. Nelle prime fasi, viene utilizzato un metodo più delicato: l'aspirapolvere. L'interruzione della gravidanza viene effettuata su richiesta della donna o a causa di prove che minacciano la sua vita. E anche il feto che si sviluppa in modo anomalo è soggetto a rimozione.

Come il curettage influisce sul corpo femminile?

Naturalmente, il curettage della cavità uterina si riferisce a normali interventi chirurgici.

Tuttavia, è un'invasione del corpo di una donna e spesso porta a gravi violazioni:

  1. La pulizia influisce negativamente sullo sfondo ormonale e sul funzionamento delle ovaie, che si manifesta con un ritardo nelle mestruazioni e, in alcuni casi, l'assenza di ovulazione per diversi cicli.
  2. La pulizia strumentale dell'utero lascia danni alle sue pareti. Nel corpo, può svilupparsi un'infezione e inizia il processo infiammatorio, senza un trattamento efficace, la donna rischia di diventare sterile. Il più difficile da curettizzare sono le donne nullipare, il loro corpo non ha ancora riscontrato un aumento del carico ormonale.
  3. Inoltre, la spazzolatura può influire negativamente sul sistema nervoso di una donna. In particolare, si nota l'instabilità emotiva dopo un aborto e una gravidanza congelata. La donna è in uno stato perso da un po 'di tempo, non sa cosa fare dopo e come sopravvivere a quello che è successo.
  4. L'equilibrio disturbato degli ormoni influenza anche lo stato psicologico. Pertanto, una donna ha irritabilità, nervosismo e pianto.

Scarica dopo la pulizia

La rimozione della mucosa provoca sanguinamento nell'utero, che dura qualche tempo dopo l'intervento chirurgico. Normalmente, non dovrebbe differire dalla scarica durante le normali mestruazioni, quando c'è un rifiuto naturale dell'endometrio.

Tipi di scarico:

  1. Il colore dello scarico è scarlatto con grumi. Entro pochi giorni dalla pulizia, una donna potrebbe avere macchie lunghe, scarse e macchiate.
  2. Lo scarico abbondante è simile ai giorni attivi delle mestruazioni. Se la temperatura corporea del paziente non aumenta e non deve cambiare spesso la guarnizione, questo tipo di scarica rientra nella norma.
  3. Scarico marrone. Il processo di rimozione endometriale ha avuto successo e senza complicazioni.
  4. Il colore giallo della scarica indica la presenza di infezione nell'organo muscolare o l'inizio del processo infiammatorio.

Dopo 5-6 giorni, nel caso del normale decorso del periodo postoperatorio, la donna interrompe la dimissione. Durante questo periodo, sono possibili dolori duraturi nell'addome e nella parte bassa della schiena. Indicano normali contrazioni uterine..

La prima mestruazione dopo il curettage

Quanto arriva la prima mestruazione dopo la pulizia dipende dalla qualità e dal tipo di operazione, dalle caratteristiche individuali del corpo femminile e dall'esordio o dall'assenza di complicanze.

La natura dello scarico

Dopo il curettage, effettuato per eliminare l'iperplasia o l'irrigazione, le mestruazioni scarseggiano. Per qualche tempo non c'è dimissione dopo un aborto, una gravidanza congelata e un aborto spontaneo. Questo periodo è necessario per il corpo di una donna per riportare la funzione riproduttiva alla normalità..

Quando dovrebbe iniziare il ciclo mestruale?

  1. Dopo 4-6 settimane, le mestruazioni dovrebbero riprendere in una donna sottoposta a curettage diagnostico.
  2. Il ciclo stesso è stabilizzato per 2-3 mesi.
  3. Una donna che ha avuto un aborto, un aborto spontaneo o una gravidanza mancata dovrebbe aspettarsi le mestruazioni tra 7 e 8 settimane. In questo caso, lo scarico può essere abbondante e doloroso, la loro durata supera leggermente la norma.

Mestruazioni ritardate dopo il curettage

L'assenza di mestruazioni dopo le scadenze dovrebbe costringere una donna a consultare un ginecologo per identificare le cause. Molto spesso, dopo un aborto, la paziente ha un fallimento ormonale, perché il suo corpo si è già impostato per sopportare il bambino, ecco perché non ci sono periodi.

Dopo la pulizia, l'ormone progesterone continua a colpire la mucosa uterina, impedendole di esfoliare normalmente. È a causa di disturbi ormonali che i ginecologi prescrivono contraccettivi orali al paziente dopo il curettage. Altrimenti, l'ignoranza sull'inizio dell'ovulazione può portare a una nuova gravidanza non pianificata..

complicazioni

Dopo il curettage, a una donna vengono prescritti antibiotici, della durata di 5-7 giorni. Ciò è necessario per escludere lo sviluppo del processo infiammatorio..

Ma anche nel caso del pieno rispetto delle raccomandazioni del medico, sono possibili complicazioni:

  1. Sanguinamento uterino. La patologia si sviluppa più spesso nelle donne con scarsa coagulazione del sangue. Può durare diverse settimane dopo la pulizia. Il sanguinamento uterino minaccia la vita del paziente. L'ossitocina è necessaria per fermarlo..
  2. Un ematometro è l'accumulo di un gran numero di coaguli di sangue nella cavità uterina. Si verifica a causa dello spasmo della cervice, che blocca l'uscita del sangue. Un ematometro porta allo sviluppo di infezione nei genitali, il suo segno è una forte cessazione dello spotting e l'insorgenza di dolore acuto nell'addome inferiore. Per prevenire l'accumulo di sangue, il ginecologo dopo il curettage prescrive antispasmodici per aiutare a mantenere la cervice in uno stato rilassato.
  3. Endometrite. La patologia progredisce a causa dell'ingresso di batteri patogeni nell'utero durante l'intervento chirurgico. L'infiammazione porta a dolori addominali, brividi e febbre.
  4. Lacrima uterina - si presenta una complicazione nel corso di un'operazione con introduzione o rimozione disattenta del curettage. Con lievi danni, le lacrime vengono suturate. Se l'area lesa è ampia, potrebbe essere necessaria la chiusura uterina..

Come distinguere il sanguinamento patologico dal normale?

Indipendentemente dalla causa del curettage nelle donne dopo l'intervento chirurgico, inizia il sanguinamento. Normalmente, non dura più di 5-10 giorni, fino a 2 settimane, si può osservare una scarsa secrezione marrone..

È importante che una donna controlli le sue condizioni e i cambiamenti che indicano conseguenze negative.

Quindi, dicono sull'emorragia patologica:

  • scarico abbondante che dura più di 1 mese;
  • odore sgradevole di secrezioni;
  • colore di scarico insolito;
  • l'uscita di un gran numero di grumi di sangue;
  • forte aumento dell'intensità di scarica.

Periodi dolorosi dopo il curettage

Per 3-4 mesi dopo la pulizia di una donna, l'inizio delle mestruazioni può essere accompagnato da un forte dolore.

Questo fenomeno è tipico in caso di insufficienza del ciclo mestruale e squilibrio ormonale dopo un trauma all'endometrio uterino.

Il corpo ha bisogno di tempo per ripristinare tutte le funzioni e i sistemi.

Il giorno in cui iniziano le mestruazioni o diverse ore prima, il dolore appare nell'addome inferiore. Possono essere doloranti, spasmodici o cuciture.

A volte sensazioni spiacevoli coprono l'area del retto, della vescica e della zona lombare. Per eliminare il dolore, si raccomanda a una donna di assumere antispasmodici, ad esempio Drotaverinum.

Come ripristinare e mantenere il ciclo mestruale?

Se una donna non ha complicazioni dopo il curettage della cavità uterina, il ripristino del ciclo mestruale avverrà da solo.

Durante questo periodo, è importante seguire le raccomandazioni del ginecologo:

  • rifiutare il sesso per 3-4 settimane;
  • non usare assorbenti igienici;
  • non fare la doccia;
  • rifiuta di fare il bagno, usa la doccia;
  • limitare l'attività fisica;
  • l'assunzione di farmaci non dovrebbe essere combinata con bere alcolici;
  • prendere complessi vitaminici.

Nel periodo post-riabilitativo, si dovrebbe prestare maggiore attenzione al ripristino del ciclo mestruale.

Quindi, i ginecologi prescrivono contraccettivi orali alle donne, non solo per escludere una gravidanza non pianificata, ma anche per stabilizzare la funzione riproduttiva e i livelli ormonali..

Il tipo di farmaco, lo schema e la durata della somministrazione sono selezionati dal medico e si basano sulla causa del curettage e sul risultato dell'analisi degli ormoni. Molto spesso, una donna dovrà assumere Logest, Novinet, Janine o altri contraccettivi orali efficaci per sei mesi.

La ripresa dell'attività sessuale è possibile solo dopo il completamento della prima mestruazione e quindi nel caso di una condizione soddisfacente della donna. Il rapporto sessuale precoce può provocare infiammazione nell'utero e infezione. Inoltre, questo muscolo è estremamente vulnerabile dopo la pulizia e può verificarsi un sanguinamento abbondante nelle donne dopo il sesso.

Per ripristinare il ciclo mestruale, è importante escludere lo sviluppo di complicanze dopo l'intervento chirurgico.

A tal fine, a una donna vengono prescritte procedure fisioterapiche:

  1. EHF. La terapia preventiva ha lo scopo di prevenire lo sviluppo dell'endometrite. I raggi elettromagnetici possono aumentare la resistenza del corpo e accelerare il ripristino delle funzioni dopo la pulizia.
  2. La terapia ad ultrasuoni ha lo scopo di prevenire la formazione di aderenze nella cavità uterina e negli organi pelvici.
  3. La fototerapia riduce l'infiammazione dopo l'intervento chirurgico.
  4. La terapia di assorbimento consiste nella somministrazione di una soluzione antisettica nell'utero. Farmaci usati - Enterosgel e biossido.

2 mesi dopo il curettage alla reception da parte del ginecologo, viene prelevato il tessuto endometriale. È necessaria una biopsia per studiare e valutare lo stato del materiale biologico a livello cellulare..

Dopo risultati soddisfacenti, una donna può iniziare a pianificare una gravidanza. Ma i ginecologi raccomandano ancora di dare al corpo il tempo di riposare e recuperare. Pertanto, è meglio rimandare il concepimento per almeno sei mesi.

È importante per una donna prevenire situazioni in cui dovrà usare il metodo di curettage della cavità uterina.

In effetti, su questo organo si formano successivamente cicatrici che impediscono la fissazione di un uovo fecondato. In questo caso il trattamento dell'infertilità richiederà molto tempo e la probabilità di non conoscere mai la gioia della maternità è incredibilmente alta..

Sanguinamento un mese dopo il curettage

Procedura

Il curettage viene solitamente eseguito negli ultimi giorni del ciclo prima dell'inizio delle mestruazioni. Durante questo periodo, la cervice è la più elastica, è più facile da espandere.

Formazione

Prima della procedura, una donna deve superare un esame generale del sangue e delle urine per la presenza di processi infiammatori. La coagulazione del sangue è in fase di test. Test di sifilide, HIV ed epatite.

Prima della procedura, viene eseguita un'analisi microscopica di uno striscio dalla vagina e dalla cervice per stabilire la composizione della microflora.

3 giorni prima della pulizia, il paziente deve interrompere l'uso di medicinali vaginali, nonché rifiutare di lavarsi le mani e astenersi dal rapporto sessuale. La procedura viene eseguita a stomaco vuoto..

Come viene eseguita l'operazione?

Il curettage della cavità uterina viene eseguito esclusivamente in un ospedale, in condizioni di massima sterilità. L'anestesia viene eseguita utilizzando una maschera con biossido di azoto o somministrazione endovenosa di novocaina. A volte viene utilizzata l'anestesia generale..

Durante la procedura, l'utero si espande con dispositivi speciali, viene misurata la sua dimensione interna. La mucosa superiore dell'organo viene raschiata con una curette. Se è necessaria la diagnosi, il materiale viene inviato per l'esame istologico.

Quando si esegue un aborto o una spazzolatura dopo un aborto spontaneo, una gravidanza congelata, un parto, viene utilizzato il metodo di aspirazione. La rimozione del contenuto della cavità uterina viene eseguita utilizzando un vuoto. Allo stesso modo, il sangue viene rimosso da esso con sanguinamento uterino disfunzionale o ristagno all'interno dell'utero. Questo metodo è più delicato del curettage, poiché non vi è alcun rischio di danni alla cervice o alla parete uterina.

Con il curettage isteroscopico, un tubo con una videocamera viene inserito nell'utero per esaminare la superficie. Dopo la rimozione dello strato superiore dell'endometrio, assicurarsi che la mucosa sia completamente rimossa.

Dopo la procedura, il ghiaccio viene posizionato sull'addome inferiore. Il paziente rimane in ospedale per diverse ore in modo che i medici possano verificare completamente che non vi siano rischi di sanguinamento.

Dopo l'operazione

Immediatamente dopo la cessazione dell'azione dell'anestesia, una donna può avvertire un dolore abbastanza forte nell'addome per 2-4 ore. Quindi, per altri 10 giorni, persistono sensazioni di lieve dolore lancinante. Le secrezioni di sangue nelle prime ore sono forti, contengono coaguli di sangue. Quindi si trasformano in sbavature, possono apparire entro 7-10 giorni dopo l'intervento chirurgico. Se si fermano troppo rapidamente e allo stesso tempo la temperatura della donna aumenta, questo indica il verificarsi di ristagno di sangue (ematometri) e il processo infiammatorio. L'ossitocina viene trattata per migliorare la contrattilità uterina..

Per eliminare il dolore, vengono prescritti antidolorifici e antispasmodici (no-spa) per accelerare la rimozione dei residui di sangue. Gli antibiotici vengono assunti per diversi giorni per prevenire l'infiammazione nell'utero.

2 settimane dopo la pulizia, viene eseguito un esame ecografico di controllo, che assicura che la procedura abbia avuto esito positivo. Se lo studio mostra che l'endometrio non viene rimosso completamente, la pulizia deve essere ripetuta. Il risultato di un esame istologico delle cellule del materiale rimosso è pronto in circa 10 giorni, dopo di che il medico sarà in grado di concludere che è necessario un ulteriore trattamento.

Mesi dopo la pulizia inizierà tra 4-5 settimane. La frequenza della loro insorgenza viene ripristinata dopo circa 3 mesi.

Avvertenza: consultare immediatamente un medico se le impurità del sangue nelle secrezioni non scompaiono dopo 10 giorni, mentre il dolore all'addome si intensifica. Avviso dovrebbe apparire di temperatura elevata pochi giorni dopo il curettage. È necessario visitare un medico se le mestruazioni dopo la pulizia dell'utero sono diventate troppo abbondanti o molto magre e anche il loro dolore si è intensificato.

Cos'è una procedura??

L'utero è un organo riproduttivo, costituito principalmente da tessuto muscolare e endometrio. È in questo corpo che l'ovulo viene fecondato dallo sperma e dal conseguente sviluppo dell'embrione.

La cavità interna dell'utero è costituita da una membrana mucosa - l'endometrio, su cui è attaccato l'uovo fetale, che è l'inizio dello sviluppo e della vita del bambino. In assenza di fecondazione, la struttura dell'endometrio, che cambia dopo l'ovulazione, si prepara a prendere l'ovulo, cambia e alla fine del ciclo mestruale viene respinta. Questo processo non è altro che mensile.

Come sta pulendo

Nel caso del curettage, lo strato superiore dell'endometrio viene rimosso. Dopo qualche tempo dopo la pulizia, ricresce, continuando a svolgere la sua funzione.

Dopo il curettage, tutti i biomateriali ottenuti vengono inviati per ulteriori studi. Vale la pena dire che normalmente, durante la procedura, non dovrebbe essere assegnato sangue dalla vagina.

C'è la pulizia ordinaria e separata. Quest'ultimo comporta la pulizia della cervice e solo dopo la stessa cavità uterina viene curata.

Oggi i ginecologi si rivolgono all'utilizzo in pratica di una procedura più accurata e sicura rispetto al curettage: l'isteroscopia.

Nel caso del curettage, si verifica una pulizia "alla cieca", cioè il medico esegue la procedura secondo lo schema di alcuni movimenti, ma senza vedere tutto ciò che accade all'interno della cavità uterina. Spesso, sotto forma di complicanze, si possono osservare alcuni disturbi nel lavoro dell'organo riproduttivo, che possono portare alla comparsa di coaguli di sangue al suo interno..

L'isteroscopia prevede l'introduzione di un dispositivo speciale nell'utero del paziente, grazie al quale il medico vede le pareti di questo organo genitale e il processo di pulizia stesso.

Quanti giorni sanguinano

La durata del sanguinamento dopo il curettage è un indicatore importante per valutare le condizioni del paziente sullo sfondo di una procedura chirurgica. La durata della dimissione può variare a seconda dello stato di salute della donna e delle sue caratteristiche.

La maggior parte dei pazienti sanguina dopo il curettage da alcune ore a diversi giorni. Una volta completata la procedura, l'utero inizia a contrarsi intensamente, il che aiuta a ridurre l'intensità dello spotting.

Sebbene il sanguinamento uterino minore dopo il curettage sia la norma, al giorno d'oggi una donna dovrebbe monitorare con particolare attenzione il suo benessere e la natura della dimissione. Se sorgono problemi, a causa dell'attenzione, possono essere risolti all'inizio, prevenendo conseguenze pericolose.

Nel periodo successivo alla procedura ginecologica, vale la pena prestare attenzione ai seguenti fattori:

  • durata del sanguinamento;
  • scoperta di sanguinamenti ripetuti;
  • odore e colore di scarico.

Il sanguinamento normale dopo la pulizia non dovrebbe durare più di 2 settimane. Se il sangue continua a fluire, questo avverte di violazioni nel corpo di una donna. Sullo sfondo della perdita di sangue, possono svilupparsi anemia e altre conseguenze pericolose. Un flusso sanguigno più lungo a volte indica grave insufficienza ormonale o complicanze postoperatorie..

Il normale recupero del corpo dopo la pulizia ginecologica implica che inizialmente il sangue scorre fortemente, quindi diminuisce gradualmente. Se ciò accade e quindi il sanguinamento è ripreso, è necessario un aiuto urgente. Questo fenomeno indica la formazione di coaguli nella cavità uterina, che ha iniziato a separarsi.

Se lo scarico dalla vagina dopo la rimozione dello strato endometriale nell'utero è di colore eterogeneo o ha un odore specifico sgradevole, vale la pena consultare un medico. Questo avverte dello sviluppo di una malattia infettiva. Il paziente necessita di ulteriore esame e ulteriore trattamento..

Alcune situazioni dovrebbero indurre una donna a consultare immediatamente un medico. Le cure mediche di emergenza devono essere prese in considerazione in presenza dei seguenti sintomi:

  • il sanguinamento dopo la pulizia è abbondante e intenso, i cuscinetti sono sufficienti per non più di 1 ora;
  • escono grossi coaguli di sangue;
  • la dimissione non si è fermata entro un mese dall'intervento;
  • c'è un odore sgradevole e ripugnante;
  • c'era una sensazione tagliente nell'addome;
  • temperatura corporea aumentata a 38 ° C;
  • vertigini e grave debolezza.

Complicazioni pericolose possono indicare che l'emorragia si è interrotta bruscamente. La quantità di sangue rilasciata dovrebbe diminuire gradualmente. Altrimenti, si può sospettare la formazione di coaguli nella cavità uterina, che ha bloccato l'uscita del sangue..

Possibili complicazioni

La presenza di secrezione patologica è un segno indiretto di complicanze. Forniscono la base per una scansione approfondita mediante ultrasuoni. Inoltre, spesso prendere materiale biologico per studiare l'infezione batterica. Tali misure diagnostiche sono necessarie per determinare con precisione la natura della patologia, poiché il trattamento dipenderà da questo.

E prima una donna cerca aiuto, meglio è. Quali complicazioni può aspettarsi il paziente dopo l'intervento chirurgico?

  1. Sanguinamento uterino.
  2. Hematometer.
  3. endometrite.
  4. Infertilità.

Il risultato può essere l'anemia, che spesso provoca insufficiente saturazione di ossigeno - ipossia. E questo è già irto di morte prematura dei tessuti. In una condizione particolarmente grave, i medici somministrano anche ossitocina al paziente per fermare il sanguinamento uterino.

Di conseguenza, la cavità uterina è piena di sangue e i batteri iniziano a svilupparsi in essa. Un ematometro è accompagnato da dolore nell'addome inferiore e per risolvere il problema è necessaria una cosa: liberare la strada per il sangue.

Questo può essere fatto con medicine o strumenti chirurgici. Ma in ogni caso, esiste il rischio di recidiva di spasmo e infezione batterica, quindi, dopo aver eliminato la patologia, viene prescritto un ciclo di antibiotici in combinazione con antispasmodici.

L'endometrite è una complicazione abbastanza comune dopo il curettage. Si manifesta sotto forma di infiammazione della mucosa uterina dovuta all'attività di microrganismi patogeni. L'infezione entra nell'organo in diversi modi e spesso dalla vagina. Possibile infezione dovuta a negligenza medica (strumenti non sufficientemente lavorati, guanti sporchi, ecc.).

Le donne di solito hanno paura di abortire perché c'è il rischio di perdere la capacità di concepire. Naturalmente, nessuno è al sicuro da un simile risultato, ma nella pratica medica non molti fatti indicano lo sviluppo dell'infertilità proprio a causa del curettage. Se l'utero inizialmente funzionava normalmente e l'operazione ha avuto successo - nella stragrande maggioranza dei casi, il tessuto si riprenderà e la donna sarà in grado di avere figli.

Domanda risposta

Prima del curettage, il gentil sesso è molto preoccupato. La preoccupazione è comprensibile, perché l'intervento chirurgico a volte provoca gravi complicazioni. Ecco perché le donne hanno molte domande al ginecologo. E non è invano che i pazienti siano interessati: avvisati - quindi armati. Di seguito sono riportate le domande più comuni che risuonano nell'ufficio del medico e brevi risposte.

Lo spotting è considerato normale, come per le mestruazioni. A poco a poco, la loro intensità diminuisce e il colore diventa brunastro. Se il liquido ha acquisito una tinta gialla, ha un cattivo odore o diventa simile a un sacro, questo indica una patologia.

Quanto costa lo scarico dopo il curettage?

La durata media della secrezione di espettorato è di 5-6 giorni. Se la dimissione si interrompe dopo 1-2 giorni o non si interrompe dopo 10 giorni, è necessario andare in ospedale.

La temperatura aumenta dopo il curettage?

Di norma, la temperatura corporea varia da 37 a 37,5 ° C - questo è normale. Ma un aumento di oltre 38 ° C indica un'infezione.

Cosa causa dolore dopo il curettage?

Un'operazione è la rimozione del tessuto vivente. In questo caso, le terminazioni nervose sono danneggiate e si verifica inevitabilmente dolore nell'addome inferiore. Tuttavia, tale sindrome può avere intensità variabile. Il dolore severo spesso indica sanguinamento uterino, ematometro o endometrite. E se gli analgesici non aiutano, è necessario consultare un medico.

Raccomandazioni del medico per il recupero

Raccomandazioni generali:

  • L'astinenza dall'attività sessuale per almeno 30 giorni, al fine di evitare malattie infettive e complicanze ad esse associate. Inoltre, durante questo periodo, non è consigliabile entrare nell'utero delle prostaglandine maschili, che causano la sua riduzione.
  • Nei prossimi 6 mesi, è consigliabile utilizzare un preservativo per escludere la gravidanza.
  • Per due mesi non dovresti fare un bagno, andare in piscina o nuotare negli stagni.
  • Durante le mestruazioni, non utilizzare i tamponi in modo che l'infezione non penetri nella cavità uterina e il processo infiammatorio non si avvii.
  • Entro sei mesi dovrebbe limitare l'esercizio il più possibile..

Consigli per l'assunzione di farmaci:

  1. Se gli antibiotici sono prescritti per te, prenderli rigorosamente secondo il programma raccomandato dal medico. Questo vale per il tempo di somministrazione, il dosaggio e il nome dell'antibiotico.
  2. Bere alcolici durante il periodo di recupero è altamente indesiderabile. E durante l'assunzione di antibiotici, questo è completamente inaccettabile.
  3. Oltre agli antibiotici, vengono prescritti antidolorifici ed enzimi, questi ultimi vengono utilizzati per prevenire le aderenze.

Durante il periodo di recupero, è necessario sottoporsi a diversi corsi di procedure di fisioterapia.

Procedure fisioterapiche raccomandate:

  • Terapia EHF (esposizione alle onde elettromagnetiche). Questa procedura aiuta ad aumentare la resistenza del corpo ed è la prevenzione dell'endometrite..
  • UZT - la terapia ad ultrasuoni viene utilizzata come prevenzione della formazione di aderenze.
  • I raggi infrarossi vengono utilizzati per ridurre e prevenire i processi infiammatori.

Per ripristinare le mestruazioni, i ginecologi a volte raccomandano l'uso di contraccettivi orali, ma solo quelli prescritti dal medico. Anche il programma della reception è rigorosamente stabilito.

Alcuni specialisti dopo il curettage raccomandano di sottoporsi alla cosiddetta terapia di assorbimento.

La sua essenza è la seguente. In un ospedale, una composizione speciale viene introdotta nella cavità uterina, che ha proprietà assorbenti e antisettiche. La composizione viene introdotta utilizzando un catetere speciale.

Come ripristinare il ciclo dopo il curettage e come ripristinare il corpo è descritto nel video:

Deviazioni dalla norma

Molti fattori influenzano la quantità di sangue che può andare dopo aver pulito la cavità uterina. It:

  • la durata della procedura stessa;
  • testimonianza su cui è stata condotta.

Ecco perché è impossibile escludere la probabilità di complicanze..

I segni di deviazione includono la comparsa dei seguenti sintomi:

  • il sangue va troppo - il pad viene completamente riempito in 1-2 ore;
  • la dimissione dura più di tre settimane.

Tali manifestazioni possono indicare una pulizia incompleta della cavità uterina o diventare un indicatore di squilibrio ormonale. A volte la causa è un trauma all'utero durante il curettage.

Aspirazione del vuoto

I vantaggi della pulizia con aspirazione a vuoto:

  • il metodo è meno traumatico;
  • il sanguinamento dopo la pulizia con un metodo a vuoto non è così abbondante;
  • il processo di recupero endometriale è più veloce;
  • diminuisce la probabilità di reazioni infiammatorie nell'utero.

Indicazioni per l'aspirazione:

  • gravidanza patologica fino a 12 settimane;
  • dopo l'aborto spontaneo, per rimuovere parti dell'ovulo;
  • rimuovere i residui della placenta dalla cavità uterina dopo il parto o il taglio cesareo;
    gravidanza indesiderata (fino a 3 mesi)

In media, sanguina dopo aver pulito l'utero in modo vuoto per circa 7-10 giorni. Lo spotting marrone inizia già 3-5 giorni e dura fino a circa 3 giorni.

Sintomi che richiedono l'attenzione di una donna e la successiva consultazione di un medico:

  • il sanguinamento è molto abbondante, la necessità di cambiare la guarnizione si verifica entro un'ora;
  • la durata del periodo di recupero è superiore a 3 settimane;
  • l'intensità dello scarico non diminuisce nel tempo, ma aumenta o è uguale a dopo la pulizia.
  • febbre, forte dolore addominale;
  • lo scarico ha un odore sgradevole (probabilmente un'infezione microbica)
    completa assenza di dimissione.

Se non si verifica alcuna scarica, ciò non esclude la presenza di sanguinamento interno e richiede un'attenzione speciale da parte del medico.

Questi sintomi possono indicare che durante la manipolazione la cavità uterina potrebbe non essere stata sufficientemente pulita o ferita. Sono necessari un consulto medico e un'ecografia..

Al fine di prevenire lo sviluppo di un'infezione batterica, a una donna possono essere prescritti farmaci antibatterici dopo il curettage della cavità uterina.

Quando viene interrotta una gravidanza indesiderata, la rimozione incompleta dell'embrione dalla cavità uterina, è possibile un forte dolore nell'addome inferiore. In questo caso, l'emorragia sarà molto abbondante e prolungata e la donna verrà ripulita.

Una possibile complicazione dopo il curettage è il processo infiammatorio della superficie interna della cavità uterina, la cosiddetta endometrite. I suoi segni principali sono sanguinamento prolungato di un colore marrone, che non diminuisce. Il verificarsi di endometrite dopo l'aborto è facilitato dall'aggiunta di microflora patogena.

L'abbondanza di sanguinamento uterino dopo il curettage e la sua durata saranno influenzate dall'età gestazionale, durante la quale verrà eseguita la pulizia ginecologica. Particolarmente probabile è lo sviluppo di sanguinamenti gravi se il curettage viene effettuato nelle fasi successive. La morbilità della cervice e dello strato interno dell'utero aumenta, ciò influenza l'intensità e la durata del sanguinamento dopo la procedura di aborto.

Il sanguinamento dopo il curettage della cavità uterina è un processo naturale dovuto a questa procedura.

Tuttavia, le donne dovrebbero prestare attenzione alla durata e alla natura della dimissione, alla comparsa di segni pericolosi durante il periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico e consultare tempestivamente un medico per qualsiasi problema che causi preoccupazione. Varie procedure mediche vengono eseguite quotidianamente in ospedali e cliniche private

La maggior parte di essi è considerata ordinaria e relativamente sicura per la salute. Tuttavia, molte donne non conoscono l'essenza del curettage, come prepararsi e quali sono le possibili conseguenze. L'individuazione a seguito della procedura è del tutto normale, tuttavia ci sono alcune sottigliezze.
Dopo aver pulito l'utero, quanto sangue scorre, qual è l'intensità del sanguinamento e in quale situazione dovrei consultare un medico?

Varie procedure mediche vengono eseguite quotidianamente in ospedali e cliniche private. La maggior parte di essi è considerata ordinaria e relativamente sicura per la salute. Tuttavia, molte donne non conoscono l'essenza del curettage, come prepararsi e quali sono le possibili conseguenze. L'individuazione a seguito della procedura è del tutto normale, tuttavia ci sono alcune sottigliezze.
Dopo aver pulito l'utero, quanto sangue scorre, qual è l'intensità del sanguinamento e in quale situazione dovrei consultare un medico?

Come va la procedura di ripulitura??

La procedura per il curettage dell'utero è un'operazione che dura circa 20 minuti sotto l'influenza dell'anestesia endovenosa generale. Il paziente si addormenta e non sente nulla. Possono anche usare l'anestesia epidurale (spinale) quando la donna è cosciente e non sente la metà inferiore del corpo, ma questo tipo di anestesia è usato molto meno frequentemente. In altri casi, può essere limitato all'anestesia locale, ma il dolore rimane ancora.

  • Prima e dopo l'intervento chirurgico, i genitali esterni e la vagina sono necessariamente trattati.
  • Quindi, utilizzando strumenti speciali, la cervice viene fissata, la lunghezza dell'utero viene controllata e il canale cervicale viene dilatato..
  • Il contenuto della cavità e lo strato superficiale della mucosa dell'utero vengono rimossi usando una curette, da cui deriva il nome: curettage; o eseguire la pulizia con l'aspirapolvere.

Memo per il paziente dopo ripetute pulizie dell'utero

Dopo ripetuti curettage, è importante seguire le raccomandazioni del medico in modo che non ci siano complicazioni e recuperare più velocemente:

  • continuare e passare fino alla fine del trattamento prescritto (antibatterico, ormonale, emostatico, contraendo l'utero e altri gruppi di farmaci);
  • guardare per scarico dal tratto genitale. Normalmente, dopo la procedura, lo spotting diminuisce gradualmente di volume e dura non più di 10 giorni;
  • riposo sessuale per almeno 2 settimane, e preferibilmente fino a un mese e dopo un esame di follow-up;
  • non usare i tamponi e non fare la doccia;
  • escludere attività fisica;
  • Non usare la sauna, fare un bagno caldo.

Se si verificano i seguenti reclami, è necessario consultare un medico per escludere o identificare la patologia e condurre un trattamento adeguato:

  • temperatura corporea superiore a 37 gradi, debolezza generale, vertigini;
  • pochi giorni dopo ci sono stati dolori nella parte inferiore dell'addome e nella parte bassa della schiena;
  • secrezione vaginale con un odore sgradevole;
  • la quantità di scarico sanguinante non diminuisce o si arrestano improvvisamente;
  • dopo 1-1,5 mesi, la scarica non è iniziata e la prima mestruazione può essere scarsa.

Conseguenze della ripulitura

Il curettage dell'utero è una misura operativa, quindi possono esserci conseguenze negative che si verificano immediatamente dopo la procedura o dopo un po 'di tempo:

  • infiammazione della mucosa uterina (endometrite);
  • perforazione delle pareti dell'utero durante la procedura;
  • stenosi (restringimento) del canale cervicale della cervice;
  • la formazione di aderenze nella cavità uterina;
  • irregolarità mestruali;
  • infertilità dovuta a danni agli strati più profondi della mucosa uterina, che impedisce l'impianto di un uovo fecondato in futuro.

In ogni caso, dopo la dimissione, sono necessari un esame di follow-up da parte del medico, l'ecografia in dinamica e, se necessario, la colposcopia.

Per un migliore recupero, puoi seguire un corso di fisioterapia (elettroforesi, fangoterapia, agopuntura). Bevi più liquidi e cibi sani, bevi vitamine.

Vladlena Razmeritsa, ostetrica-ginecologa, in particolare per Mirmam.pro

Ematometro: cos'è e qual è la causa della condizione

Ematometro: cos'è e per quali motivi si verifica? Abbiamo scoperto che si tratta di un accumulo di sangue nella cavità uterina, di cui è responsabile il suo curettage, eseguito durante l'aborto, la gravidanza non sviluppata e per scopi diagnostici. Come risultato di tale intervento chirurgico, viene rimosso solo lo strato superiore della mucosa uterina.

I principali fattori che portano a un ematometro sono i seguenti fattori:

  • Polipo del canale cervicale. Tale malattia è considerata abbastanza pericolosa e di solito viene diagnosticata dopo quarant'anni. Ma la probabilità che il polipo porti alla comparsa di ematometri è piuttosto piccola.
  • Il periodo postpartum. Un aumento del rischio di formazione di tale patologia dopo il parto è associato a lesioni e rotture del canale del parto.
  • Un aborto, dopo il quale non solo le particelle della mucosa, ma anche parti del feto possono rimanere nell'utero. Ciò contribuisce alla comparsa di una tale malattia..
  • Curettage della cavità uterina, dopo l'implementazione di cui l'ematometro si verifica più spesso, poiché il canale cervicale si restringe.
  • Tumore endometriale.

Gli organi genitali femminili interni sono rappresentati da appendici, corpo e cervice e vagina. Tutti sono interconnessi. L'utero è un organo genitale della muscolatura liscia costituito da corpo e collo. Quest'ultimo si trova parzialmente nella vagina. La cervice ha una faringe esterna (dalla vagina) e una interna (più vicina alla cavità uterina).

Questi luoghi hanno una struttura speciale con un restringimento fisiologico del canale. Questa è una "difesa naturale" contro l'infezione dall'esterno della cavità uterina. Il sangue mestruale è uno strato superficiale desquamante dell'endometrio mescolato con sangue. Queste secrezioni dovrebbero uscire dalla cavità uterina. Il processo si verifica passivamente sotto l'influenza della gravità, nonché a seguito di una riduzione del miometrio. Al piombo dell'ematometro:

  • violazione dell'attività contrattile dell'utero - di solito dopo il parto, il curettage;
  • un ostacolo a livello della faringe interna o esterna - con spasmo, tumore, aderenze intrauterine.

La malattia può verificarsi a causa di anomalie congenite o dopo un trauma alle fibre muscolari dell'organo interno:

  • Patologia congenita, che è stata scoperta ed eliminata immediatamente dopo la nascita di una ragazza o durante la pubertà. Di norma, solo l'intervento chirurgico nell'adolescenza può aiutare l'utero in tempo per evacuare il sangue accumulato. Più la donna è anziana, più sarà difficile eliminare l'anomalia senza successive complicazioni.
  • Patologia acquisita Spesso, l'ematometro agisce come una complicazione o conseguenza dopo l'intervento chirurgico. Ad esempio, dopo taglio cesareo, nascita naturale o aborto.
  • Il sangue si accumula anche se è stata eseguita una rimozione anormale della placenta e del tessuto embrionale..

Possibili patologie

Le manifestazioni di anomalie dopo la procedura possono essere identificate dai seguenti sintomi:

  • il colore dello scarico non è sanguinolento, ma può assomigliare a slop di carne;
  • il sangue dopo il curettage dura troppo (più di 10 giorni) e ce n'è molto;
  • la presenza di un odore ripugnante nella scarica, che segnala un'infezione;
  • fermare l'emorragia, che indica la formazione di coaguli di sangue nell'utero.

Oltre alle secrezioni indicative associate alle infezioni uterine nel gentil sesso, la temperatura corporea può aumentare e anche il dolore nell'addome inferiore è probabile.

Un quadro simile si osserva con una brusca cessazione del sanguinamento uterino - un ematometro, poiché i coaguli di sangue che si sono formati nell'organo sono in grado di provocare infiammazione in esso. In tali circostanze, è previsto un ulteriore ciclo di trattamento antibiotico e il curettage viene duplicato..

Un sanguinamento eccessivo indica uno squilibrio nei livelli ormonali della donna. Tali donne hanno bisogno di un monitoraggio regolare da parte di un endocrinologo e un ginecologo. Ma, a parte questo, a causa di sanguinamenti prolungati, può svilupparsi anemia. Ecco perché in un tale periodo una donna ha bisogno non solo di farmaci, ma anche di una dieta equilibrata. Particolare enfasi dovrebbe essere posta sui prodotti che promuovono l'ematopoiesi:

  • fegato;
  • grano saraceno;
  • granate;
  • tutti i tipi di carne rossa.

Come evitare conseguenze negative

La maggior parte dei pazienti sanguina dopo il curettage senza complicazioni. Tuttavia, alcuni hanno affrontato conseguenze così spiacevoli:

Il sanguinamento uterino dopo il curettage ginecologico è estremamente raro. Tale problema può verificarsi in un paziente che soffre di cattiva coagulazione del sangue. Questa complicazione rappresenta una minaccia per la vita. Se un blocco è pieno di sangue all'ora, una donna ha bisogno di aiuto immediato. Nella maggior parte dei casi, i medici usano iniezioni di ossitocina e ospedalizzano il paziente.

Un ematometro è una complicazione che si verifica a causa della contrazione naturale della cervice dopo la pulizia. Quando lo spasmo è particolarmente forte, inizia a formarsi un coagulo nella cavità dell'organo. Non ha tempo di andarsene, il che porta all'accumulo di sangue all'interno. La condizione minaccia lo sviluppo di una malattia infettiva. La donna nota che il sangue ha smesso di scorrere e dolori acuti sono comparsi nell'addome inferiore.

L'endometrite è una patologia infettiva che si presenta come una complicazione dopo la pulizia ginecologica dell'utero. La malattia è di natura infiammatoria e si sviluppa a causa della penetrazione di microbi nella cavità organica. Una donna può sospettare l'insorgenza della malattia per il benessere generale. I primi sintomi negativi si verificano pochi giorni dopo la procedura chirurgica. La temperatura aumenta, si verifica una debolezza generale, la febbre.

Puoi proteggerti da alcune complicazioni. Una donna dovrebbe seguire attentamente tutte le raccomandazioni del medico curante che ha eseguito la procedura chirurgica. È necessario notare i cambiamenti nel corpo al fine di regolare la terapia al momento giusto..

Puoi proteggere il tuo corpo dalle possibili conseguenze del curettage ginecologico se segui le seguenti raccomandazioni:

  • prima dell'intervento o immediatamente dopo, prendere Drotaverin o No-Shpu per prevenire un'eccessiva contrazione della cervice;
  • applicare antibiotici prescritti dal medico per prevenire l'infezione dell'organo;
  • Non sovraccaricarti nei giorni seguenti dall'intervento, riposa di più, dormi e basta;
  • mangiare bene, consumare vitamine, ricostituire il sangue perduto.

È importante scegliere il medico giusto. Le conseguenze negative della procedura sorgeranno o meno, in gran parte dipende dal modo in cui vengono eseguite le manipolazioni.

Se l'utero non viene completamente pulito, esiste il rischio che l'emorragia non si fermi. L'uso di strumenti non sterili aumenta il rischio di infezione. Un buon specialista è la chiave per un efficace curettage.

È possibile ridurre la durata del sanguinamento dalla pulizia se si sceglie il giorno della procedura. Poiché il curettage ginecologico ha molto in comune con i processi naturali durante le mestruazioni, tanto più vicino verrà eseguito l'intervento in questi giorni, tanto più facile sarà per il corpo recuperare. Dopo che il sanguinamento è terminato, le mestruazioni successive arriveranno solo quando il ciclo verrà ripristinato.

Se una donna sa quanti giorni il sangue dovrebbe normalmente scorrere dopo la pulizia ginecologica dell'utero, quale dovrebbe essere e come proteggersi dalle manifestazioni negative, non ci saranno complicazioni. Il curettage di alta qualità aiuterà a sbarazzarsi della malattia.

Il curettage è un'operazione ginecologica che viene utilizzata sia a fini terapeutici che diagnostici. L'intervento viene effettuato in un ospedale in anestesia. Durante l'operazione, viene rimosso solo lo strato superiore dell'endometrio, che cresce, muore e viene rimosso mensilmente in modo naturale. La procedura di pulizia è semplice, ma successivamente possono sorgere alcune complicazioni, quindi è necessario sapere quale dovrebbe essere lo scarico, come si sente e così via..

Sanguinamento dopo aver pulito l'utero: quanto tempo dovrebbe essere normale

Molte donne hanno subito la procedura di aborto. Ma loro e coloro che non hanno ancora incontrato una tale procedura, non comprendono pienamente ciò che costituisce un processo di riabilitazione completa dopo una pulizia abortiva. Ma la salute del sistema riproduttivo della donna dipende da come avrà luogo il restauro dell'organo riproduttivo. Il sanguinamento è una conseguenza fisiologica del curettage, che può causare una certa eccitazione in una donna. Quanto sangue ci vuole dopo aver pulito l'utero e quando c'è motivo di eccitazione?

.gif "data-lazy-type =" image "data-src =" https://dazachatie.ru/wp-content/uploads/2018/03/Chistka_matki_pri_endometrioze.jpg "alt =" donna nel reparto "larghezza =" 660 " height = "440" srcset = " data-srcset = "https://dazachatie.ru/wp-content/uploads/2018/03/Chistka_matki_pri_endometrioze.jpg 660w, https://dazachatie.ru/wp-content/uploads /2018/03/Chistka_matki_pri_endometrioze-300x200.jpg 300w "dimensioni =" (larghezza massima: 660px) 100vw, 660px "/>

Cos'è una procedura??

L'utero è un organo riproduttivo, costituito principalmente da tessuto muscolare e endometrio. È in questo corpo che l'ovulo viene fecondato dallo sperma e dal conseguente sviluppo dell'embrione.

La cavità interna dell'utero è costituita da una membrana mucosa - l'endometrio, su cui è attaccato l'uovo fetale, che è l'inizio dello sviluppo e della vita del bambino. In assenza di fecondazione, la struttura dell'endometrio, che cambia dopo l'ovulazione, si prepara a prendere l'ovulo, cambia e alla fine del ciclo mestruale viene respinta. Questo processo non è altro che mensile.

Nel caso del curettage, lo strato superiore dell'endometrio viene rimosso. Dopo qualche tempo dopo la pulizia, ricresce, continuando a svolgere la sua funzione.

Dopo il curettage, tutti i biomateriali ottenuti vengono inviati per ulteriori studi. Vale la pena dire che normalmente, durante la procedura, non dovrebbe essere assegnato sangue dalla vagina.

C'è la pulizia ordinaria e separata. Quest'ultimo comporta la pulizia della cervice e solo dopo la stessa cavità uterina viene curata.

Oggi i ginecologi si rivolgono all'utilizzo in pratica di una procedura più accurata e sicura rispetto al curettage: l'isteroscopia.

Nel caso del curettage, si verifica una pulizia "alla cieca", cioè il medico esegue la procedura secondo lo schema di alcuni movimenti, ma senza vedere tutto ciò che accade all'interno della cavità uterina. Spesso, sotto forma di complicanze, si possono osservare alcuni disturbi nel lavoro dell'organo riproduttivo, che possono portare alla comparsa di coaguli di sangue al suo interno..

L'isteroscopia prevede l'introduzione di un dispositivo speciale nell'utero del paziente, grazie al quale il medico vede le pareti di questo organo genitale e il processo di pulizia stesso.

Le attuali tecnologie consentono il curettage in modo tale che il paziente non provi praticamente alcun dolore.

Indicazioni per l'operazione

Una tale procedura ginecologica è prescritta in questi casi:

  1. Necessità di analisi endometriale.
  2. Rimozione di una formazione patologica.
  3. Interruzione della gravidanza - per motivi medici o secondo la volontà del paziente.
  4. Rimozione di un feto bloccato nello sviluppo, pulizia dopo un aborto spontaneo.

Il curettage viene prescritto dopo aver esaminato l'utero mediante ultrasuoni e aver eseguito alcuni test. Molti pazienti lamentano che alla fine del curettage, da qualche tempo provano sanguinamenti profondi dalla vagina, che è spesso accompagnata da sensazioni dolorose.

Leggi quanto tempo dura l'emorragia dopo la pulizia dell'utero è normale?

.gif "data-lazy-type =" image "data-src =" https://dazachatie.ru/wp-content/uploads/2018/03/devushka-v-belom-bele-derzhit-beluyu-bumazhku-v- kotoruyu-fasuyut-prokladki.jpg "alt =" pad "width =" 660 "height =" 418 "srcset =" "data-srcset =" https://dazachatie.ru/wp-content/uploads/2018/03/ devushka-v-belom-bele-derzhit-beluyu-bumazhku-v-kotoruyu-fasuyut-prokladki.jpg 660w, https://dazachatie.ru/wp-content/uploads/2018/03/devushka-v-belom-bele -derzhit-beluyu-bumazhku-v-kotoruyu-fasuyut-prokladki-300x190.jpg 300w "dimensioni =" (larghezza massima: 660px) 100vw, 660px "/>

Il periodo di riabilitazione dopo il curettage

L'endometrio viene completamente ripristinato all'interno di un ciclo mestruale. Questo tempo è sufficiente affinché l'utero si riprenda completamente e inizi a "funzionare" nella sua normale modalità.

Nella stragrande maggioranza dei casi, lo scarico alla fine del curettage viene osservato per diversi giorni, come le mestruazioni regolari. Se l'emorragia dura più di 7 giorni, ha senso consultare un medico. Normalmente, dopo la pulizia, le pareti dell'utero dovrebbero contrarsi gradualmente e quando questo processo si verifica lentamente, può essere accompagnato da macchie di macchie. Alcune complicazioni possono essere coinvolte..

Ma quando l'emorragia è abbondante e prolungata, molto probabilmente dopo la pulizia ci sono disturbi patologici nel lavoro dell'utero. Vale anche la pena prestare attenzione ai dolori prolungati nell'addome inferiore: se si preoccupano anche dopo la fine della scarica sanguinolenta. Questo non è normale, quindi ha senso consultare un medico.

Il dolore può essere considerato la norma, che si osserva solo durante la dimissione, e dopo il benessere generale del paziente dovrebbe solo migliorare.

.gif "data-lazy-type =" image "data-src =" https://dazachatie.ru/wp-content/uploads/2018/03/medikamentoznoe-lechenie.jpg "alt =" tablets "width =" 660 " height = "447" srcset = " data-srcset = "https://dazachatie.ru/wp-content/uploads/2018/03/medikamentoznoe-lechenie.jpg 660w, https://dazachatie.ru/wp-content /uploads/2018/03/medikamentoznoe-lechenie-300x203.jpg 300w "dimensioni =" (larghezza massima: 660px) 100vw, 660px "/>

Assistenza medica

Molto spesso, dopo una tale procedura ginecologica, al paziente vengono prescritti determinati farmaci. Quindi, per eliminare la sindrome dolorosa, il medico può consigliare di prendere un nos-pu. A seconda della complessità della procedura, può essere prescritto un ciclo di antibiotici, che ripristinerà la funzionalità del sistema riproduttivo.

Con sanguinamento uterino, vengono spesso prescritti farmaci che accelerano le contrazioni uterine e rallentano il flusso sanguigno. Questi includono:

  • Etamzilat;
  • "Cloruro di calcio";
  • "Acido Epsilon-aminocaproico";
  • "Contrikal";
  • "Tugina";
  • "Vikasol".

Grazie a uno speciale corso terapeutico, viene esclusa la possibilità di infezione all'interno dell'utero e il processo di guarigione viene accelerato. Di norma, dopo aver assunto tali farmaci, tutte le spiacevoli conseguenze fisiologiche del curettage scompaiono. Dopo l'operazione, il dolore è possibile

Possibili complicazioni

  1. Perforazione della cavità uterina. Restringimento della cervice, che viene eliminato da uno speciale strumento perforante, una sonda o nel processo di assunzione di antibiotici. Tutto dipende dalla complessità della patologia.
  2. Infiammazione della cavità uterina. È possibile solo nei casi in cui è stata effettuata la pulizia al momento dell'infiammazione o dell'erosione della cervice e dell'utero, incluso. Ma se alla vigilia di questo intervento è stato effettuato un esame approfondito, nella maggior parte dei casi è possibile evitare una tale complicazione.
  3. Hematometer. Una deviazione patologica caratterizzata da un accumulo di sangue nella cavità uterina. Si verifica a causa di uno spasmo caratteristico dopo la pulizia..
  4. Danno all'endometrio. Può essere osservato quando un grande strato di tessuto mucoso è stato rimosso durante il curettage - insieme allo strato esterno, è stato anche catturato il "germoglio". Con tali danni, il nuovo guscio non cresce più.

Irregolarità mestruali dovute al curettage

Se, dopo aver pulito l'utero, il ciclo mestruale del paziente è notevolmente violato, allora questo non è un motivo di eccitazione. Ma nel caso in cui, alla fine del periodo di riabilitazione, iniziassero le mestruazioni ripetute, ha senso consultare un medico, poiché ciò suggerisce che il processo di recupero non sta andando bene.

È possibile la violazione del ciclo mestruale dopo una tale procedura ginecologica. E per risolvere un tale problema, è sufficiente cercare l'aiuto di un medico. Lo specialista valuterà l'essenza del problema e, come spesso accade, prescriverà un trattamento specifico.

Il curettage è una procedura ginecologica comune, durante la quale viene rimosso lo strato esterno dell'endometrio nell'utero e nella cervice. Una delle manifestazioni fisiologiche della pulizia dell'utero è il sanguinamento. Lo spotting non dovrebbe durare più di 10 giorni. Se continua a sanguinare dalla vagina anche dopo 10 giorni, allora devi consultare un medico, poiché possiamo parlare di complicanze.

Cosa sai di questa procedura? Forse tu o i tuoi amici siete stati raschiati? Sei riuscito a rimanere incinta dopo un aborto spontaneo?